Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 09 luglio 2020 | aggiornato alle 06:02| 66616 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Rational
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

Ritardi nei pagamenti
Danni per 10mila euro alle aziende

Ritardi nei pagamenti 
Danni per 10mila euro alle aziende
Ritardi nei pagamenti Danni per 10mila euro alle aziende
Pubblicato il 02 marzo 2020 | 15:15

Tanto perde mediamente in un anno ogni impresa, secondo una ricerca di Sap Concur sulle Piccole e medie imprese italiane. Una situazione che potrebbe addirittura precipitare con l’emergenza da coronavirus.

Il rallentamento delle attività economiche e commerciali di queste settimane dovuto all’emergenza da coronavirus sta mettendo in difficoltà numerosissime aziende italiane, soprattutto tra le Piccole e medie imprese. Difficoltà che, tra qualche settimana, potrebbero tradursi nell’impossibilità di gestire come d’abitudine i pagamenti per clienti e fornitori.

I ritardi nei pagamenti generano danni per le Pmi italiane - Ritardi nei pagamenti Danni per 10mila euro alle aziende
I ritardi nei pagamenti generano danni per le Pmi italiane

È una delle conseguenze di questo periodo di grande incertezza nel Paese, che potrebbe fiaccare una situazione già oggettivamente difficile per tante piccole realtà italiane. Una ricerca condotta al termine dello scorso anno da BVA-Doxa per SAP Concur (azienda specializzata in soluzioni tecnologiche per i business traveller) sulle Pmi italiane ha evidenziato infatti che a causa delle difficoltà riscontrate d’abitudine nel gestire i pagamenti di clienti e fornitori, ogni anno i ritardi accumulati causano, in media, danni per 10mila euro a ogni Pmi. E il settore dei servizi è quello che soffre più ritardi, a causa anzitutto della mancanza di liquidità.

In Italia il pagamento ritardato delle fatture è un fenomeno tuttora molto diffuso: 2 aziende su 5 devono infatti fare i conti quotidianamente con questo problema. Nell’ultimo anno il 40% delle PMI ha riscontrato ritardi, soprattutto nel Nord Est dell’Italia (tra l’altro la zona più colpita dall’emergenza coronavirus), principalmente in micro imprese che impegnate nei settori della manifattura e della produzione.

Si viene a creare così un circolo vizioso: emerge infatti che circa il 20% delle fatture non viene pagata alla scadenza. Gli acquirenti che pagano in ritardo si giustificano soprattutto adducendo a problemi di liquidità. Questi sono più frequenti nel Centro-Sud, ma sono numerosi anche al Nord dove la problematica crea ulteriori ritardi a cascata: ciò significa che l’acquirente non salda la fattura finché a sua volta non viene pagato.

Tra i clienti “ritardatari” non si evidenziano particolari differenze in base alla tipologia di azienda: tra privati, imprese e Pubblica amministrazione, la percentuale di acquirenti che paga in ritardo è più o meno la stessa e si aggira attorno al 55% sul totale.

La mancanza di liquidità tocca in particolar modo le aziende impegnate nei settori della manifattura e della produzione, mentre nei servizi emerge, come altro ostacolo, il problema della complessità delle procedure che comportano ulteriori ritardi nei pagamenti. Le aziende B2C segnalano inoltre difficoltà con le banche. Il pagamento ritardato riverbera in primis sul cash flow, la differenza tra entrate e uscite di cassa, anche se non mancano ricadute su investimenti e taglio delle spese.

Da notare il fatto che i ritardi nei pagamenti siano più frequenti nel settore dei servizi e in Lombardia. Tutto ciò, secondo l'azienda che ha condotto l'indagine, è dovuto probabilmente allo sviluppo elevato del settore terziario nella regione locomotiva d’Italia. Di conseguenza, più alto è il numero di transizioni, il monte di lavoro e le attività commerciali, maggiore è il rischio che ci siano ritardi. Spesso la virtualizzazione dello scambio della “merce” nel settore dei servizi porta purtroppo a una superficialità nei pagamenti.

«Si tratta di un problema che abbiamo e stiamo riscontrando anche con i nostri clienti – ha detto Alessia Poletti, Senior Field Marketing Manager di SAP Concur Italia - per questo la gestione intelligente delle spese aziendali per viaggi d'affari è fondamentale e non incide solo sugli utili netti. Uno dei nostri primi obiettivi è quello di aiutare le aziende a risparmiare, ma anche a migliorare la produttività delle risorse sia in ufficio che fuori sede».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS fatture pagamenti ritardi danni pubblica amministrazione servizi lombardia piccole medie imprese aziende SAP Concur Italia Alessia Poletti

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®