Molino Quaglia
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 30 maggio 2020 | aggiornato alle 03:05| 65863 articoli in archivio
di Elisabetta N. Paseggini
Elisabetta N. Paseggini
Elisabetta N. Paseggini
di Elisabetta N. Paseggini

Alma punta ad una Scuola dell'Ospitalità
Agli studenti proposti percorsi all'estero

Alma punta ad una Scuola dell'Ospitalità 
Agli studenti proposti percorsi all'estero
Alma punta ad una Scuola dell'Ospitalità Agli studenti proposti percorsi all'estero
Pubblicato il 04 ottobre 2017 | 15:39

Ieri, all'Auditorium Paganini di Parma, è stato inaugurato l'anno accademico di Alma - Scuola internazionale di Cucina italiana. Marchesi ha lasciato la carica di rettore anche se rimarrà nel Comitato scientifico.

Comitato che sarà composto, tra gli altri da: Paolo Lopriore cuoco del ristorante "Il Portico"; Mariella Organi, maitre del ristorante "Madonnina del Pescatore"; il pastry chef e world chocolate master Davide Comaschi; il Maestro panificatore Ezio Marinato; e il giornalista e critico enogastronomico Andrea Grignaffini.

(Marchesi lascia ma l'offerta raddoppia Alma punta ad una Scuola dell'Ospitalità)

A illustrare il senso di questa pluralità di voci è il presidente di Alma Enzo Malanca: «Il Comitato scientifico - ha detto - oltre che dalla direzione di Alma, sarà composto da professionisti di indubbio valore che specializzati nei vari settori in cui Alma è impegnata, vale a dire cucina, pasticceria, panificazione e ospitalità, porteranno il proprio pensiero, le esperienze e la loro sensibilità di professionisti che vivono la realtà quotidiana».

Il Maestro Marchesi ha fortemente voluto e fondato nel 2004 questa prestigiosa scuola a Colorno (Parma), ma adesso sente il bisogno di fare un piccolo passo indietro. Proprio ieri, durante l'inaugurazione del nuovo anno accademico, è arrivata a sorpresa la sua lettera (letta da Enrico Dandolo suo genero e stretto collaboratore) in cui spiega che adesso rinuncia al rettorato. «Per me - ha detto Marchesi - è arrivato il momento di dedicarmi a qualcosa che mi sta molto a cuore. Un progetto che coltivo da tempo e che sta per nascere. Sentivo il bisogno di dar vita, sul modello della Casa di riposo dei musicisti, anche a una Casa di riposo dei cuochi. Sono molte le analogie tra i due mestieri, la ricetta è in fondo uno spartito. Per i successi fin qui ottenuti e per i nuovi obiettivi che si è data, Alma oggi ha più bisogno di un Comitato scientifico, di una guida collegiale, esperta nei singoli settori. Siamo a una svolta, viviamo uno di quei momenti di crescita che mettono addosso una gran voglia di fare e provocano una giusta dose di adrenalina».

All’Auditorium Paganini il management della scuola, insieme con il corpo docente, ha dato il benvenuto a 700 ospiti, di cui oltre 400 studenti tra aspiranti cuochi, pasticceri, bakery chef, sommelier, maître e manager della ristorazione e una platea composta da autorità, operatori di settore e giornalisti.

(Marchesi lascia ma l'offerta raddoppia Alma punta ad una Scuola dell'Ospitalità)

La prestigiosa scuola sempre più sottolinea il passaggio da Scuola di Cucina a Scuola dell’Ospitalità Italiana, centro di riferimento per la formazione nei settori della sala, dell’accoglienza e della gestione d’impresa. A dettare questa trasformazione è il mercato del lavoro: secondo un rapporto Istat pubblicato a fine agosto 2017, dal 2008 a oggi, i lavoratori nel campo della ristorazione e dell’hotellerie sono aumentati del 20,3%.

«Il nostro impegno - ha detto il direttore didattico Matteo Berti - è quello di formare i futuri professionisti dell'ospitalità, supportandoli nel trovare una collocazione nel mondo del lavoro coerente con il livello di preparazione acquisito con le aspirazioni personali. Abbiamo conseguito risultati straordinari: basti pensare che l’89,9% di tutti i diplomati Alma dal 2004 a oggi ha un lavoro (il 30,1% è occupato all’estero) e che attraverso AlmaLink abbiamo gestito 31.400 offerte di lavoro per conto di 2.550 aziende. L’alleanza con hosco, che si aggiunge a quella con Randstad, va considerata un ulteriore sforzo per garantire ai nostri studenti e alunni le migliori opportunità di carriera. Tutto ciò che facciamo in Alma è per l’allievo. L’allievo è al centro. La didattica, l’innovazione, il continuo mettersi in gioco. Accettate la sfida di Alma e vi assicuro che entrerete da professionisti nel complesso e affascinante mondo della ristorazione».

La serata si è conclusa con un ricco buffet di salumi e formaggi della zona, oltre un assaggio di amatriciana e di dolci deliziosi. Non è passata inosservata la giacca di cioccolato bianco e nero creata dagli allievi pasticceri, che aveva però lo zampino del Maestro Marchesi. Il momento è stato affiancato dalla promozione del volume “Amatricianae, Grandi chef italiani insieme per Amatrice!”, progetto sviluppato da Alma ed edito da Plan, il cui ricavato verrà devoluto in beneficenza al fine di ricostruire una taverna, non a caso luogo di aggregazione, nel comune di Configno (Ri).

(Marchesi lascia ma l'offerta raddoppia Alma punta ad una Scuola dell'Ospitalità)

Altre novità annunciate: la strategia di internazionalizzazione, il progetto culturale Next generation chef e la partnership con il portale di recruitment Hosco, per offrire nuove opportunità di lavoro ai diplomati Alma. «Inutile dire che per Alma la cucina e l’enogastronomia in generale sono cultura, storia e sono parte inscindibile di tutto ciò che fa italianità - afferma il presidente Malanca - non basta più quindi che ai nostri allievi si insegnino la tecnica, il comportamento e lo stile della professione che andranno a esercitare ma riteniamo sempre più fondamentale sviluppare un pensiero critico fatto di consapevolezza e responsabilità che non può esserci se non attraverso lo sviluppo di un confronto culturale interno ed esterno alla scuola. Vogliamo farci portatori di una visione e stimolare i più giovani, professionisti del futuro, ad adottare pratiche virtuose. Per vincere questa sfida abbiamo bisogno della collaborazione di tutti: mi riferisco non soltanto ai grandi chef ma anche a personalità illustri nel campo della cultura, del pensiero filosofico e delle arti».

(Foto: Carra)

Per informazioni: www.alma.scuolacucina.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Gualtiero Marchesi Alma direttore presidente Scuola Cucina Ospitalita

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®