Molino Quaglia
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 06 giugno 2020 | aggiornato alle 04:19| 65986 articoli in archivio
di Andrea Radic
di Andrea Radic

Home restaurant, via libera alla legge
Profitti non oltre i 5mila euro annui

Home restaurant, via libera alla legge 
Profitti non oltre i 5mila euro annui
Home restaurant, via libera alla legge Profitti non oltre i 5mila euro annui
Primo Piano del 18 gennaio 2017 | 11:22

La proposta di legge firmata da M5s è stata approvata dalla Camera. Ogni home restaurant potrà servire fino a 500 coperti all’anno per un profitto che non superi i 5mila euro. Sanzioni salate per i trasgressori. Il settore nel 2014 aveva incassato 7,2 milioni di euro e ora non mancano le critiche per i limiti

326 voti favorevoli, e la Camera dei deputati ha dato il primo via libera alla legge sugli “home restaurant”, i ristoranti in casa che hanno preso piede anche in Italia da diverso tempo. Il provvedimento passerà ora all'analisi dei senatori e, se non saranno approvate modifiche, la ristorazione privata avrà la sua prima legge nazionale. Fu per primo il M5s a portare in Commissione attività produttive una bozza di legge sul tema. Il piano per regolare la ristorazione casalinga ha avuto contributi da parte delle forze politiche di maggioranza con Angelo Senaldi (pd), fino a giungere a un accordo bipartisan senza però i gruppi Cor e Lega che hanno votato contro.

La Camera limita gli home restaurant Profitti non oltre i 5mila euro annui

«Abbiamo accolto le istanze di un fenomeno imprenditoriale nato dal basso e in continua crescita - spiega la deputata grillina Azzurra Cancelleri, prima firmataria del provvedimento - e le abbiamo portate in Parlamento. Colmando un gap normativo: ora l’home food ha regole chiare. Abbiamo posto un primo fondamentale tassello per riconoscerlo». La mancanza di leggi, infatti, aveva consentito finora al fenomeno della ristorazione privata di crescere e prosperare in autonomia (7,2 milioni di euro il fatturato nel 2014 secondo Confesercenti). Ma il successo del social eating ha suscitato le proteste delle associazioni commercianti, che ne hanno chiesto a gran voce la regolamentazione in nome di una concorrenza ad armi pari con i pubblici esercizi.

Proprio ieri Lino Stoppani, presidente Fipe, ha ribadito l'opposizione dell'associazioni a questa forma di ristorazione. Se la legge passerà così come è stata approvata dalla Camera, ecco dunque i paletti innanzitutto di natura fiscale per evitare che l'attività di chef tra le mura domestiche diventi una professione nascosta. Ecco quindi il limite ai 500 coperti l'anno è un guadagno, sempre annuale, non superiore ai 5mila euro.

Inoltre per tracciare il flusso di denaro, pagamenti, prenotazioni, organizzazione di eventi gastronomici, dovranno essere gestiti esclusivamente su piattaforma digitale. In legge anche il controllo dei requisiti igienico sanitari e l'obiettivo di valorizzare le tradizioni gastronomiche locali e favorire un'alimentazione sostenibile.

La Camera limita gli home restaurant Ok al tetto di 5mila euro di profitti annui
foto: ilgiorno.it

Altro punto importante della legge è il divieto di accoppiare l’attività di social eating a quella di AirBnb, ossia non si possono organizzare cene a pagamento in appartamenti privati usati per affitti brevi. Inoltre il titolare del ristorante domestico deve essere provvisto di un’assicurazione sia sulla casa che per la copertura dei rischi derivanti dalla sua attività. Sebbene infine non sia necessaria l’iscrizione al registro degli esercenti il commercio, chi apre un home restaurant è tenuto a presentare la cosiddetta "Scia", ossia la dichiarazione di inizio attività commerciale. Ma si tratterà di una comunicazione digitale da inoltrare al Comune secondo modalità che stabilirà il ministero dello Sviluppo economico.

Come per ogni legge non mancano le critiche: «Secondo noi in questa legge è stato fatto un buon lavoro per assicurare la totale trasparenza nei confronti dei consumatori e garantire un microreddito a chi non ce la fa», spiega Cristiano Rigon, fondatore e amministratore delegato di Gnammo. Ma limiti così rigidi fanno pensare, secondo Rigon, ad una vittoria delle lobby di categoria «che non hanno realmente compreso quanto l’home restaurant sia lontano dall’esperienza del ristorante e sia non avversario ma strumento di sviluppo del settore».

Gnammo critica inoltre il vincolo dei 5mila euro sui proventi e il divieto di svolgere l’attività negli AirBnb. Altre voci contrarie alla legge giungono proprio dai ristoratori casalinghi: «L'obbligo di registrazione sulle piattaforme web e quello di acquisire pagamenti solo in forma elettronica impedirà l'85% delle probabili aperture», sostiene Giambattista Scivoletto, fondatore di HomeRestaurant.com.

Anche Confedilizia dichiara la propria delusione per una legge che, invece di creare sviluppo, pare mettere la parola fine di home restaurant. I rappresentanti dell’associazione dei proprietari di case criticano il provvedimento perché «impone esclusivamente limitazioni, divieti, vincoli, restrizioni rispetto a un modo con il quale alcuni italiani cercano di darsi da fare per migliorare la propria condizione, contribuendo a muovere un’economia asfittica come la nostra».

Insomma una montagna per partorire un topolino da 500 coperti e 5mila euro lordi, da cominciare a contare dopo un vero e proprio slalom tra norme, obblighi e controlli. Forse meglio ordinare una pizza...

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Home restaurant ristorante cuoco amatoriale legge Camera dei Deputati Fipe Movimento 5 Stelle decreto di legge proposta di legge

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®