Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 20 ottobre 2021 | aggiornato alle 13:01 | 78795 articoli in archivio

Paracetamolo e ibuprofene. Come e quando utilizzarli?

Mentre il paracetamolo allevia il dolore e abbassa la febbre, l’ibuprofene ha anche un effetto antinfiammatorio. Di entrambi i farmaci è bene non abusare, ma assumerli sono quando è davvero necessario

13 ottobre 2021 | 18:55

Paracetamolo e ibuprofene. Come e quando utilizzarli?

Mentre il paracetamolo allevia il dolore e abbassa la febbre, l’ibuprofene ha anche un effetto antinfiammatorio. Di entrambi i farmaci è bene non abusare, ma assumerli sono quando è davvero necessario

13 ottobre 2021 | 18:55

Sono entrambi farmaci da banco, per cui non serve la prescrizione medica. Entrambi analgesici usati nell’automedicazione, il paracetamolo (o acetaminofene) e l’ibuprofene vengono usati per lenire il dolore generico. Dal mal di testa, ai dolori mestruali a quelli articolari, si tratta di due fra i principi attivi più usati per questo scopo. Ma che differenza c’è fra loro? Ne parla la dottoressa Maria Fazio, responsabile della farmacia di Humanitas, in un articolo su Humanitas salute che pubblichiamo integralmente.

Attenzione all'uso dei farmaci Paracetamolo e ibuprofene. Come e quando utilizzarli?

Attenzione all'uso dei farmaci

Paracetamolo e ibuprofene: le differenze


Mentre il paracetamolo allevia il dolore e abbassa la febbre, l’ibuprofene ha anche un effetto antinfiammatorio. Di entrambi i farmaci è bene non abusare, ma assumerli sono quando è davvero necessario. Mentre il paracetamolo può essere usato, a bassi dosaggi, anche in gravidanza (previo parere dello specialista o del proprio medico di base che valuterà il singolo caso e l’eventuale presenza di allergie), l’ibuprofene è sconsigliato alle donne incinte a causa della sua potenziale capacità di inibire la sintesi delle prostaglandine nel neonato.



Quando assumere paracetamolo e quando l’ibuprofene?


Se si è in presenza di febbre, dolori di intensità da lieve a moderata come il mal di denti, mal di ossa, dolore post-chirurgico e mal di testa da cefalea muscolotensiva (quindi, non derivante da emicrania), ma anche dolore muscolo-scheletrico associato a processi infettivi acuti, l’analgesico più raccomandato è il paracetamolo. Nei casi di artrite, artrosi e spondilite anchilosante (artrite della colonna vertebrale), l’infiammazione non reumatica e dolori mestruali meglio l’ibuprofene che, come il paracetamolo, non è raccomandato nei pazienti con problemi gastrici, insufficienza renale o epatica. L’ibuprofene è da evitare anche se si assumevano farmaci antipertensivi o anticoagulanti alto rischio di interazione.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali