Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 07 dicembre 2022 | aggiornato alle 07:08| 90070 articoli in archivio

Sotto la toque

Testarda, istintiva, poco diplomatica: Deborah Corsi si racconta

Abbiamo sollevato il cappello da cuoco a Deborah Corsi, chef proprietaria del ristorante “La Perla del Mare”, che ci ha svelato i suoi segreti: da cosa voleva diventare da grande a ciò che non manca mai nel suo frigo

Carla Latini
di Carla Latini
14 giugno 2022 | 08:30

Deborah Corsi è la chef proprietaria del romantico ristorante “La Perla del Mare”, situato scenograficamente in modo molto suggestivo sulla spiaggia di San Vincenzo, in provincia di Livorno, davanti all’azzurro mare toscano. Inserita nelle più prestigiose guide della ristorazione come l’Espresso, Gambero Rosso, Identità Golose, Michelin e Touring Club, membro dell’associazione Jeunes Restaurateurs d’Europe, Deborah rimane da anni un solido punto di riferimento in Italia per il suo lavoro di grande qualità e per il suo bellissimo ristorante “vista mare” ben frequentato da un pubblico fedele ed esigente, che apprezza da sempre i magnifici piatti di sua creazione.

Deborah Corsi Testarda, istintiva, poco diplomatica: Deborah Corsi si racconta

Deborah Corsi

Grazie alla sua sensibile personalità femminile e alla sua passione per la pittura e le arti tutte, riesce a trasformare i migliori prodotti del mercato del giorno in preparazioni culinarie raffinate, in piatti artistici, dove la tecnica professionale, l’analisi gustativa e lo studio delle consistenze e del cromatismo creano puro piacere per gli occhi e per il palato dei suoi clienti. Una menzione particolare va ai suoi risotti, che cura amorevolmente come fossero tavolozze da far diventare quadri d’autore.

Deborah ama cucinare il mare e la terra che la circondano, oltre ad essere appassionata di preparazioni di pasticceria e cioccolateria. Le sue forti radici ben salde nel territorio la portano a fare una cucina moderna e tradizionale insieme, sommando tutta quell’esperienza, quella tecnica e quella creatività che la contraddistinguono e che l’hanno resa famosa nel palcoscenico attuale della ristorazione italiana.

Da bambina cosa sognavi di diventare?
Una pittrice... in qualche modo dipingo con i miei piatti

Il primo sapore che ti ricordi.
Sono cresciuta davanti al camino acceso, con lo scoppiettare del fuoco e l’odore dell’arrosto

Qual è il senso più importante?
La vista

Il piatto più difficile che tu abbia mai realizzato.
Il cacciucco trasportato dalla versione antica a quella mia personale, piatto complicato frutto di sapori e cotture millimetriche

Come hai speso il primo stipendio?
Per un viaggio a San Francisco, ricordo gli enormi granchi cotti che spaccavamo a martellate per estrarre la polpa

Quali sono i tre piatti che nella vita non si può assolutamente fare a meno di provare?
Il cacciucco (ovvio), il fritto di mare, la pizza

Cosa non manca mai nel frigo di casa tua?
Il Parmigiano

Qual è il tuo cibo consolatorio?
La focaccia farcita di mortadella, per me è come una scatola di cioccolatini

Che rapporto hai con le tecnologie?
Buono, talvolta ottimo

All’Inferno ti obbligano a mangiare sempre un piatto: quale?
Crostini di fegatini alla toscana con capperi e acciughe

Chi inviteresti alla cena dei tuoi sogni?
Cannavacciuolo: oltre a parlare di cucina mi farei anche quattro risate, troppo simpatico!

Quale quadro o opera d’arte rappresenta meglio la tua cucina?
“La libecciata” di Giovanni Fattori, un macchiaiolo delle nostre parti che mostra in questo quadro la forza e la bellezza della sua terra e del suo mare

Se la tua cucina fosse una canzone quale sarebbe?
“Despacito” di Luis Fonsi, un crescendo di parole e musica emozionante, un po’ come la mia cucina, dall’antipasto al dolce

 

La Perla del Mare
via della Meloria 9 - 57027 San Vincenzo (Li)
Tel 0565 702113

© Riproduzione riservata