Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 28 gennaio 2020 | aggiornato alle 03:11| 63158 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     MAÎTRES e SALA
di Matteo Scibilia
Responsabile scientifico
Matteo Scibilia
Matteo Scibilia
di Matteo Scibilia

Le guide esaltano i cuochi, ma è giusto?
Sala e servizi sono sottovalutati

Le guide esaltano i cuochi, ma è giusto? 
Sala e servizi sono sottovalutati
Le guide esaltano i cuochi, ma è giusto? Sala e servizi sono sottovalutati
Primo Piano del 26 novembre 2015 | 11:15

I giudizi espressi dalle guide enogastronomiche finiscono per valorizzare il cuoco, mentre i responsabili di sala e i servizi generali passano in secondo piano. Ci chiediamo con quale criterio vengano assegnati i voti, considerando che sala, location, servizi annessi, sono tutti elementi che creano prestigio

Tra pochi giorni anche la rossa Michelin farà il suo esordio per il 2016, e la stagione guidaiola terminerà con botti, lustrini, frizzi e lazzi, tutti o quasi contenti. Strano mondo quello delle guide, tra l’altro in alcuni casi l’indecisione di stampare la cartacea oppure di affidarsi al web, provoca passi in avanti e a volte indietro, qualcuno come il Golosario di Gatti e Massobrio, dopo una stagione virtuale sul web, sono tornati alla carta in una veste nazionale rinnovata, quest’anno tocca a Paolini e cosi via, ma non è un giudizio che vogliamo dare alle guide, o almeno non in questo articolo.



Vorremmo tentare di rompere qualche velo, per capire quale metodo in tanti casi venga utilizzato nel recensire e dare stelle, cappelli, corone e voti in genere a un ristorante. Non sfugge agli occhi di noi tutti, che le guide hanno le loro preferenze, anzi, osiamo di più, ogni guida ha il suo entourage di cuochi che in qualche maniera sono fedeli a una guida piuttosto che a un'altra. Anzi ci appare scandaloso che un cuoco o un ristorante abbia voti altissimi per una guida e per un’altra sia praticamente inesistente.

Gelosie e invidie sono il pane quotidiano. Il settore giura che almeno la “rossa” è al di sopra delle parti, che gli ispettori viaggiano in forma anonima e pagano prima di presentarsi, ma c’è un ma. Personalmente ho sempre espresso un giudizio non benevolo, giudicando le Stelle Michelin come una sorta di dittatura della ristorazione. 250 ristoranti in Italia non possono rappresentare tutto il settore, ma la Michelin fa il suo lavoro, promuove la sua mission in maniera perfetta, i francesi si sa, sono maestri nel marketing, infatti tutti in coda alla rossa.

Ma i voti e le stelle con quale criterio vengono assegnati? La realtà si intreccia con la leggenda… tanti anni fa, per esempio si vociferava di un potente distributore di vini francesi di Milano capace di influenzare con la distribuzione dei vini anche le stelle. Era il momento della nascita dell’alta ristorazione e anche i vini e il foie gras sembrava potessero influenzare i giudizi degli ispettori dinanzi a una carta di vini con una buona presenza, degli stessi. Leggenda? Forse! O anche di quel potente direttore dell’Espresso, funzionario dei servizi segreti che in qualche maniera distribuiva cappelli con giudizi non propri gastronomici; leggenda? Magari aspettiamo conferme o smentite.

Ma qualcuno anche su altre testate si sta chiedendo: ma le stelle, i cappelli, le corone di chi sono? Del cuoco o del ristoratore? E laddove c’è un socio finanziatore, figura importante, che merito ha quest’ultimo nella gestione del prestigio? In un ristorante stellato per esempio, anche il sommelier ha la stella, anche il proprietario ha la stella? Perché siamo arrivati al paradosso che il merito è solo del cuoco? Come se tutta l’organizzazione extra cucina non servisse a creare il prestigio tale da ricevere un encomio dal sistema delle recensioni?



