Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 09 aprile 2020 | aggiornato alle 07:25| 64734 articoli in archivio
di Guerrino Di Benedetto
Guerrino Di Benedetto
Guerrino Di Benedetto
di Guerrino Di Benedetto

Con la geografia enogastronomica
un nuovo approccio alla cucina

Con la geografia enogastronomica 
un nuovo approccio alla cucina
Con la geografia enogastronomica un nuovo approccio alla cucina
Pubblicato il 20 ottobre 2017 | 08:51

La cucina diventa meraviglia quando fa sognare, quando fa viaggiare il cliente. La conoscenza diretta dei territori è la chiava di volta per un nuovo approccio alla cucina e soprattutto alla gestione della sala.

Da anni ormai la ristorazione è cambiata e ancora cambierà, i nuovi modelli ristorativi o “format” vanno sempre di più nella direzione del prodotto, ovvero vanno sempre di più alla ricerca di esso. Oggi, almeno nelle grandi città, il prodotto enogastronomico, anche grazie alle varie manifestazioni che ormai attanagliano i vecchi modelli di ristorante, è venuto fuori con tutta la sua potenza evocativa; si è creato intorno a questo un marketing che sta coinvolgendo sempre di più il cliente.

Con la geografia enogastronomica un nuovo approccio alla cucina

Alla base di tutto ci sono però i territori, le persone, le tradizioni e soprattutto la geografia. Potrà sembrare strano ma questa “materia”, che una volta si studiava con molta attenzione, oggi purtroppo latita e ciò avviene ancor di più negli istituti scolastici che dovrebbero formare le nuove leve della ristorazione. Ricordo da piccolo le gare con gli amici a chi sapeva più capitali... Tempo fa un’indagine del Corriere della sera metteva in evidenza le carenze degli italiani in questa materia.

Ma pensiamo alla ristorazione, che cosa sarebbe un cameriere o un cuoco senza le Langhe, il Chianti, la Lomellina o l’Oltrepò; a volte queste conoscenze si danno per scontate ma non lo sono e persino i giovani, che pure con i moderni mezzi di comunicazione potrebbero sapere tutto dei territori, non si impegnano. Così pure molti addetti, con anni di esperienza alle spalle, conoscono i nomi o la geografia ma non vi sono mai stati, ma hanno mai visitato la Daunia o la Valtellina. Purtroppo hanno lasciato questa incombenza ai professionisti della comunicazione enogastronomica, che ormai sono diventati una sorta di “bigino” di cuochi, camerieri e ristoratori. Arrivano alle fiere, leggono qualche guida e pensano di sapere tutto.

Oggi, a mio parere, i territori vanno conosciuti, visitati e vissuti. La geografia enogastronomica deve essere una materia di studio, un modo per coinvolgere il cliente nelle storie degli “Artigiani del Gusto”. Chi ha fatto questo - e sono in tanti - ha aperto locali di successo perché, attraverso il prodotto e il territorio, ha reso il cliente protagonista, ha creato un nuovo marketing di tipo evocativo e un po’ anche sognante. Del resto già gli antichi Romani, per bocca del famoso personaggio Nasidieno che Orazio racconta nella sua VIII Satira, diceva: «Insomma: il fin del cuoco, di quello vero e dotto s’intende, è la meraviglia».

Cari lettori, la cucina, a mio modesto avviso, diventa meraviglia quando fa sognare, quando fa viaggiare il cliente. In questo la geografia enogastronomica e la conoscenza diretta dei territori è la chiava di volta per un nuovo approccio alla cucina e soprattutto alla gestione della sala.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


geografia geografia enogastronomica gastrosofia conoscenza del territorio territorio cucina sala formazione accoglienza servizio di sala

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®