Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 04 febbraio 2023  | aggiornato alle 09:04 | 91607 articoli in archivio

Ideale per combattere tosse e raffreddore Tutti i segreti e le proprietà dello zenzero

Lo zenzero è una radice molto utilizzata in cucina e nei cocktail. Numerose le sue proprietà benefiche: è un ottimo antinfiammatorio, è un ottima fonte di potassio e vitamine, nonché di ferro, essenziale per le ossa

 
14 ottobre 2016 | 17:09

Ideale per combattere tosse e raffreddore Tutti i segreti e le proprietà dello zenzero

Lo zenzero è una radice molto utilizzata in cucina e nei cocktail. Numerose le sue proprietà benefiche: è un ottimo antinfiammatorio, è un ottima fonte di potassio e vitamine, nonché di ferro, essenziale per le ossa

14 ottobre 2016 | 17:09
 

Un alimento è sempre più frequente in piatti e addirittura in cocktail nell'ultimo periodo: si tratta dello zenzero, una sorta di radice dal sapore deciso e dagli indubbi effetti benefici sull'organismo. Tuttavia in molti ignorano effettivamente le sue caratteristiche, le sue proprietà nutrizionali e le circostanze per cui evitarne il consumo. A questo proposito riportiamo di seguito un articolo tratto da Humanitasalute, che delinei i tratti generali di questo alimento.




Che cos'è lo zenzero?
Lo zenzero è il rizoma dello Zingiber officinale, pianta appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae.

Quali sono le proprietà nutrizionali?
100 g di zenzero fresco apportano circa 80 calorie e:

  • 78,89 g di acqua
  • 1,82 g di proteine
  • 0,75 g di lipidi (tra cui 0,203 g di grassi saturi, 0,154 g di grassi monoinsaturi e 0,154 g di grassi polinsaturi
  • 17,77 g di carboidrati
  • 1,70 g di zuccheri
  • 2,0 g di fibre
  • 5,0 mg di vitamina C
  • 0,750 mg di niacina
  • 0,26 mg di vitamina E
  • 0,203 mg di acido pantotenico
  • 0,160 mg di vitamina B6
  • 0,034 mg di riboflavina
  • 0,025 mg di tiamina
  • 11 µg di folati
  • 0,1 µg di vitamina K
  • 415 mg di potassio
  • 43 mg di magnesio
  • 34 mg di fosforo
  • 16 mg di calcio
  • 13 mg di sodio
  • 0,60 mg di ferro
  • 0,34 mg di zinco
  • 0,229 mg di manganese
  • 0,226 mg di rame
Lo zenzero è fonte di oli essenziali.

Quando non mangiare lo zenzero?
Lo zenzero può potenziare l'azione degli anticoagulanti e interferire con l'effetto della ciclosporina, degli antidiabetici e degli antipertensivi. In caso di dubbi è bene chiedere consiglio al proprio medico.

Stagionalità dello zenzero
Lo zenzero è reperibile sul mercato tutto l'anno.

Possibili benefici e controindicazioni
Lo zenzero è tradizionalmente impiegato come antinfiammatorio, carminativo e antimicrobico. La sua efficacia è in diversi casi attribuibile alla presenza di gingeroli, che aiutano a migliorare la motilità intestinale e sono dotati di proprietà antinfiammatorie, analgesiche, calmanti, antipiretiche e antibatteriche; sembra inoltre che possano aiutare a ridurre la nausea indotta da mal d'auto e gravidanza e ad alleviare il mal di testa. Lo zingerone sembra invece essere utile in caso di diarrea associata ad Escherichia coli, soprattutto nei bambini. Altri usi dello zenzero a scopo medicinale includono la preparazione di decotti contro raffreddore, tosse e mal di gola.

Dal punto di vista nutrizionale è una fonte di molecole dall'azione antiossidante, di vitamine necessarie per il buon funzionamento del metabolismo, di potassio alleato del cuore, di fosforo e calcio per la salute delle ossa e di ferro e rame necessari per la produzione dei globuli rossi.

Lo zenzero aumenta la secrezione della bile; nel caso in cui si soffra o si abbia sofferto di calcoli alla colecisti è bene chiedere consiglio al proprio medico.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Tirreno CT

Alaska Sea Food