Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 15 novembre 2019 | aggiornato alle 06:25| 62023 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     MEDIA     STAMPA, WEB, TV e APP

Via i “like” da Instagram
Tempi duri per gli influencer

Via i “like” da Instagram 
Tempi duri per gli influencer
Via i “like” da Instagram Tempi duri per gli influencer
Pubblicato il 18 luglio 2019 | 08:43

Il social network ha avviato una sperimentazione anche in Italia, dopo averlo fatto in Canada. Potrà vedere i “mi piace” solo l’autore del post. Se confermata, la decisione potrebbe stravolgere il mercato digitale.

Chi l’ha presa peggio, c’è da scommettere, sono gli influencer, che hanno fatto dei “like” il metro di valutazione del loro lavoro. Per ora si tratta solo di un esperimento, ma quello messo in atto ieri da Instagram in Italia potrebbe rivelarsi una vera e propria rivoluzione. Il social network ha infatti nascosto i “like” dei post, rendendoli visibili unicamente all’autore. In altre parole, più nessuno potrà vedere quanti “mi piace” ha collezionato una foto postata da altri.

I "like" di Instagram sono spariti anche in Italia (Via i like da Instagram Tempi duri per gli influencer)
I "like" da Instagram sono spariti anche in Italia

Si annunciano dunque tempi duri per gli influencer, per cui questo strumento è uno dei pochi (per alcuni l'unico) in grado di misurare la fedeltà e il seguito dei loro followers. La motivazione ufficiale, ben spiegata dai vertici del social network, è quella di restituire più dignità alle fotografie: «Vogliamo aiutare le persone - dice Tara Hopkins, Head of Public Policy Emea di Instagram - a porre l'attenzione su foto e video condivisi e non su quanti Like ricevono. Vogliamo che Instagram sia un luogo dove tutti possano sentirsi liberi di esprimersi. Stiamo avviando diversi test in più Paesi per apprendere dalla nostra comunità globale come questa iniziativa possa migliorare l'esperienza su Instagram».

Anticipata da Mark Zuckerberg alla Conferenza per gli sviluppatori di Facebook di fine aprile, la sperimentazione è già partita in Canada e presto sarà estesa anche in altri Paesi. Instagram ha oltre 1 miliardo di utenti nel mondo, di questi la metà utilizzano Le Storie.

Ma c’è anche chi pensa che questo provvedimento potrà essere addirittura positivo anche per gli stessi influencer, come Vincenzo Cosenza, responsabile marketing di Buzzoole, azienda di influencer marketing. «Le aziende che vogliono fare attività di Influencer Marketing - dice - potrebbero essere spinte a valutare elementi più significativi rispetto al semplice numero di like, come la qualità dei contenuti o il numero effettivo di persone raggiunte da un contenuto o le visualizzazioni». Dati, però, che è possibile ottenere solo attraverso aziende specializzate.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


stampa media Vincenzo Cosenza like instagram influencer social network marketing digitale canada social media mark zuckerberg Tara Hopkins esperimento mi piace condivisioni immagini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).