Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 12 agosto 2022 | aggiornato alle 22:40| 86920 articoli in archivio

Re Panettone torna a Milano per un’edizione ricca di novità

Dopo il successo a Napoli, Re Panettone torna nella patria meneghina, dove il 28 e il 29 novembre celebrerà la sua 8ª edizione alla Fabbrica del Vapore, con tante novità per il pubblico, tra cui le degustazioni mirate

23 novembre 2015 | 15:01

Re Panettone Milano 2015 la mostra mercato di panettoni artigianali più attesa dell’anno, che nel 2014 ha ottenuto oltre 21mila visitatori, vedrà nell’edizione di quest’anno la presenza di 40 pasticcieri eccellenti, provenienti da tutt’Italia. La lista delle pasticcerie verrà diffusa da Stanislao Porzio, ideatore e coordinatore dell’evento nel corso della conferenza stampa che si terrà il prossimo mercoledì 25 novembre a Palazzo Marino, alle ore 10.30. Ma veniamo alle novità che caratterizzeranno Re Panettone Milano 2015. La prima per l’evento più atteso da decine di migliaia di milanesi riguarda il cambio di sede: quest’anno Re Panettone si terrà alla Fabbrica del Vapore in via Procaccini 4 (Metro 5 Monumentale o Cenisio, Tram 10, 12, 14).



Come l’anno scorso l’ingresso sarà a inviti con registrazione, scaricabili gratis dal sito web www.repanettone.it, oppure compilabili in cartaceo nella sede dell’evento. Altra importante innovazione sono le degustazioni mirate. Saranno otto al giorno, dedicate ciascuna a un diverso pasticciere e prenotabili online. Gli artigiani del sabato verranno intervistati da Patrizia Frisoli (collaboratrice dei siti Mangiare Bene e Cibus, e docente dell’Ateneo di Nerviano) e quelli della domenica da Elena Barusco (autrice di programmi radiofonici sul cibo e di libri per Slow Food editore), e al termine si degusteranno i loro prodotti. Una degustazione mirata costa 5 €, ma vi sono agevolazioni per chi s’iscrive a più degustazioni.



È bene ricordare che tutti i panettoni presentati sono rigorosamente artigianali, realizzati senza ingredienti che ne prolunghino artificialmente la vita (come i conservanti e i mono e digliceridi utilizzati dall’industria), né semilavorati che ne facilitino la produzione artigianale, omogeneizzandone i sapori (lieviti disidratati e mix). L’obiettivo di Re Panettone è da sempre esaltare la naturalità, la qualità, la freschezza dei prodotti da una parte e la capacità tecnica e l’originalità creativa dell’artigiano dall’altra. Anche quest’anno sono previste analisi a cura del dipartimento DeFens dell’Università Statale di Milano, per controllare la conformità al disciplinare dei dolci presenti. Ogni lievitato di alta pasticceria sarà messo in vendita al costo di 22 € al chilo, un "prezzo politico" per promuovere la qualità. Con l’acquisto di un calice (5 €) presso il wine bar di Civiltà del bere (periodico enologico), si possono degustare diversi vini senza ulteriori costi.

Due le competizioni. Il Premio I PanGiuso, sostenuto da Giuso, individua il panettone e il lievitato innovativo migliori; in giuria fra gli altri i maestri Sal De Riso e Alfonso Pepe, e i giornalisti Roberta Schira, Pier Bergonzi e Marco Mangiarotti. Il Premio I Custodi del Panettone, che offre riconoscimenti alle confezioni per panettone più ecosostenibili, più creative e più funzionali.
Un panettone per chi conosce il panettone. E Milano è l’ormai tradizionale gioco di Tullo Montanari, cultore del dialetto e delle tradizioni milanesi, durante il quale verranno offerti ai più informati fra il pubblico omaggi donati dai pasticcieri.



Gli incontri di quest’anno toccheranno argomenti agli antipodi: "L’avventura del panettone" lombardo racconterà di un pasticciere che è riuscito per il panettone ad avvalersi di soli ingredienti lombardi, agrumi compresi; "Il punto di vista orientale sul panettone", invece, sarà focalizzato sulla storia della lontanissima Donq, azienda nipponica produttrice di pane e panettone. Da una parte l’intervento del più celebrato e professionale tra i pasticcieri italiani, Iginio Massari; dall’altra "Il panettone in casa? Si può fare", in cui tre audaci appassionati saranno alle prese con la più difficile fra le preparazioni domestiche. Infine in "Poesia: panettone del corpo e dell’anima" rimatori della fama di Tomaso Kemeny e Amos Mattio proporranno ampie e gustose fette di letteratura in versi.

© Riproduzione riservata