Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 20 novembre 2019 | aggiornato alle 00:41| 62100 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     OLIO    
di Fulvio Raimondi
sommelier dell'olio
Fulvio Raimondi
Fulvio Raimondi
di Fulvio Raimondi

Molise, terra di oli imperiali

Molise, terra di oli imperiali
Molise, terra di oli imperiali
Pubblicato il 06 ottobre 2019 | 10:21

In una regione quasi sconosciuta (ma che esiste ed è florida) nasce, nell’antica Roma, l’olio extravergine d'oliva (uno dei migliori) che i romani consideravano degno del loro impero.

Ebbene sì, il Molise esiste, ed esiste anche l’olio evo del Molise. Eccome se esiste. Tanto che se si torna indietro nel tempo, e si arriva all’impero romano, l’olio che veniva prodotto nella zona del Venafro, era considerato "albus" quello derivato dalla prima spremitura, cioè quello migliore. Si pensi poi che l’olio di questa regione venne citato anche da famosi poeti di quel tempo come Plinio nel suo "De Oleo", da Catone in "De rustica" e da Orazio nelle sue "Satire".

L'olio molisano è conosciuto sin dai tempi dell'Impero romano (Molise, terra di oli imperiali)
L'olio molisano è conosciuto sin dai tempi dell'Impero romano

Pur essendo una regione di ridotte dimensioni, in fatto di produzione mantiene una sua spiccata dignitá. Con i suoi oltre 100 frantoi, con circa 13mila ettari coltivati e con le sue 3 milioni di piante è riuscita a mantenere costante la sua produzione nell’ultima annata, essendo così in contro tendenza al calo generalizzato che ha colpito tutto il sud della penisola.

Ha la sua Dop nella zona di Colletorto da cui nasce il nome della sua cultivar più famosa, l’oliva nera di Colletorto, appunto, affiancata poi dalla Gentile di Larino e, in misura minore dalla cultivar Aurina. Viene coltivato in quasi la totalità della regione, dalle zone vicino al mare fino a risalire nella parte collinare più interna. Sono oli il cui fruttato può venire considerato tra il delicato ed il medio delicato. C’è una certa classe nel far sentire la propria presenza in un olio di questa regione. Non ha bisogno di sbandierarsi per farsi notare.

E per trovare sul posto gli oli in questione, non si può non visitare la parte molisana del Parco Nazionale d’Abruzzo, habitat ideale di lupi ed orsi, oppure non dimenticarsi del fatto che la regione si affaccia sull’Adriatico ed ha in Termoli uno dei posti da vedere con il suo Castello Svevo risalente al XIII secolo. Se poi volessimo ammirare Campobasso ed Isernia, nel capoluogo ci attende il Castello Monforte costruito addirittura nel 1100 e restaurato dal Conte Nicola II Monforte a metá del 1400 dopo un terremoto; mentre ad Isernia il monumento più importante è senza dubbio la Cattedrale di San Pietro Apostolo, la cui costruzione è datata 1349.

Parlando di oli e di territorio, i piatti su cui gli oli molisani sono maggiormente indicati sono principalmente insalate di pesce, tortelli di ricotta e, tra i piatti proprio locali, troviamo i fusilli al ragù di pecora e la carpa mollicata. La delicatezza del loro carattere regalerá a queste pietanze il rispetto e la dovuta considerazione. I romani furono i primi a considerare l’olio evo come possibile alimento e fu qui che trovarono quello che soddisfava i loro fini palati. Non dimentichiamoci del piccolo ma imperiale Molise.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


olio oil evo molise impero roma impero romano piatti tipici regione frantoio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).