Ora che in molti ristoranti stellati il cuoco spesso è un consulente, alle dipendenze di società modaiole, vinicole o edili, è praticamente assente impegnato come è, con eventi in Italia o consulente all’estero. Quindi qual è il metodo che le guide seguono nelle loro valutazioni? Per trovare un cuoco in cucina non possono “visitarlo” senza preannunciarsi?

Inoltre il turn over dei cuochi è talmente rapido, che spesso non si capisce se gli stessi meritano l’encomio della valutazione; in questo allora l’imprenditore titolare dell’impresa non ha forse meriti? La stella non è anche frutto degli investimenti che quest’ultimo fa per permettere al cuoco di avere e mantenere un livello medio alto?

La nostra ristorazione è il frutto di famiglie che hanno dato molto, anzi che hanno creato la ristorazione di qualità in Italia. Il pensiero va ad Aimo e Nadia, ai Valazza, ai Santini, ai Sadler, ai Tamani di Quistello, ai Cerea di Bergamo, agli Iaccarino, esempi in cui la famiglia ha permesso il successo imprenditoriale. La nuova ristorazione non è così, giovani bravissimi ma che sono solo cuochi, ma un ristorante non è solo cucina. La sala, la cantina, la location, i servizi annessi, il parcheggio, l’arredo sono tutti elementi che creano il prestigio dello stesso, tant’è che quasi tutte le guide danno una valutazione positiva o negativa su questi elementi. E allora perche il cuoco è diventato il depositario del successo di un ristorante? Perché la valutazione segue il cuoco come se tutto il resto non contasse nulla?

Certo il sistema mediatico fa il resto, ma le guide osannano il cuoco senza dare valutazioni. Per esempio al sommelier, non è anch’esso uno stellato? Sappiamo che la Michelin afferma che la prima stella viene data alla cucina, ma non è vero perché almeno 100 ristoranti in più sulla base solo della cucina in Italia meriterebbero questo riconoscimento. Ripeto, se la cucina è in grado di creare e mantenere un livello e uno standard di capacità gastronomica, il merito è di tutto l’insieme del ristorante.

Forse anche per migliorare l’approccio dei giovani verso questo settore bisognerebbe pensare a riconoscimenti dedicati al personale di sala. Io che insegno in due scuole alberghiere lo sperimento tutti i giorni; allievi di cucina 100, allievi di sala 10. La parola “cameriere” retaggio di persona portapiatti, non piace neanche alle mamme, la tv in questo senso ha poi contribuito a creare ulteriori solchi professionali.
 
La provocazione finale è proprio questa: è giusto che il cuoco abbia il merito della qualità di un ristorante? Che cosa è il ristorante? Lo stesso funziona solo perché c’è un cuoco bravo? Allora l’aria condizionata non è un valore dello stesso? Si andrebbe a mangiare in un ristorante stellato o con “Tre cappelli” se non ci fossero servizi altamente qualitativi?

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


guida enogastronomia ristorante cuoco sala cameriere

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

26/11/2015 21:00:50
1) La buona cucina senza una buona sala non si afferma
l'articolo mi e' piaciuto ogni sfaccettatura porterebbe a riflettere a lungo sulle guide e sul giro di compensi ........sugli interessi, sulle contaminazioni della nostra gastronomia Regionale sulla qualita' delle materie prime, ecc.ecc. si e' sempre detto che la buona cucina senza una buona sala non si afferma, per otto anni con la mia azienda di Marketing ho seguito in tutta Italia Maitres e Conviviers bravi veri professionisti molti di loro parlano anche quattro lingue conoscono il territorio in cui operano e' sono gli anelli di congiunzione tra' il territorio la struttura ospitante il territorio ......purtroppo devo dire che la Stampa sia cartacea cheTelevisiva non riserva attenzione a queste categorie ......io nelle mie trasmissioni ho sempre dato il giusto riscontro al grande sacrificio di questi uomini e la meritoria attivita' di tante associazioni di categoria .
cosimo lardiello
dirig. Marketing
Marketingcommunication strategies group

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).