ABBONAMENTI
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 26 ottobre 2020 | aggiornato alle 13:40| 68856 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     CUOCHI
di Rocco Pozzulo
presidente FIC - Federazione italiana cuochi
Rocco Pozzulo
Rocco Pozzulo
di Rocco Pozzulo

Ci voleva una pandemia
per riscoprire valori e sentimenti?

Ci voleva una pandemia 
per riscoprire valori e sentimenti?
Ci voleva una pandemia per riscoprire valori e sentimenti?
Pubblicato il 18 maggio 2020 | 12:33

Soluzioni miracolose e immediate da parte delle istituzioni non sono arrivate. Ma qualcosa di buono è emerso da questa situazione tragica: molte persone hanno dimostrato altruismo e sensibilità. Cerchiamo ora di fare tesoro di questo ritrovato sistema di valori e di coesione fra tutti noi, persone comuni.

Senza alcun dubbio, il coronavirus ha avuto un impatto devastante sulla vita di tanta gente, per non parlare delle attività economiche e produttive in tutto il mondo. Si prospettano scenari di crisi e recessione neanche paragonabili a quelli del ’29 in America, con il crollo di Wall Street e della sua Borsa. Stimano che oltre il 30% delle strutture ricettive di tutto il mondo chiuderanno per sempre per il tracollo dei “viaggi-vacanza”, innescando così una disoccupazione senza eguali.

La Federazione italiana cuochi, sempre in prima linea, si è confrontata più volte con rappresentanti delle istituzioni, esperti, grossi imprenditori e sigle associative di categoria, per cercare di capire come affrontare al meglio e uniti questa situazione epocale. Molti soci Fic si attendevano da noi voci grosse e arrabbiate nei confronti dei nostri governanti, lo abbiamo fatto con il dovuto rispetto per le istituzioni e con la passione che sempre ci contraddistingue. Per la salvaguardia dei nostri posti di lavoro dallo Stato non sono arrivate soluzioni miracolose e immediate, a parte pochi “spicci” a fronte di una stagione lavorativa oramai perduta. Siamo sulla stessa barca e se colasse a picco annegheremo tutti: operai, imprenditori, il “sistema Italia”... politici compresi!

Ci voleva una pandemia per riscoprire valori e sentimenti?

Ho visto dovunque tanto ottimismo diffuso, tanta positività e un ritrovato sistema di valori e di coesione fra tutti noi, persone comuni, anche di etnie e credi diversi in uno stato d’animo assolutamente necessario per la ripresa. Ho visto genti, nonostante la morte tutt’intorno, ritrovare il piacere di vivere le relazioni familiari, la gioia di cucinare e mangiare tra le mura domestiche, il piacere ritrovato delle piccole cose fino a questo momento trascurate.

Ho sentito di lavoratori di vari mercati generali d’Italia, extracomunitari, accolti in passato nel nostro Paese, portare in dono derrate alimentari alle case dei più bisognosi e degli anziani. Ci sono state grandi manifestazioni di stima e riconoscenza verso coloro che sono in prima linea in questa emergenza: forze dell’ordine, personale medico, addetti della protezione civile. Note positive di una nuova quotidianità a fronte di tanta tragedia, ma anche solidarietà, senso civico, unità e senso di appartenenza, sensibilità e predisposizione verso il prossimo e i più deboli. Mi vergogno a dirlo, ma chiedo: abbiamo dovuto aspettare una pandemia per ritrovare questi valori?

Voglio lasciarvi citando un monologo, il cui senso ritengo sia più che mai attuale. Fa parte del finale de “Il grande dittatore”, film scritto e interpretato da Charlie Chaplin. Un testo che è considerato uno dei migliori discorsi rivolti all’umanità che siano mai stati scritti. Un finale capolavoro di un film capolavoro.

«Dove stiamo andando? Tutti noi esseri umani dovremmo unirci, aiutarci sempre, dovremmo godere della felicità del prossimo. Non odiarci e disprezzarci l’un con l’altro. La vita può essere felice e magnifica anche nelle piccole cose, ma noi l’abbiamo dimenticato. L’avidità ha avvelenato i nostri cuori, fatto precipitare il mondo nell’odio, condotti a passo d’oca verso le cose più abiette. Abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi. La macchina dell’abbondanza ci ha dato povertà, la scienza ci ha trasformati in cinici, l’abilità ci ha resi duri e cattivi. Pensiamo troppo e sentiamo poco. Più che macchine ci serve umanità, bontà e gentilezza. Senza queste la qualità della vita è vuota, e tutto è perduto».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


cuoco chef iat italiaatavola ristorazione Fic Federazione italiana cuochi horeca coronavirus covid 19 emergenza sanitaria lockdown riapertura ripresa restart fase 2 valori altruismo generosita Charlie Chaplin

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®