Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 29 marzo 2020 | aggiornato alle 05:25| 64423 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     PASTICCERI
di Federico Anzellotti
Federico Anzellotti
Federico Anzellotti
di Federico Anzellotti

La Conpait punta sull’etica
e sul valore della professione

La Conpait punta sull’etica 
e sul valore della professione
La Conpait punta sull’etica e sul valore della professione
Pubblicato il 12 dicembre 2016 | 12:32

Confederazione pasticceri italiani in prima linea per il riconoscimento ufficiale della figura professionale del pasticcere. Al via a marzo un progetto etico per attivare laboratori di pasticceria nelle carceri italiane

Tra le sfide che attendono la Conpait per il prossimo anno c’è sicuramente il riconoscimento della figura professionale del pasticcere. Abbiamo avviato questo dibattito nel corso di un convegno (“La pasticceria italiana in Italia e nel mondo. Da Expo 2015 a Expo 2020: Milano Dubai”) che si è svolto in Senato a Roma e dove abbiamo ottenuto già dei primi risultati. A gennaio ci sarà un primo tavolo tecnico in Parlamento per procedere a livello normativo con il riconoscimento di una figura professionale sempre più richiesta in Italia e all’estero.

La Conpait punta sull’etica  e sul valore della professione

Ma la pasticceria è un orgoglio nazionale da tutelare, perché non c’è una qualifica di pasticcere riconosciuta da un ente pubblico. In Italia infatti chiunque può aprire una pasticceria senza nessuna formazione, generando un sistema che non solo penalizza la professionalità e mortifica la competenza, ma, soprattutto, non tutela i consumatori. La qualità passa insomma attraverso la formazione, ecco perché Conpait ha da tempo siglato con CastAlimenti, e ora anche con l’Università dei Sapori di Perugia, degli accordi per spingere sulla leva dell’alta formazione.

Come Conpait abbiano cercato di tracciare un percorso formativo, anche partendo dagli istituti alberghieri, perché non esiste neanche un insegnamento né una classe di concorso per insegnare pasticceria nelle scuole italiane. Ecco perché abbiamo siglato con gli istituti secondari un protocollo d’intesa che consenta a Conpait di formare i docenti delle scuole superiori. Il primo esperimento in Italia è stato avviato con l’Istituto alberghiero De Cecco di Pescara e partirà a breve.

Altra sfida che attende la Confederazione pasticceri italiani riguarda un progetto etico in cui crediamo molto: avviare dei laboratori di pasticceria nelle carceri italiane. È una forma di inclusione sociale che ha incassato anche il consenso della Senatrice Federica Chiavaroli, sottosegretario alla Giustizia, la quale ha annunciato l’avvio di un progetto pilota a marzo, che potrebbe partire dall’Abruzzo, per insegnare ai detenuti a diventare pasticceri.

Un altro obiettivo da raggiungere per la Conpait è il riconoscimento del panettone come dolce tipico d’Italia, che ha avuto la meglio sul tiramisù, e al Sigep di fine gennaio debutterà ufficialmente. Parlando infatti di internazionalizzazione e promozione del Pastry made in Italy è emersa la necessità di avere un dolce che rappresenti l’Italia nel mondo e il panettone è risultato il dolce che mette tutti d’accordo e che, soprattutto, all’estero si mangia tutto l’anno. E a proposito, buon anno a tutti i lettori!

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Conpait pasticcere pasticceria pastry figura professionale formazione scuola professionale laboratorio carcere progetto etico

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®