Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 03 luglio 2022 | aggiornato alle 13:27 | 85910 articoli in archivio

Chef Rubio alle Paralimpiadi di Rio Cuoco ufficiale di Casa Italia

Chef Rubio cucinerà per gli atleti italiani durante le Paralimpiadi di Rio de Janeiro, dal 7 al 18 settembre prossimi. Così la cucina recupera il suo valore di aggregazione e condivisione, abbatendo tutte le barriere

di Mariella Morosi
 
13 maggio 2016 | 10:59

Chef Rubio alle Paralimpiadi di Rio Cuoco ufficiale di Casa Italia

Chef Rubio cucinerà per gli atleti italiani durante le Paralimpiadi di Rio de Janeiro, dal 7 al 18 settembre prossimi. Così la cucina recupera il suo valore di aggregazione e condivisione, abbatendo tutte le barriere

di Mariella Morosi
13 maggio 2016 | 10:59
 

Chef Rubio (nella foto), alias Gabriele Rubini, vincitore del sondaggio “Personaggio dell'anno dell’enogastronomia e della ristorazione” 2015 di Italia a Tavola per la categoria Cuochi e Pasticceri, rappresenterà la cucina italiana alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro, in Brasile, in programma dal 7 al 18 settembre. I giochi olimpici riservati agli atleti disabili seguiranno la XXXI Olimpiade che si svolgerà sempre a Rio dal 5 al 21 agosto. Ma per la prima volta ad ospitare Casa Italia, luogo di aggregazione degli azzurri, non sarà una struttura alberghiera o sportiva, ma una parrocchia della città, quella dell’Immacolata Concezione. Gli spazi, cucina compresa, saranno arredati in modo funzionale e sobrio.

Chef Rubio
Chef Rubio

Casa Italia Paralimpica sarà inaugurata il 6 settembre. Tra i vari eventi previsti una serata speciale “A tavola con lo chef Rubio” e un incontro musicale. Apertura speciale l’11 settembre per tutti i fedeli della parrocchia. Il progetto è stato presentato in Vaticano dal presidente del Cip (Comitato italiano paralimpico) Luca Pancalli insieme al cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della cultura. La scelta di ambientare Casa Italia nella struttura religiosa è stata motivata dal desiderio di portare lo sport tra i giovani delle favelas perché comunicasse i suoi valori, e anche per lasciare un segno perché alcuni progetti riguarderanno la pratica sportiva dei ragazzi disabili del quartiere.

Chef Rubio è da sempre particolarmente impegnato nel sociale con varie iniziative nell'abbattere ogni tipo di barriera e soprattutto nel coinvolgimento dei giovani con disabilità nel mondo dell’alimentazione e della cucina. Per comunicare con i non udenti ha approfondito la lingua dei segni italiana, la Lis, con l’Istituto statale sordi di Roma. Per loro, sempre in questa lingua, ha realizzato dei video con alcune ricette, dopo il successo della prima, quella del Cacio e pepe, un classico della tradizione romana.


Se la via dell’integrazione passa anche in cucina, questo per Chef Rubio è soprattutto un modo per sostenere la campagna per il riconoscimento della Lis di lingua ufficiale, come previsto dalla convenzione Onu del 2006 e come già avviene in 44 Paesi del mondo. Nella parrocchia di Casa Italia a Rio questo giovane chef che non ama le luci della ribalta e che non ambisce a stelle proseguirà nella sua strada caratterizzata da comportamenti etici, rispettando i valori del cibo -del cibo di tutto il mondo- e condannandone lo spreco.

«Ringrazio il Cip per questo compito che mi ha affidato - ha detto Chef Rubio in Vaticano - di essere lo chef ufficiale della casa degli atleti. A Rio mostrerò la cucina per quello che è: condivisione e aggregazione come simboleggeranno i tavoli dell’amicizia dove siederemo tutti insieme, assaggiando proposte del nostro Paese e di quello che ci ospita. Sarà per me un’esperienza stimolante, e un piacere indossare la felpa degli atleti».

Chef RubioChef Rubio

All’incontro hanno partecipato anche il capo missione dei Giochi Paralimpici, Marco Giunio De Sanctis, Padre Leandro Lenin della Pastorale di Rio e Monsignor Melchor Sanchez. Molti i giovani atleti azzurri presenti, dalla portabandiera Martina Caironi a una delegazione di atleti paralimpici giunti con i rispettivi presidenti federali: Cristina Scazzosi, Fabrizio Caselli e Anila Hoxha (pararowing), Oxana Corso (atletica) Eleonora Sarti (tiro con l’arco), Mauro Decina (tiro a segno), Gianluca Raggi (vela) Sara Morganti (paradressage).

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Algida Dolce Vita