Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 02 agosto 2021 | aggiornato alle 09:58 | 76911 articoli in archivio

Favismo non solo fave: ecco cosa è meglio non mangiare

In via precauzionale è preferibile evitare anche tutti gli altri legumi compresa la soia e i prodotti da essa derivati, la Verbena Hybrida, i mirtilli, il vino rosso

26 aprile 2021 | 07:30

Favismo non solo fave: ecco cosa è meglio non mangiare

In via precauzionale è preferibile evitare anche tutti gli altri legumi compresa la soia e i prodotti da essa derivati, la Verbena Hybrida, i mirtilli, il vino rosso

26 aprile 2021 | 07:30

È il periodo delle fave. Legumi dalle molteplici proprietà ma da assolutamente da evitare per chi soffre di favismo. E, proprio i soggetti colpiti da questa patologia, oltre alle fave a cosa devono stare attenti? Risponde la dottoressa Manuela Pastore, dietista di Humanitas, in un articolo su Humanitas Salute che pubblichiamo.

 Il favismo è legato a un difetto congenito Favismo non solo fave…Ecco cosa è meglio non mangiare

Il favismo è legato a un difetto congenito



Il favismo è legato ad un difetto congenito, pertanto ereditario, un’intolleranza alimentare trasmessa su base ereditaria che si caratterizza per la carenza di un enzima presente nei globuli rossi, il G6PD, glucosio-6-fosfato-deidrogenasi, molto importante per il loro metabolismo perché li protegge dallo stress dai processi ossidativi. Questa carenza determina la distruzione dei globuli rossi e, quindi, l’insorgenza di anemia emolitica con ittero, emoglobinuria, anemia grave.

Le sue manifestazioni tendenzialmente fanno la loro comparsa qualche ora dopo l’ingestione di fave. Anche l’assunzione di alcuni farmaci rientra fra i fattori scatenantidelle manifestazioni cliniche. I sintomi non sono solo quelli legati all’anemia come pallore e debolezza ma anche ittero, febbre, urine ipercolorate, fino alla compromissione delle condizioni generali. Alcune persone affette da favismo non tollerano nemmeno l’esposizione ai pollini delle piantagioni di fave né ai baccelli di fave fresche.

Le fave sono un alimento che va sempre evitato: cotte, crude o secche

«Le fave, in qualunque forma, sicuramente fungono da fattori scatenanti inibendo completamente l’attività dell’enzima, già carente nelle persone affette da favismo. Le sostanze ossidanti, alimenti o farmaci, denaturano l’emoglobina dei globuli rossi diminuendo la loro capacità di trasportare ossigeno alle cellule del corpo scatenando la crisi emolitica e le conseguenze ad essa correlate», spiega la specialista.

Oltre a queste, quali alimenti possono scatenare le manifestazioni cliniche del favismo?
«Il favismo è una condizione mista, l’esposizione a sostanze trigger scatenanti, fave prima di tutto ma non solo, riduce ulteriormente i glubuli rossi che sono già carenti per il defict enzimatico. Esistono più di 200 varianti del deficit, pertanto le reazioni possono essere differenti a seconda delle condizioni della persona affetta da favismo, soprattutto se più fattori concomitano come stress e agenti ossidativi. Con assoluta certezza le fave ma anche i piselli sono cause dirette ossidative, così come molti farmaci».

«In via precauzionale è preferibile evitare anche tutti gli altri legumi compresa la soia e i prodotti da essa derivati, piante come la Verbena Hybrida utilizzata come pianta ornamentale, estratti vegetali spesso utilizzati nella medicina orientale, i mirtilli, il vino rosso ma anche sostanze utilizzate per i tatuaggi e l’Henné diffuso come tintura per i capelli. Per chi ama mangiare in ristoranti orientali o viaggia è consigliabile informarsi sugli ingredienti contenuti nei cibi e conoscere la traduzione degli alimenti da evitare nelle varie lingue», conclude la specialista.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali