Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 14 novembre 2019 | aggiornato alle 22:55| 62023 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     OLIO    
di Fulvio Raimondi
sommelier dell'olio
Fulvio Raimondi
Fulvio Raimondi
di Fulvio Raimondi

Olio evo pugliese
Un patrimonio da difendere

Olio evo pugliese 
Un patrimonio da difendere
Olio evo pugliese Un patrimonio da difendere
Pubblicato il 01 novembre 2019 | 12:25

È la regione del sorriso e del “tacco d’Italia”, dove si mescolano accoglienza e sensualità, dove le distese di ulivi partono dalla pianura per arrivare fino al mare. La Puglia è il paradiso dell’olio extravergine.

Una regione in grado di sedurre il visitatore con il sole che la scalda e con i più gioiosi sorrisi italiani, non può non colpire anche con i sapori della terra e, per raccontare cosa sia la Puglia in relazione all’olio extravergine, vero e proprio tesoro della regione, non può bastare un solo articolo. Per iniziare, ecco alcuni numeri riguardanti la produzione. In Puglia la superficie coltivata ad oliveti è circa di 373mila ettari. Ci sono circa 60 milioni di piante, di cui circa 15 milioni secolari e 5 milioni considerate monumentali. Vengono prodotte circa 160mila tonnellate di olio, quasi il 50% della produzione nazionale. Ci sono quasi mille frantoi e circa 230mila aziende. È per distacco la regione regina riguardo all’olio evo.

In Puglia ci sono circa 60 milioni di piante, di cui circa 15 milioni secolari e 5 milioni considerate monumentali (Olio evo pugliese Un patrimonio da difendere)
In Puglia ci sono circa 60 milioni di piante, di cui circa 15 milioni secolari e 5 milioni considerate monumentali

Tra le piante considerate monumentali esiste l’ulivo più antico del mondo. È una meta turistica per gli appassionati del settore perché vanta ben 4mila anni di vita. Pensate, siamo alle origini della civiltà. Intorno al 2000 a.C. le persone vivevano quella che è considerata la media età del bronzo. Era l’epoca della Mesopotamia, dell’antico Egitto, tanto per dare qualche cenno temporale. Da allora, quell’albero vive testimoniando quanta forza e tenacia abbia saputo conservare e accrescere nel tempo.

Forza e tenacia, però, messe recentemente a dura prova dal problema Xylella. La Xylella è un batterio che vive e si riproduce all’interno dell’apparato conduttore della linfa e, una volta innestatosi nella pianta, blocca il passaggio di quegli elementi essenziali alla vita della pianta stessa, seccandola. Come spesso succede, in questi casi ci sono coloro che cercano di rimbalzare responsabilità ma, vista la gravità del problema, occorrono rimedi piuttosto che accuse.

E tali rimedi dovranno preservare tutto il patrimonio di cultivar che la regione regala grazie alle sue 5 zone Dop. In tutta la regione si possono trovare decine di cultivar diverse con altrettante caratteristiche organolettiche particolari. Sono circa 32 le varietà autoctone, tra cui Cellina barese, Cellina di Nardò, Cima di Mola, Ogliarola barese e garganica, Peranzana, Rondella e la più famosa e conosciuta Coratina.

Dal Gargano, passando per Bari, scendendo fino a Lecce e al Salento per poi andare sulla sponda ionica, possiamo trovare innumerevoli accostamenti tra siti da visitare e piatti da gustare su cui adagiare il nostro prezioso tesoro verde. Chi ha vissuto anche per brevi periodi in questa parte d’Italia, ci vuole tornare, come fosse in preda a quello che si potrebbe definire il “mal di Puglia”. E noi ci faremo ritorno illustrando nel dettaglio cosa sia l’olio pugliese nei vari territori che lo producono.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


olio oil evo olio di oliva extravergine olio extravergine olio pugliese Puglia ulivi secolari xylella

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).