Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 31 marzo 2020 | aggiornato alle 18:46| 64488 articoli in archivio
Rotari
Pentole Agnelli
di Roberto Vitali
Roberto Vitali
Roberto Vitali
di Roberto Vitali

I giovani vogliono lavorare nell’Horeca
ma non sono disposti al sacrificio

I giovani vogliono lavorare nell’Horeca 
ma non sono disposti al sacrificio
I giovani vogliono lavorare nell’Horeca ma non sono disposti al sacrificio
Pubblicato il 12 ottobre 2018 | 08:11

Ristoratori e albergatori lamentano la difficoltà di trovare personale qualificato da assumere in cucina, in sala, alla reception. Molti sono i “diplomati”, ma pochi hanno veramente imparato il mestiere e lo amano.

Si sono riaperte le scuole in tutta Italia, comprese quelle di indirizzo alberghiero-turistico, quelle in sostanza che dovrebbero preparare i professionisti dell’accoglienza italiana nei bar, nelle pizzerie, nei ristoranti, negli alberghi. Questo tipo di scuole si sono moltiplicate negli ultimi anni: si aprono sezioni per personale di cucina o di sala negli istituti statali di ogni genere (una volta erano esclusiva degli alberghieri), ma al contempo si contano iniziative di scuole messe in piedi da società private o cooperative più o meno qualificate.

(I giovani vogliono lavorare nell’Horeca ma non sono disposti al sacrificio)

Il fatto è che il settore “tira”, spinto anche da tante trasmissioni televisive, ma - ecco la triste verità - la lamentela più frequente, il grido di aiuto che sentiamo dagli amici ristoratori e albergatori è proprio riferito all’enorme difficoltà di trovare personale qualificato da assumere in cucina, in sala, alla reception. Molti “diplomati”, ma pochi che veramente hanno imparato il mestiere e lo amano. Visto in tv può sembrare un lavoro facile, ma ai primi colloqui con il potenziale datore di lavoro il mito del grande cuoco o del grande cameriere-sommelier cade impietosamente. Una parte dei giovani diplomati, sentiti gli orari e il compenso iniziale, lasciano subito perdere. In alcuni casi sono gli stessi genitori a intervenire: «Come? Il mio bambino lavorerebbe anche il sabato e la domenica? Tutte queste ore?». Molti provano per pochi giorni e poi non si fanno più vedere.

Non sarò io il primo a scriverlo, ma è certo che in molta gioventù lo spirito di sacrificio, quello che ha fatto rinascere l’Italia nel dopoguerra, non esiste più. Un problema non da poco per una società che vuole migliorare e ricerca il benessere dei suoi cittadini.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


giovani lavoro sacrificio scuola formazione scuola professionale Horeca accoglienza alberghiero iat italiaatavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®