Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 30 marzo 2020 | aggiornato alle 15:06| 64455 articoli in archivio
di Mariella Morosi
Mariella Morosi
Mariella Morosi
di Mariella Morosi

Storia del vino tra i banchi di scuola
In Senato arriva un disegno di legge

Storia del vino tra i banchi di scuola 
In Senato arriva un disegno di legge
Storia del vino tra i banchi di scuola In Senato arriva un disegno di legge
Pubblicato il 24 marzo 2016 | 17:12

Il ddl presentato dal senatore Dario Stefano ha l'obiettivo di fare diventare la storia del vino una materia di insegnamento nelle scuole. Il progetto potrebbe avviarsi in maniera sperimentale già dal prossimo anno

«L'Italia è la patria del vino. Tutta la nostra storia si intreccia con quella della vite e del vino in senso culturale, economico e sociale ed è venuto il tempo di recuperare la consapevolezza della nostra identità». Lo ha detto il senatore Dario Stefàno (nella foto) al convegno alla Sala Nassirya di Palazzo Madama organizzato per annunciare la presentazione del disegno di legge (ddl 2254) che porta la sua firma per introdurre l'istituzione dell'insegnamento obbligatorio della disciplina “Storia e civiltà del vino” nelle scuole primarie e secondarie, di primo e di secondo grado.



Sono intervenuti, appoggiando pienamente l'iniziativa, Attilio Scienza dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, Riccardo Cotarella, presidente dell'Assoenologi, Isabella Marinucci della Federvini e Paolo Castelletti dell'Unione italiana vini. «Questo Il ddl - ha detto Stefàno - nasce dal mio vissuto, dalla mia esperienza di assessore regionale della Regione Puglia, poi da Coordinatore degli assessori all'agricoltura e ora da legislatore. Questo è un momento molto importante per il vino, la voce più importante del nostro agroalimentare. Ma non vogliamo agire sulla formazione tecnica che già viene effettuata negli istituti, ma sulla cultura, su una formazione di base anche in grado di recuperare il legame con il territorio dove il vino nasce».

Un tema, quello del vino che non deve essere solo per gli addetti ai lavori, come hanno sottolineato i relatori. «Era ora che si arrivasse a questa proposta su un settore - ha detto Attilio Scienza - che in Francia è regolato da una legge dal '91, in senso positivo e negativo. Bere è una responsabilità che va comunicata. In Italia abbiamo concentrato l'attenzione solo sul grado alcolico del vino, con quello che ne consegue. In Francia non è stata fatta pubblicità al vino, ma ai suoi valori. Con camion attrezzati è stato spiegato ai ragazzi come si fanno il vino e i distillati e, attraverso esperienze sensoriali, come si degustano. L'iniziativa ha avuto una ricaduta formidabile. Ma noi abbiamo una responsabilità in più: dobbiamo trasmettere l'idea anche il vino è un fondamento della dieta mediterranea. Va riportato a tavola in famiglia. Altrimenti ecco lo sballo del fuori caso con i superalcolici».

Dario Stefano

Tutti d'accorso che il vino debba essere non solo una gratificazione fisica ma culturale. Per Riccardo Cotarella quello italiano rappresenta come nessun altro prodotto il nostro Paese nel mondo ed è bene comunicarlo a scuola, perché così si comunica anche il valore di bere con intelligenza e moderazione.

«In Italia - ha detto Cotarella - ci sono più vini che campanili. Una ricchezza tutta nostra con una trasversalità territoriale varietale che non ha paragoni altrove. Attualmente si riscontra una crescita del livello culturale di chi lo gusta perché è un prodotto che si approccia prima con la mente e poi con i sensi» . Il sostegno del mondo dei produttori all'iniziativa di Stefàno è stato espresso da Isabella Marinucci di Federvini mentre Paolo Castelletti dell'Unione Italiana Vini ha sottolineato come il ddl possa vere una doppia azione: la promozione del patrimonio storico e sociale e il contrasto di fenomeni distorsivi».

Già in tempi brevi lo studio della nuova materia potrebbe essere introdotto in fase sperimentale e con un percorso interdisciplinare in alcune regioni.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Dario Stefano scuola istruzione vino enologia domanda di legge Paolo Castelletti Riccardo Cotarella Isabella Marinucci Attilio Scienza Unione italiana vini Assoenologi Federvini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

25/03/2016 16:57:20
1) le schizofrenie del mondo adulto
A fronte dei disastri provocati nella popolazione giovanile dal bere, una Legge, sacrosanta, proibisce la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche ai minori di 18 anni. Sono proprio quelli che vanno nelle scuole primarie e secondarie, che, quindi, secondo questa bizzarra proposta di legge, si vedrebbero promuovere a scuola, dallo Stato, quella stessa bevanda che lo stesso Stato proibisce loro di acquistare. Mi pare educativo mandarli in confusione già da giovani: si devono abituare prima possibile alle stupide contraddizioni del mondo adulto.
alessandro sbarbada


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®