Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 11 agosto 2020 | aggiornato alle 14:44| 67167 articoli in archivio
Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI

I pizzaioli vogliono la patente europea
«Senato sordo, chiederemo all’estero»

I pizzaioli vogliono la patente europea 
«Senato sordo, chiederemo all’estero»
I pizzaioli vogliono la patente europea «Senato sordo, chiederemo all’estero»
Primo Piano del 20 luglio 2015 | 12:17

La richiesta di una Patente europea per pizzaioli è il punto cruciale su cui sta battendo Enzo Prete, presidente di Amar, che dopo l’ennesimo sollecito al Parlamento minaccia di presentare la proposta di legge all’estero. Da anni si chiede un intervento in materia di regolamentazione di una professione troppo "imitata"

Una patente europea anche per i pizzaioli. È questa la richiesta di Enzo Prete, presidente dell'Associazione maestri d'arte ristoratori pizzaioli (Amar), che chiede adeguato riconoscimento, da parte dell’Unione europea, per un’arte che si tramanda da secoli e per cui è doveroso avere una preparazione professionale che sia certificata ufficialmente da una Pep, ovvero Patente europea per pizzaioli. Come riporta l'Ansa, in Senato è già stato presentato un ddl dal senatore Pietro Iurlaro, in cui si perora la causa dell’antica arte di preparare la pizza.



Secondo quanto proposto nel disegno di legge, l’ultimo di una lunga serie rimasti accantonati al Senato, “cestinati”, l’aspirante pizzaiolo che volesse ottenere la Pep e l'abilitazione all'esercizio della professione, dovrebbe frequentare un corso riconosciuto di almeno centocinquanta ore, articolato secondo un preciso piano di studi con settanta ore di pratica in laboratorio, venticinque ore di studio di una lingua straniera, trenta ore di lezione di scienze dell’alimentazione e venticinque ore di igiene e somministrazione di alimenti.

«La preparazione della pizza è un'arte - si legge nella proposta - che si tramanda ormai da secoli ed è giusto che una tradizione così antica possa perpetuarsi attraverso una preparazione specialistica che formi dei maestri pizzaioli, veri professionisti del settore. È pertanto auspicabile che l'Italia, così all'avanguardia nella certificazione della qualità e del controllo dei suoi prodotti alimentari più tipici, possa introdurre una regolamentazione della figura professionale del pizzaiolo attraverso la creazione di un apposito albo di categoria e istituzione di una patente europea pizzaioli».

Non è la prima volta che viene proposta in Senato l’attuazione di una legge per regolamentare la professione del pizzaiolo, sempre più diffusa e copiata al punto da aver perso in molti locali la sua originalità e bontà. «La crescente improvvisazione di operatori del settore, non adeguatamente formati, va a discapito della qualità made in Italy e soprattutto della salute», osserva il presidente dell'Amar. Lo stesso ha fatto presente in una lettera a parlamentari e governo che, data l’indifferenza totale protrattasi negli anni rispetto alla richiesta di una Pep, «siamo costretti nostro malgrado a proporla fuori dai nostri confini nazionali. Una bozza è pronta da presentare all'estero. Per scongiurare ciò è necessaria una risposta urgente alla nostra proposta».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pizza Patente europea pizzaioli Amar Disegno di legge Pep

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®