Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 07 aprile 2020 | aggiornato alle 02:41| 64675 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     PASTICCERI
di Mariella Morosi
Mariella Morosi
Mariella Morosi
di Mariella Morosi

“Meet Massari”, l'ultima tappa a Roma
Il Maritozzo del Maestro conquista tutti

“Meet Massari”, l'ultima tappa a Roma 
Il Maritozzo del Maestro conquista tutti
“Meet Massari”, l'ultima tappa a Roma Il Maritozzo del Maestro conquista tutti
Pubblicato il 26 settembre 2018 | 14:48

Dopo le tappe di Napoli e Milano si è conclusa a Roma, allo Spazio Novecento, il Meet Massari 2018, spettacolo di alta pasticceria in cui Igino Massari ha interpretato tre tipicità della tradizione romana.

Il maestro dei maestri dell’arte più dolce ha utilizzato la farina Molino Dallagiovanna, produttore dal 1832. Insieme a Massari, un altro grande pastry chef, Giuseppe Amato de "La Pergola", il ristorante tristellato di Heinz Beck, ha proposto una versione destrutturata e scenografica di un altro dolce della cucina giudaico-romanesca: la Crostata di ricotta con le visciole.

(Meet Massari, l'ultima tappa a Roma Il Maritozzo del Maestro conquista tutti)
 
Nell'intera giornata di show cooking Iginio Massari, convinto brand ambassador di questo storico molino di Gragnano Trebbiense (Pc) ha mostrato ad un'attenta platea di pasticcieri professionisti e appassionati l’uso delle farine della linea “le Dolcissime” per pasticceria - Frolla 130, Frolla, Sfoglia, Brioche, Brioche Soft, Panettone, Panettone Z - e soprattutto Rinfresco. Quest'ultimo prodotto, equilibrato e bilanciato, è stato sviluppato proprio in collaborazione con il Maestro pasticciere. È adatto per rinfrescare il lievito madre nella preparazione di varie tipologie di preparazioni e assicura una lievitazione ben sviluppata, profumata e priva di acidità.

Massari ha incantato i partecipanti al meeting anche con il racconto dell’origine storica e delle tradizioni di tre dolci romani: il Maritozzo, il Bombolone e il Cornetto, ancora oggi richiestissimi nella prima colazione al bar. «Esistono - ha detto - almeno quattro diverse ricette del Maritozzo nella tradizione laziale, ovale e riempito di panna. Anticamente era anche un pegno d’amore perché racchiudeva l’anello per la proposta di matrimonio. Ma la tradizione deve sempre accompagnarsi alla ricerca, alla voglia di reinterpretare ed innovare. Senza questi elementi non vi è progresso».

Iginio Massari (Meet Massari, l'ultima tappa a Roma Il Maritozzo del Maestro conquista tutti)
Iginio Massari

Il Maritozzo by Massari, poi offerto in degustazione come gli altri dolci, da ovale è diventato rotondo, di dimensione più contenuta, leggero come un soffio e riempito con sofficissima panna, per un terzo del volume totale. Anche il Cornetto è stato protagonista dello show cooking e il Maestro ne ha presentato la sua versione con la speciale farina Dalla Giovanna con gli impasti stratificati con il burro, spiegandone anche la differenza con il croissant francese, nella forma e nella sostanza.

Svelati infine anche i segreti del bombolone o bomba (versione primordiale e italiana del Krapfen d’oltralpe), la cui cottura ottimale è nello strutto. Giuseppe Amato de La Pergola ha invece presentato “Frammenti del '700, la Crostata di ricotta e visciole”, a base di pasta frolla con ricotta, crema pasticcera e visciole, la varietà più selvatica delle ciliegie, dal sapore asprigno. Ma quella di Amato è stata un’interpretazione sorprendente, con piatti spezzati a metà su cui sono stato spruzzati estratti profumati e gelatine di consistenze varie e con la distribuzione di una piccola pergamena settecentesca.

La ricotta, per metà di pecora e metà di mucca per aumentarne la leggerezza, è stata coperta da un disco di frolla a sua volta sormontato da un manto gelatinoso, variazione sempre di visciola. Sul palco, a fianco di Massari e Amato anche il maestro AMPI Denis Dianin e in prima fila altri grandi nomi della pasticceria italiana, tra i quali Achille Zoia, Davide Malizia (Accademico AMPI e Campione mondiale di Zucchero artistico), Massimo Chierico (presidente Compait Lazio) e Fabrizio Donatone (membro della squadra Campione del Mondo 2015 alla Coupe du Monde de la Pâtisserie).

(Meet Massari, l'ultima tappa a Roma Il Maritozzo del Maestro conquista tutti)

«Siamo alla terza e ultima tappa di questo fantastico viaggio che ci ha portato attraverso i dolci della tradizione italiana - ha detto Sabrina Dallagiovanna, direttore marketing del Molino - e questo evento "Meet Massari" è stata per noi una straordinaria occasione per incontrare i tanti professionisti e appassionati di pasticceria di tutta Italia e raccontare loro le nostre farine, insieme ad alcuni dei principali protagonisti dell’arte bianca. Ringraziamo il Maestro Massari e tutti gli altri grandi, come Salvatore de Riso, Gino Fabbri, Denis Dianin e molti altri, che hanno scelto di accompagnarci in questo viaggio. Ringraziamo anche i nostri partner, che hanno contribuito alla sua realizzazione. Visto il grande successo stiamo valutando la possibilità di replicare il tour anche nel 2019».

La tappa romana "Meet Massari" è stata organizzata in collaborazione con Mega Dolciaria, dal 1996 distributore leader di materie prime per pasticceria e gelateria nel Lazio ed Eurovo, azienda leader europea nella produzione di uova e ovoprodotti. In precedenza Massari si era esibito ad aprile con Salvatore De Riso a Napoli e a maggio con Gino Fabbri a Milano: altrettante opportunità di vedere all'opera i grandi pasticcieri, tra dimostrazioni, tecniche e suggerimenti utili alla professione. Protagonisti degli eventi sono stati sempre la tradizione dolciaria, i prodotti del territorio e le farine Molino Dallagiovanna, con "le Dolcissime" per pasticceria.

Giuseppe Amato (Meet Massari, l'ultima tappa a Roma Il Maritozzo del Maestro conquista tutti)
Giuseppe Amato

Il molino piacentino fa di questa produzione un’arte, un mestiere, una passione. Dal lontano 1832, con l'attività di macinazione dei cereali si fa portavoce del nuovo spirito industriale che anima l’Europa e che per la prima volta unisce scienza e artigianato. Negli anni il mestiere è stato portato avanti dai discendenti, con lo stesso spirito pionieristico e tradizionalista nello stesso tempo. Oggi la produzione è ampia e diversificata, approvata dalle principali certificazioni di qualità e lavorata con i migliori metodi produttivi di ogni era: moderni, come l’impianto di macinazione Bühler e il centro di gestione computerizzato o antichi, come il lavaggio del grano.

Nel 2015 Molino Dallagiovanna si arricchisce di una nuova sezione: all’interno 25 silos per lo stoccaggio farine e il nuovo impianto Bühler, che permette di miscelare 23 farine da grani macinati in purezza, garantendo maggior qualità e farine sempre più specifiche. Nel 2017 viene raddoppiato il magazzino, con l’ampliamento sia dell’area stoccaggio farine, sia della parte destinata al confezionamento. Nel 2018 Molino Dallagiovanna raddoppia la capacità produttiva con la realizzazione di un terzo, nuovo impianto Bühler. Otre 400 referenze, tra farine universali e studiate per i diversi settori, dolci, pasta, pane e pizza, miscele professionali e preparati senza glutine e senza lattosio.

Nel 2015 nasce la linea di farine multiuso Uniqua, tra le quali la Verde Tritordeum, il cereale del futuro, 100% italiano, incrocio naturale fra grano duro e orzo selvatico, ricco di benefici nutrizionali. Il Tritordeum è una cultivar esclusiva di Molino Dallagiovanna.

Per informazioni: www.dallagiovanna.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pasticcere iat italiaatavola Molino Dallagiovanna Iginio Massari pasticceria dolce dessert Giuseppe Amato maritozzo Meet Massari Roma

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®