Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
martedì 26 marzo 2019 | aggiornato alle 11:56 | 58151 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     BARMAN
di Ernesto Molteni
presidente ABI Professional
di Ernesto Molteni
presidente ABI Professional

Le regole della professionalità
nel rispetto dei diritti umani

Pubblicato il 08 febbraio 2019 | 08:28

La nostra associazione ha delle regole professionali da rispettare nonostante permetta a tutti i soci di portare avanti il proprio stile con garbo e moderazione, in modo pacato, serio e professionale


Recentemente ho assistito a una discussione sui social che toccava in modo errato il tema della discriminazione nell’ambito di un’associazione professionale. I tempi cambiano così come i costumi, i comportamenti, i linguaggi, i modi di pensare e di vedere le cose. Tutto ciò è coerente con l’evoluzione del genere umano, anche se poi analizzando bene le cose da un punto di vista storico si sa che alla fine ritorniamo sempre sui nostri passi e viviamo fasi cicliche di ritorno al passato.

(Le regole della professionalità nel rispetto dei diritti umani)

L’argomento in questione riguardava in modo specifico un tema che il Comitato esecutivo nazionale di Abi Professional aveva preso in esame relativo al fatto che non potevamo far entrare in associazione soggetti con tatuaggi vistosi, piercing e divaricatori. Abbiamo deciso, vista la tendenza e la moda attuale, di essere tolleranti se c’è decoro, igiene e comunque evitando un certo tipo di eccesso. Qualcuno ha strumentalizzato la questione sui social definendoci un’associazione discriminatoria con scarsa apertura mentale e ferma al Medioevo.

Abi Professional rispetta i diritti dell’uomo, ma deve salvaguardare le regole professionali della propria attività, che sono comunque leggi nazionali ed europee. Tengo altresì a precisare che tutte le associazioni di bartender a livello europeo sono in linea con noi e con le leggi Haccp. Non vogliamo discriminare nessuno, ma chi decide di svolgere la nostra professione deve accettare le leggi sanitarie oltre che le regole deontologiche e psicologiche derivanti da esperienze secolari. Così fanno anche le forze dell’ordine, quelle militari, il personale medico e tutti coloro che svolgono mansioni a contatto con il pubblico.

Oltretutto siamo comunque tolleranti visto che abbiamo deciso di accettare quelli non vistosi e che mantengano un certo decoro. Alla fine siamo anche orgogliosi che se ne parli, così facendo lanciamo un messaggio che siamo a tutti gli effetti un’associazione professionale. Gli atteggiamenti “da Medioevo” non sono i nostri, ma quelli di coloro che non rispettano le leggi sanitarie e le regole professionali oltre che deontologiche, plasmandosi oltretutto - proprio loro - come gli uomini dell’era preistorica.

Questo argomento tocca tutte le associazioni di settore e sarebbe bene lanciare un messaggio chiaro ai giovani che vogliono intraprendere un mestiere di servizio o preparazione di alimenti. È ora che tutti sappiano che: 1) la legge ci impone una divisa da lavoro che dobbiamo indossare quando siamo in servizio e togliere quando finiamo; 2) i capelli e la barba devono essere curati e, se non corti, raccolti; 3) non possiamo lavorare con anelli, bracciali, orologi, divaricatori e piercing poiché portatori di batteri.

regole professionalita diritti umani Abi Professional professione deontologia Haccp norme sanitarie igiene decoro bar barman miscelati drink


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

COMMENTI

10/02/2019 08:19:06
1)
Vorrei ricordare che per ragioni di igiene, a chi lavora nelle cucine come cuoco , nei laboratori di pasticceria e gastronomia in generale, dovrebbe essere proibita la barba ,portatrice di batteri , quindi chi ha almeno lavorato una volta nelle cucine, sa che con il sudore, chi ha la barba fa letteralmente schifo, con il continuo toccarsi la barba senza mai lavarsi le mani, i capelli sono coperti dalla berretta da cuoco/pasticcere/pizzaiolo ecc ,ed ogni qualvolta ci si toglie la berretta da lavoro ,viene naturale lavarsi le mani.Quindi sono d'accordo a : niente tatuaggi, niente piercing ecc,ma anche niente barba, non capisco come mai nessun responsabile di igiene, a prescindere dai regolamenti di categoria, sia intervenuto a proibire l'assurdità dei cuochi con la barba portatrice di batteri in una cucina, fanno letteralmente schifo ,compreso tutti i cuochi stellati .
eugenio solini
Imprenditore
libero professionista

Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548