Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 28 luglio 2021 | aggiornato alle 12:38 | 76849 articoli in archivio

Una dieta con eccesso di grassi può scatenare allergie alimentari

Bastano 6 mesi di alimentazione con il 40% di calorie che arriva da grassi per modificare la flora batterica intestinale, favorendo infiammazione e deragliamento del sistema immunitario

08 maggio 2021 | 07:30

Una dieta con eccesso di grassi può scatenare allergie alimentari

Bastano 6 mesi di alimentazione con il 40% di calorie che arriva da grassi per modificare la flora batterica intestinale, favorendo infiammazione e deragliamento del sistema immunitario

08 maggio 2021 | 07:30

Che fra allergie e alimentazione ci fossero dei legami era già stato messo in evidenza dall’esistenza della cosiddetta sindrome orale allergica, una patologia che si manifesta in caso di allergie crociate, quando cioè allergeni come pollini, acari o altro e cibi apparentemente molto diversi fra loro condividono proteine e scatenano la risposta anomala del sistema immunitario: un incrocio pericoloso che, stando agli allergologi, è sempre più comune, così come sono in continuo aumento le allergie in generale. La ragione risiederebbe anche nella dieta, se questa è a base di alimenti troppo grassi.

Troppi grassi favoriscono le allergie Una dieta con eccesso di grassi può scatenare allergie alimentari

Troppi grassi favoriscono le allergie



Lo spiega il professor Giorgio Walter Canonica, responsabile del Centro Medicina Personalizzata Asma e Allergologia dell’Istituto Clinico Humanitas, in un articolo apparso su Humanitas Salute che pubblichiamo.


Dieta ricca di grassi, possibile causa di allergia


Le allergie sono in continuo aumento. Lo hanno sottolineato anche gli esperti dell’American Academy of Allergy, Asthma and Immunology durante un congresso a San Francisco, parlando anche delle interazioni fra allergia e dieta. Fra le principali responsabili di questo processo, secondo i ricercatori americani, ci sarebbe la dieta.

Quella troppo ricca di grassi favorirebbe l’aumento delle sostanze verso cui l’individuo può sviluppare delle reazioni allergiche. Bastano sei mesi un’alimentazione in cui il 40% delle calorie arrivi dai grassi a modificare radicalmente la flora batterica intestinale, aumentando le specie che favoriscono l’infiammazione e il «deragliamento» del sistema immunitario verso le allergie.

Le allergie alimentari, più diffuse negli Usa


La dieta può incidere sulla probabilità di sviluppare allergie, specie alimentari: non a caso queste sono molto più frequenti negli Usa, mentre in Italia sono meno diffuse grazie all’effetto protettivo della dieta mediterranea.

Anche le reazioni crociate non sono così frequenti né inevitabili negli allergici, ma è importante identificarle per dare consigli ai pazienti che magari hanno fastidi mangiando alcuni cibi ma non hanno mai collegato il problema alla loro allergia. Per individuare le allergie crociate serve una diagnosi allergologica molecolare, ovvero test che setacciano pannelli di decine e decine di molecole-allergeni individuando quelli con cui il paziente reagisce e identificando così tutte le possibili cross-reattività. Se, per esempio, la persona è allergica alla tropomiosina degli acari avrà fastidi anche mangiando crostacei e lumache.

Anche il cambiamento climatico è responsabile


I casi di allergie crociate crescono soprattutto perché sono in aumento tutte le altre, per colpa degli stili di vita ma anche del cambiamento climatico più si innalzano le temperature, più aumentano i pollini nell’ambiente. A ciò si aggiunge l’inquinamento, che danneggia le mucose respiratorie rendendole più permeabili agli antigeni e quindi più esposte alla sensibilizzazione allergica: le particelle esauste da diesel, per esempio, aumentano la produzione delle immunoglobuline E, fra i principali mediatori della risposta allergica.

I fattori, insomma, sono tanti. Ma alcuni trucchi da mettere in atto ci sono. L’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici ha pubblicato un decalogo per difendersi dai pollini.

Chi soffre di rinite allergica e o asma dovrebbe sottoporsi a immunoterapia specifica: è efficace nel controllare i sintomi e può essere fatta anche solo poco prima e durante la stagione allergica, con iniezioni sottocute una volta al mese, gocce o compresse sublinguali, che esistono da poco per gli acari e per le graminacee. L’immunoterapia specifica è molto utile, ma solo il 5% di chi sarebbe un candidato adatto la fa, con differenze regionali di accesso.



© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Consorzio Vini Abruzzo