Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 12 agosto 2022 | aggiornato alle 02:30 | 86899 articoli in archivio

Ricercatore, puro, divulgatore Gregori Nalon si racconta

Abbiamo sollevato il cappello da cuoco a Gregori Nalon, lean food manager, che ci ha svelato i suoi segreti: da cosa voleva diventare da grande a ciò che non manca mai nel suo frigo.

di Carla Latini
 
26 dicembre 2019 | 15:48

Ricercatore, puro, divulgatore Gregori Nalon si racconta

Abbiamo sollevato il cappello da cuoco a Gregori Nalon, lean food manager, che ci ha svelato i suoi segreti: da cosa voleva diventare da grande a ciò che non manca mai nel suo frigo.

di Carla Latini
26 dicembre 2019 | 15:48
 

«La mia purezza culinaria rimane tale dal momento che creo e sono me stesso». È così che ama presentarsi Gregori Nalon, considerato dagli addetti ai lavori uno tra i più importanti chef di cucina, conoscitori e comunicatori delle tecnologie e influencer per natura. Si occupa di ricerca e sviluppo, sperimentazione e consulenze per la creazione di ricette e formazione del personale. Collabora con aziende leader nel settore come promotore e divulgatore, parlando di cucina a 360 gradi. Sviluppa ricette e video ricette. È partner di industrie alimentari italiane ed estere. Co-conduttore della felicissima trasmissione televisiva Piatti e Misfatti su Alice Tv. Ideatore della figura del “food coach” e artefice della sua nuovissima idea trasformata in professione che lui stesso divulga: il “lean food manager”. È socio fondatore di Facecook.it, piattaforma di cucina formativa, comunicativa e social chef.

Gregori Nalon (Ricercatore, puro, divulgatore Gregori Nalon si racconta)

Gregori Nalon

Fin da piccolo la sua dedizione lo ha guidato passo dopo passo in questo mondo, dando sempre una marcia in più a chi gli stava vicino. Dopo gli studi presso l’istituto alberghiero di Adria (Ro), si dedica alla sua passione. Sempre in prima fila quando si tratta di capire quello che il nuovo propone con interesse e tutto ciò che per altri sembra inutile e superfluo. Numerose le esperienze in Italia e all’estero. Non vuole essere paragonato ad altri. Non ha voluto, infatti, essere affiancato a chef blasonati, soprattutto in tv o sui giornali.

Mai pago di ciò che fa, continua a guardare il futuro cercando di anticipare i momenti che verranno. Ora sta lavorando ad un progetto a dir poco ambizioso e faticoso. Nessuno sa nulla, ma alcune indiscrezioni dicono che è qualcosa che lascerà il segno come novità e come opera di divulgazione di massa della cucina italiana.


Da bambino cosa sognavi di diventare?
Tutto: volevo essere il numero 1 in tutto quello che facevo, dal calcio al ciclismo non c’erano limiti o mestieri che non potessi fare

Il primo sapore che ti ricordi.
Più che sapore ricordo la mia prima avventura con la pasta e fagioli: infilavo il ditino dentro al piccolo maccherone

Qual è il senso più importante?
L’intuito: avere intuito ti permette di gestire i gusti valutandoli non in senso diretto ma complessivo

Il piatto più difficile che tu abbia mai realizzato.
I piatti più difficili sono molteplici e sono i piatti tradizionali, la base della cucina

Come hai speso il primo stipendio?
Ho comprato il motorino a 15 anni, dopo la mia prima “stagione”

Quali sono i tre piatti che nella vita non si può assolutamente fare a meno di provare?
Tiramisù, pasta al ragù, pane e mortadella

Cosa non manca mai nel frigo di casa tua?
Stranamente il mio frigo è spesso vuoto, ma non mancano mai le acciughe, base di innumerevoli ricette

Qual è il tuo cibo consolatorio?
Il gelato

Che rapporto hai con le tecnologie?
Sono il mio lavoro

All’inferno ti obbligano a mangiare sempre un piatto: quale?
Pollo alla diavola

Chi inviteresti alla cena dei tuoi sogni?
Chi sarà dentro ai miei sogni

Quale quadro o opera d’arte rappresenta meglio la tua cucina?
Picasso, artista burrascoso, poliedrico e innovativo

Se la tua cucina fosse una canzone quale sarebbe?
Tutte le canzoni di Vasco Rossi


Per informazioni: www.gregorichef.it

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali