Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 28 giugno 2022 | aggiornato alle 05:35| 85767 articoli in archivio

Erwan Garofano a Courmayeur Campione nazionale Abi Professional

L’hotel Pavillon dei Truchet, un classico dell’ospitalità di Courmayeur Mont-Blanc, ha accolto oltre un centinaio di delegati di Abi Professional, l’Associazione barmen italiani. Una rappresentativa motivata. Il presidente Ernesto Molteni ha guidato i lavori dell’assemblea nazionale dando il via alla finale del 3° Concorso Abi Professional.

Gabriele Ancona
di Gabriele Ancona
vicedirettore
12 aprile 2018 | 16:50
Erwan Garofano a Courmayeur 
Campione nazionale Abi Professional

L’hotel Pavillon dei Truchet, un classico dell’ospitalità di Courmayeur Mont-Blanc, ha accolto oltre un centinaio di delegati di Abi Professional, l’Associazione barmen italiani. Una rappresentativa motivata. Il presidente Ernesto Molteni ha guidato i lavori dell’assemblea nazionale dando il via alla finale del 3° Concorso Abi Professional.

A questo ha fatto seguito il contest Arazzo, non esclusivamente riservato ai soci dell'associazione. «Siamo tutti insieme, più bravi e meno bravi - ha ricordato Molteni - per imparare e crescere professionalmente in amicizia. Partecipare è sintomo di crescita e farlo con l’associazione significa migliorare la propria carriera. Per questo motivo vengono organizzati concorsi e gare: per confrontarsi e imparare divertendosi. Quale miglior master di una competizione di cocktail tra professionisti che mostrano tecniche e stili diversi, creatività e savoir faire personalizzati?».

Erwan Garofano (Erwan Garofano a Courmayeur  È il campione nazionale Abi Professional)
Erwan Garofano

Al 3° Concorso hanno partecipato 20 professionisti provenienti da ogni regione che in 7 minuti hanno dovuto realizzare i drink in abbinata food pairing. I loro elaborati sono stati valutati da una giuria del gusto composta da Andrea Francardi (barman campione Aibes 2015; una presenza significativa che smussa le spigolosità tra le due associazioni), Marco Corgnati (già campione del mondo flair e titolare della scuola 100xCento The Bartending), Andrea Balleri (miglior sommelier d’Italia 2013) e Leonardo Muto (fiduciario Amira).

La gara ha visto in pedana concorrenti motivati che hanno realizzato ricette che hanno esaltato gli ingredienti degli sponsor della manifestazione. Grande creatività e ricerca, ma un po’ troppa enfasi nella realizzazione delle decorazioni al bicchiere, che in alcuni casi hanno richiesto una precisione messa tuttavia a dura prova dall’emozione agonistica. Nel complesso un tripudio di aromi, profumi e cromatismi.

Ernesto Molteni (Bere mix, Erwan Garofano numero uno È il campione nazionale Abi Professional)
Ernesto Molteni

Davide Benvenuto (sezione Val d’Aosta) si è aggiudicato il premio Miglior decorazione, a Christian Olivari (Lombardia) il premio Miglior finger food e a Erwan Garofano (Liguria) quello Miglior tecnica. Un’abilità che ha portato Garofano anche sul gradino più alto del podio nella gara generale. È lui infatti il Campione nazionale Abi Professional 2018. Alle sue spalle Giuseppe Rizzo (Puglia) e Valerio Vitiello.

Queste le loro ricette:
Erwan Garofano - Sea in the mountain
Ingredienti: 40 ml di VerGin Vertosan; 50 ml di infuso “Noti in Tibet”; 20 ml di sciroppo di zucchero Fabbri 1905; 20 ml di succo di lime.

Giuseppe Rizzo, Miscere dei
Ingredienti: 10 ml di Gin Bombay Sapphire (Martini&Rossi); 10 ml di Vermouth extra dry (Martini&Rossi); 40 ml di Saint Germain (Martini&Rossi).

Valerio Vitiello, Kombucha
15 ml di Gin Puro (Bonaventura Maschio); 35 ml di vodka alla vaniglia; 15 ml di alkermes; 15 ml di miele; 15 ml di succo di limone, tea verde Osmathus.

(Bere mix, Erwan Garofano numero uno È il campione nazionale Abi Professional)
Sea in the mountain

I 41 partecipanti al Concorso Arazzo hanno dovuto realizzare al momento un drink utilizzando un ingrediente estratto a sorte. Prima classificata Beatrice Cappello (non associata Abi Professional), al secondo posto Bruna Margareci (Abi Sicilia), terzo classificato Christian Olivari (Abi Professional Lombardia) a pari merito con Cristian Russo. I premi dedicati agli sponsor hanno visto imporsi Luca Ciccacci (Fabbri 1905), Valentina Tucci (Campari), Antonio Stranieri (Caffè Borghetti), Francesco Lubieri (Fernet Branca), Luciano Loggia (Brancamenta), Elisa Lodale (Vertosan), Pier Luigi Ricci (Varnelli), Massimo Battisti (The Barmaster Gin), Luciano Loggia (The Queen), Davide Benvenuto (Gin Puro), Nicolò Bolognino (Martini &Rossi), Cristian Russo e Roberto Pallerei (Vecchio Amaro del Capo), Laura Dalcaldo (St. Roch), Emanuele Carlà (Wild Ibiscus), Pietro Sangiuliano (Amaro Montenegro).

L'evento ha avuto come main sponsor: Consiglio regionale della Valle d’Aosta, Amarena Fabbri, Bonaventura Maschio e Ceado. Official sponsor sono stati invece: Martini&Rossi, Nespresso, Vertosan, Caffo, Varnelli, Wild Ibiscus, Amaro Montenegro, Campari, St. Roch, Russian Standard Vodka, Valmatic Nespresso, Fratelli Branca Distillerie, Bevande Futuriste, F.lli Gancia.

«Senza il loro fattivo sostegno - ha annotato Ernesto Molteni - sarebbe quasi impossibile realizzare i nostri concorsi e parte delle nostre attività. Dobbiamo focalizzare l’ impegno non solo sulle varie competizioni, ma in particolar modo sul posto di lavoro, dove utilizziamo e divulghiamo i loro prodotti durante l’attività professionale».

Per informazioni: www.abiprofessional.it

© Riproduzione riservata