Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 28 luglio 2021 | aggiornato alle 11:43 | 76845 articoli in archivio

Quello che mangiamo deve fare bene a noi e al Pianeta

Questa pandemia - un momento di blocco - ci ha permesso di intensificare un progetto a lungo termine targato Euro-Toques, volto a promuovere una cucina sana sia per l'uomo che per l'ambiente

di Enrico Derflingher
presidente Euro-Toques
07 maggio 2021 | 08:00

Quello che mangiamo deve fare bene a noi e al Pianeta

Questa pandemia - un momento di blocco - ci ha permesso di intensificare un progetto a lungo termine targato Euro-Toques, volto a promuovere una cucina sana sia per l'uomo che per l'ambiente

di Enrico Derflingher
presidente Euro-Toques
07 maggio 2021 | 08:00

È davvero un periodo difficile. Siamo preoccupati perché questo continuo balzello sulle aperture, oltre ad aver danneggiato il settore e la filiera a livello economico, ha messo a dura prova gli ammortizzatori della resistenza e l’ottimismo ha perso un po’ di smalto. Le speranze per la svolta, ormai, sono tutte concentrate sulla stagione estiva, che può rappresentare davvero il cambio di passo, confortato del progredire inesorabile della campagna di vaccinazione. Una situazione di stallo che sta penalizzando non solo il mondo della ristorazione italiana, ma quello di tutto il continente europeo.

Mentre si aspettano tempi migliori per la ristorazione, si riflette sul rapporto tra cucina e ambiente

Mentre si aspettano tempi migliori per la ristorazione, si riflette sul rapporto tra cucina e ambiente


Euro-Toques Italia è in stretto contatto con tutte le altre delegazioni, perché bisogna fare fronte comune; lo spirto di squadra è un collante che ci esorta a proseguire il cammino con ancor maggior determinazione. Grazie ai nostri progetti internazionali possiamo definire uno scenario futuro all’insegna della speranza.

Cuochi, protagonisti di un messaggio: un'alimentazione più sana e sostenibile per fare del bene

Il nostro è un progetto di lungo respiro, che va ben oltre la pandemia. Si è celebrata da poco la 51ª Giornata mondiale della Terra, pensata per sensibilizzare al rispetto dell’ambiente e alla salvaguardia del pianeta in generale. In quest’ambito anche i cuochi e la cucina devono essere protagonisti, ambasciatori di un’alimentazione sana, nel senso più profondo del termine. In buona sostanza, quello che fa bene a noi deve fare bene al pianeta, come viene sottolineato con sempre maggior frequenza. La cucina deve essere profondamente sostenibile, oltre che salutare.

Ed Euro-Toques si impegna ed è schierata nell’ambito dell’European Food Forum per edificare un sistema alimentare virtuoso, per una filiera “pulita” dal campo e dal pascolo alla cucina, alla tavola. Un impegno in cui ogni attore deve interpretare a fondo il proprio ruolo. La riduzione delle emissioni e degli allevamenti estensivi sono solo delle macro-tessere di un puzzle globale.

Solo negli ultimi giorni Euro-Toques ha affrontato tematiche di rilievo come il codice di comportamento nell’impostazione della strategia Farm to Fork per la sostenibilità del sistema alimentare e l’etichettatura ambientale nell’ottica di una soluzione per rinforzare le coscienze dei consumatori.

Il Covid ci ha imposto un blocco. Ma questo fermo immagine doloroso ci ha consentito di impostare i piani d’azione per affrontare il futuro a testa alta.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali