Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 23 ottobre 2019 | aggiornato alle 09:49| 61595 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
HOME     PROFESSIONI     SOMMELIER
di Roberto Vitali
Roberto Vitali
Roberto Vitali
di Roberto Vitali

A 19 anni sommelier al “Core”
La storia del giovane Luca Falconi

A 19 anni sommelier al “Core”
La storia del giovane Luca Falconi
A 19 anni sommelier al “Core” La storia del giovane Luca Falconi
Pubblicato il 09 luglio 2019 | 17:22

Dalla trattoria di famiglia a Ponteranica (Bg) a un noto ristorante di Londra: il salto non è stato facile per il ragazzo bergamasco, a dimostrazione che “volere è potere”.

A 19 anni è sommelier nel 2 stelle “Core”. La storia del giovane Luca Falconi può essere da esempio per tanti ragazzi che intraprendono la strada professionale nel mondo dell’Horeca. «Fin da piccolo - ricorda Luca, oggi diciannovenne, figlio del sommelier Marco e nipote dello chef Giorgio - mi aggiravo tra i tavoli e i fornelli della trattoria e vedevo mio padre con i grembiule nero, il papillon e sulla giacca la spilletta del tastevin dei sommelier, alla quale ho sempre puntato. Quando c’è stato il momento di scegliere la scuola superiore ho scelto l’Alberghiero a San Pellegrino, dove mi sono diplomato nel 2018 con una tesina sulla frollatura e le carni bovine, una specialità della trattoria di famiglia».

Luca Falconi (A 19 anni sommelier al CoreLa storia del giovane Luca Falconi)
Luca Falconi

Già prima del diploma Luca aveva avuto modo di lavorare non solo nella trattoria Falconi ma in altri locali di qualità: una stagione estiva al Club Hotel Baja Sardinia, al Carroponte di Bergamo, per due mesi anche in Germania al Relais&Chateaux Hotel Dollenberg. Con il diploma inizia a mettersi seriamente in gioco nel locale di famiglia dove era già attivo, iniziando da subito a proporre idee a papà Marco, con il quale condivide a pieno una passione matta per le carni e per il vino.

«Durante una serata - ricorda Luca - abbiamo avuto ospite un amico, Luca Cinacchi, braccio destro di Carlo Cracco nel programma Hell’s kitchen e ora chef de cave di Ca’ del Bosco. Con lui ho potuto chiacchierare su cosa volessi ottenere io dalla mia carriera nel mondo della ristorazione, da qui il contatto per Londra, un locale 2 stelle Michelin sulla bocca di tutti, il “Core” di Clare Smyth, a Notting Hill, locale pluripremiato. Due settimane dopo volo a Londra per sottopormi a una prova, altre tre settimane e mi ero già trasferito. Ho cominciato questa avventura il 22 ottobre 2018 come commis. Dopo sei mesi, a fine aprile, sono stato promosso a commis sommelier. Inizia forse davvero adesso la mia carriera nel mondo del bere miscelato ma soprattutto nel mondo del vino. Sono pronto e carico per questo viaggio».

Come hai fatto nella grande Londra, da solo, a 18 anni?
I primi mesi ero molto perso, con il mio inglese scolastico facevo molta fatica a dialogare con qualsiasi persona, persino con i miei coinquilini. Al lavoro parlavo poco e lavoravo tanto, tutto perché la mia capacità linguistica era molto bassa ma la mia voglia di fare era ed è ancora tanta. Dopo svariati mesi il mio inglese è altamente migliorato, riesco ad iniziare e finire dialoghi con tutti, anche con sconosciuti. Gli inizia sono stati duri: casa condivisa con perfetti sconosciuti, una lingua non mia, pagare bollette, spostamenti completamente diversi, lavare, stirare e cucinare, tutte cose che ho iniziato a fare per forza da solo, cose che adesso sono totalmente all’ ordine del giorno per me, praticamente una routine quotidiana. A tutti quelli della mia stessa età e per quelli che vogliono iniziare e buttarsi in questo mondo dico solo di lasciarsi andare, non avere paura di sbagliare, di essere sgridati, piangere, sfogarsi, ma dare sempre il massimo e puntare sempre dritti al proprio obiettivo, sempre con il sorriso contro i problemi.
 
Fino a quando pensi di restare a Londra?
Fino a fine anno, se non di più, tutto per imparare il più possibile sul vino e sul mondo stellato. Dopo Londra credo che mi prenderò una piccola pausa in Italia per iniziare vari corsi (da sommelier Ais, da barman Iba, corsi di management). Penso ad altre esperienze in Italia e all’estero, in Danimarca o forse Giappone, per poi tornare nel locale di famiglia e portarlo a un livello ancora più alto.

In Italia tanti tuoi compagni con il diploma di scuola alberghiera non trovano il lavoro che piace. Forse non sono disposti come te al sacrificio?
Credo che molti di quelli che hanno fatto la scuola con me, almeno i miei compagni di classe, in gran parte l’abbiano scelta con l’idea che fosse facile e con lo stereotipo che il cameriere sia solo uno che porta piatti e nient’altro. Molti dopo il diploma so che hanno iniziato l’università ma nessuno nel nostro settore. Alcuni hanno iniziato a lavorare in semplici bar, “giusto per fare qualcosa”. Il non trovare lavoro è sempre dato dal fatto che non si vogliono sacrificare il sabato e la domenica, le festività come Natale e Capodanno. Molti non hanno quella vera e propria passione, quindi mollano o dicono che non si trovano bene. Sì, molti non sono disposti al sacrificio e a mettersi in gioco in questo mondo.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino sommelier luca falconi londra core ristorante giovane storia 19 anni alberghiero trattoria falconi ponteranica bergamo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).