Molino Quaglia
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 29 maggio 2020 | aggiornato alle 22:35| 65863 articoli in archivio
di Matteo Scibilia
Responsabile scientifico
Matteo Scibilia
Matteo Scibilia
di Matteo Scibilia

L'alternanza scuola-lavoro
Un ponte per il futuro del Paese

L'alternanza scuola-lavoro 
Un ponte per il futuro del Paese
L'alternanza scuola-lavoro Un ponte per il futuro del Paese
Pubblicato il 27 ottobre 2017 | 09:01

Si tratta di un sistema che può risolvere l'impreparazione degli studenti prima di entrare nel mondo del lavoro, i quali però devono chiaramente essere motivati dalle aziende. Se funziona, a guadagnarci sarà il settore.

Sono stato ad Host, la nota esposizione del settore ospitalità presso la Fiera di Milano, e sono stato coinvolto anche in qualità di cuoco imprenditore in alcuni momenti di confronto sul tema presso gli spazi della Fipe Confcommercio. L’argomento è attuale in tutti i settori produttivi italiani e la Fipe si sta adoperando moltissimo per rapportarlo al mondo di cui è garante, i pubblici esercizi, ristoranti in testa.

(L'alternanza scuola-lavoro Un ponte per il futuro del Paese)

Intanto di cosa si tratta. Il governo, sulla scia del Jobs Act, ha voluto affrontare il tema del rapporto tra scuola e mondo del lavoro partendo proprio da una necessità reale di quest’ultimo: le imprese hanno frequentemente lamentano la scarsa preparazione dei giovani appena entrati in una realtà lavorativa. Per la ristorazione è fondamentale lo stesso: è infatti necessario essere preparati non solo sulle materie tradizionali di cucina, ma anche in fatto di tecnologia, nel rapporto con i clienti (inteso anche come utilizzo del web e dei social), ma soprattutto per la dinamica di crescita professionale, perché la velocità dei cambiamenti e il bisogno di professionalità sono tanto pressanti da rendere difficile ai giovani l'inserimento nella nuova realtà lavorativa.

Se poi, come altre volte già sottolineato da queste pagine, la tv, con tutti i programmi di cucina ed i rispettivi cuochi-star, trasmette l’idea che in pochi mesi si possa diventare grandi chef, ecco che la strada si fa complessa e di difficile comprensione. Finalmente, il governo ha voluto imprimere, come in molti Paesi europei, un cambiamento di rotta per ovviare a questa difficoltà, e lo ha fatto con una soluzione precisa, lo "stage".

Alternanza scuola-lavoro significa che d’ora in poi i ragazzi delle scuole di avviamento professionale, statali e non, dovranno alternare momenti di studio a momenti di pratica lavorativa... E come non potrebbe essere diversamente? E non si tratta di poche giornate di pratica, no! Si tratta di mesi, un periodo pari alla metà del percorso scolastico annuale, rivolto agli studenti del secondo, del terzo e del quarto anno, quindi giovani tra i 15 e i 17 anni, che in questo modo si avvicinano in maniera reale al mondo del lavoro.

Non solo, una parte importante di questo percorso formativo prevede anche un vero e proprio momento di apprendistato con tanto di contratto tra azienda e alunno, sotto l’egida della scuola di appartenenza: un grande risultato, in linea con altri grandi Paesi europei... e con una piccola paga!

Bene, ci sarebbe da dire... invece no! Gli studenti hanno e stanno scioperando, con diverse manifestazioni, spesso con interventi anche della forza pubblica. Ha fatto il giro del web e dei giornali la foto di una ragazza con in mano un cartello che - trattando di uno degli aspetti più controversi della protesta - diceva: “Formazione non è lavare i piatti”.

In più occasioni la denuncia e la consequenziale protesta si sono concentrate proprio su questo tema: le imprese sono accusate di sfruttare gli studenti affidandogli compiti e ruoli poco consoni al loro percorso formativo... Quindi agli allievi cuochi pulire le pentole e i piatti, agli allievi di sala pulire e lavare bicchieri e anche pavimenti. Ma non è forse vero che negli uffici di altre professioni, come per avvocati e notai, coloro che fanno praticantato, gli stagisti o i nuovi assunti, facciano fotocopie o lavori considerati comunque “umili”?

Durante la mia esperienza in qualità di docente, ho spesso raccontato che anche i divi-chef della televisione hanno appreso il lavoro partendo dalle posizioni più semplici, poi con passione, sacrifici e voglia di fare sono diventati i vari Carlo Cracco o i Cannavacciuolo del momento, esempi da imitare.

Alternanza scuola-lavoro e disoccupazione giovanile in realtà vanno a braccetto: una buona formazione scolastica ed un minimo di praticantato possono far fronte al problema della disoccupazione. Le aziende dell’ospitalità, soprattutto i ristoranti, sono alla continua ricerca di personale qualificato, i ragazzi che rientrano in questa categoria è facile vadano all’estero, anzi, ci vengono “rubati” dai grandi ristoranti italiani in giro per il mondo.

Le scuole hanno la loro parte di responsabilità in questo: non sono preparate, non hanno le tecnologie, nemmeno quelle basilari che oggi si utilizzano nelle cucine, gli allievi di sala non conoscono una lingua straniera in maniera fluente, e i docenti spesso non sono preparati a rapportarsi con il mondo del lavoro o almeno, sperimentano raramente un confronto con esso.

Il risultato è che in molti casi sono i grandi gruppi e le grandi catene alberghiere ad accaparrarsi gli studenti e a farli stagisti, togliendoli alle piccole e medie realtà e agli artigiani del paese. Certamente si tratta di imprese più organizzate, hanno figure professionali che si occupano solo di questo genere di selezioni. Ed è altrettanto vero che per la segreteria di una scuola è più comodo gestire un rapporto con un utente che ospiterà 10 stagisti, piuttosto che con dieci diversi ristoranti che ne ospiteranno uno a testa.

In questa importante “rivoluzione” scolastica, tutti hanno le loro responsabilità. Anche le famiglie, dal canto loro, che desiderano i loro ragazzi diventino bravi cuochi, maitre, sommelier o manager dell'ospitalità. Bisogna che ognuno faccia uno sforzo di comprensione: un esempio? Anche se le aziende sono da una parte costrette a far fare la gavetta agli allievi, dall'altra parte possono motivarli premiando i migliori. Solo con questi compromessi l’alternanza scuola-lavoro sarà un successo e risolverà alcuni problemi del settore.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


studente istituto professionale istituto alberghiero lavoro impresa stage apprendistato praticantato professionalita formazione ospitalita

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®