Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 18 novembre 2019 | aggiornato alle 12:36| 62061 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

Bar e ristoranti, il saldo è negativo
Nel 2018 chiusi 25.934 esercizi

Bar e ristoranti, il saldo è negativo 
Nel 2018 chiusi 25.934 esercizi
Bar e ristoranti, il saldo è negativo Nel 2018 chiusi 25.934 esercizi
Primo Piano del 13 giugno 2019 | 12:53

Lo rivela un rapporto del Centro Studi di Fipe: in un anno chiusure più delle aperture (13.629) di quasi il doppio. Trentino, Piemonte e Marche con le percentuali peggiori. Si “salvano” Basilicata, Calabria e Campania, con numeri comunque negativi, tra l'1,8 e il 2,8%. Ampio turnover, tra i bar tasso di mortalità all’8%.

Per ogni bar o ristorante aperto in Italia nel 2018, due hanno chiuso i battenti. C’è dinamismo, un turnover molto alto e, inesorabilmente, il settore perde qualche pezzo. Il saldo è negativo, così come nel 2017, e i numeri lo certificano: l’anno scorso nel nostro Paese hanno avviato l’attività 13.629 locali tra ristoranti (7.412), bar (6096) e mense/catering (121), ma hanno chiuso in 25.934 (13.742 ristoranti, 11.991 bar e 201 mense/catering).

Il Rapporto è del Centro Studi della Fipe (Bar e ristoranti, il saldo è negativo Nel 2018 chiusi 25.934 esercizi)
Il Rapporto è del Centro Studi della Fipe

A rivelarlo è un Rapporto del Centro Studi di Fipe, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi. Il saldo è presto fatto: sul territorio nazionale ci sono 12.305 locali meno, pari a un 3,7% in meno di tasso di imprenditorialità. A soffrire sono soprattutto i bar (-4%), meno i catering (-2,4%).

Per quel che riguarda la distribuzione geografica del fenomeno, chi più, chi meno, tutte le regioni fanno segnare un bilancio passivo, senza eccezioni. Peggio di tutti fanno il Trentino Alto Adige (-5,0%), il Piemonte (-4,6%), e le Marche (-4,5%), mentre si “salvano” la Basilicata (-1,8%), la Calabria (-2,5%) e la Campania (-2,8%). Le regioni a più alto turnover sono Umbria, Marche, Trentino, e Piemonte. Il tasso complessivo è pari a -3,4% indica che il segmento ha perso 3,4 imprese ogni 100 attive. Diminuiscono del 4% anche le ditte individuali, mentre le società di persone presentano tassi addirittura peggiori (-4,6%).

Nel segmento bar l’anagrafe imprenditoriale indica un saldo negativo di 5.895 unità. Il turn over nelle imprese che operano nel comparto rimane consistente, smentendo i numerosi luoghi comuni che descrivono il bar come un’impresa di facile approccio. Il tasso di mortalità è pari all’8% e quello del turnover a -4%. Il 53,9% delle imprese ha forma giuridica di ditta individuale; il 30,3% delle imprese opera come società di persone, mentre la quota delle società di capitale è del 14,5%.

Il quadro della nati-mortalità del settore si completa con i dati relativi alla ristorazione collettiva dove si registra un turn over imprenditoriale relativamente modesto con 121 iscrizioni e 201 cessazioni. C’è da dire, tuttavia, che le imprese che svolgono attività di fornitura di pasti preparati e ristorazione collettiva sono poco più di tremila unità, concentrate perlopiù in Lombardia, Lazio e Campania.

Per informazioni: www.fipe.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


locali Bar ristoranti saldo negativo fipe federazione italiana pubblici esercizi regioni chiusure aperture trentino marche piemonte calabria campania basilicata mense catering rapporto centro studi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).