Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
martedì 16 ottobre 2018 | aggiornato alle 09:46 | 56040 articoli in archivio
di Andrea Radic
di Andrea Radic

Cucina e musica oltre le disabilità
Nella “squadra”, opportunità per tutti

Primo Piano del 13 febbraio 2018 | 15:33

Alcuni impegnati ai fornelli e nel servizio di sala, altri a reinterpretare grandi brani di repertorio: l'evento Insieme si può, organizzato da Italia a Tavola a Milano, ha voluto lanciare un messaggio contro il bullismo, ricordando che la disabilità non limita i sogni: in una squadra tutti hanno delle concrete opportunità.

Tra gli studenti addetti alla cucina e all'ospitalità, dell’Istituto alberghiero Paolo Frisi di Milano, e quelli impegnati a creare un sottofondo musicale davvero sorprendente, della Fondazione Sequeri Esagramma Onlus, i ragazzi protagonisti dell'evento Insieme si può hanno vissuto una mattinata di impegno. I primi hanno lavorato sotto la guida del cuoco Nicola Cavallaro e del team di Un Posto a Milano per mettere realmente in pratica il concetto di squadra, il valore di ottenere insieme un obiettivo comune.

Nel gruppo di ragazze e ragazzi, diversi di loro hanno sulla carta difficoltà di apprendimento, problematiche psicologiche o sociali che, in un sistema solo concorrenziale, comporterebbe l’esclusione, il rimanere indietro. Invece oggi è stata data la dimostrazione che la brigata è un gruppo e, come tale, può offrire a ciascuno concrete opportunità.

A questo proposito si è espresso, in occasione dell'evento, il direttore di Italia a Tavola, Alberto Lupini: «Questo format vuol essere una scelta ben precisa, per indicare che la cucina non è solo quella competizione esasperata alla Masterchef, ma parte di un lavoro di squadra, proprio come lavoro di squadra è quello che sta alla base dell'attività di un giornale».

(Quando la cucina va oltre le differenze e la brigata offre a tutti un'opportunità)

Come nella cucina, anche nella musica: un’orchestra suona insieme, divisa in comparti proprio come accade ai fornelli. Lo hanno dimostrato i musicisti della Fondazione Sequeri Esagramma Onlus che annovera tra violini, contrabbassi e altri strumenti interpreti che presentano sindromi autistiche, ritardi cognitivi e difficoltà di comunicazione e relazionali. Guidata da Gabriele Rubino ha eseguito brani del repertorio classico.

Grande emozione tra gli ospiti di una mattinata “speciale”, organizzata da Italia a Tavola e coordinata da Tiziana Nicolò, durante la quale la normalità era di tutti, l’impegno condiviso, la fatica passata di mano in mano e, sopratutto, la gioia comune.

Quando i ragazzi che hanno lavorato in cucina, come una vera brigata, sono stati chiamati dal cuoco Cavallaro a raccogliere il meritato applauso della sala, c’è stata vera commozione.

(Quando la cucina va oltre le differenze e la brigata offre a tutti un'opportunità)

La mattinata è anche stata l’occasione per un dibattito cui hanno portato il proprio contributo numerosi protagonisti del mondo scientifico, medico, accademico e istituzionale, concordi nell’individuare il principio della “inclusione” come modalità formativa in grado di rendere ciascuno, anche chi ha difficoltà, consapevole di poter riuscire, di formarsi per, un domani, impegnarsi nella professione che ama.

Perché queste ragazze e ragazzi credono davvero in quello che fanno, la formazione alberghiera come ripiego da studi più impegnativi è un lontano ricordo quando ci si confronta con giovani motivati e li si vede all’opera, impegnati, convinti, felici di lavorare.

(Quando la cucina va oltre le differenze e la brigata offre a tutti un'opportunità)

Da Luca Bernardo, primario al Fatebenefratelli, al vicesindaco metropolitano Arianna Censi, da Anna Ogliari, psicoterapeuta dello sviluppo al San Raffaele, a Silvia Chiodin, regista di “Cristina, il racconto di una malattia”, da Francesca Maisano, psicologa al Fatebenefratelli, al corpo docente dell’Iis Paolo Frisi di Quarto Oggiaro con il preside Luca Azzollini, il vicepreside Federico Militante e i docenti Guido Villa e Andrea Mercogliano, tutti hanno concordato sulla valenza di un percorso formativo che sia realmente in grado di non lasciare indietro nessuno.

Hanno portato il loro contributo anche Alberto Lupini, direttore di Italia a Tavola, la pedagogista Antonella Barile e Paola Chessa Boni, direttrice di Cibi.

Il frutto del lavoro degli allievi “di cucina” del Frisi è stato degustato con grande approvazione durante il pranzo, servito dagli allievi “di sala”, insieme ai colleghi del settore “bar e accoglienza” in un mix felice con il personale professionista del ristorante milanese, progetto di Esterni,  presenti Lorenzo Castellini e Giacomo Faina, che ha aperto le porte all’inclusione. Importante il contributo delle aziende che hanno fornito i prodotti e le materie prime utilizzate: “Distretto Rurale Riso e Rane”, Azienda Agricola Cornalba di Locate Triulzi (Mi), La Fontana di Comazzo (Lo), Cascina Pioltino di Zibido San Giacomo (Mi), Cascina Guzzafame di Gaggiano (Mi). I vini che i ragazzi hanno servito in abbinamneto sono stati selezionati dal Movimento turismo del vino Lombardo.  


Un Posto a Milano Istituto Paolo Frisi Nicola Cavallaro cucina brigata sogno giovane disabile inclusione formazione Alberto Lupini Antonella Barile Paola Chessa Luca Bernardo Arianna Censi Anna Ogliari Silvia Chiodin pranzo


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548