Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 15 novembre 2019 | aggiornato alle 19:58| 62047 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     ALIMENTAZIONE

Mele, pesche e ciliegie
Attenzione a semi e noccioli

Mele, pesche e ciliegie 
Attenzione a semi e noccioli
Mele, pesche e ciliegie Attenzione a semi e noccioli
Pubblicato il 15 giugno 2019 | 14:00

Ridurre al minimo lo spreco di cibo, ma stando attenti ad eliminare le parti nocive. Soprattutto per i cibi di origine vegetale o animale è utile prendere alcune precauzioni al fine di evitare brutte sorprese.

Di quali sono gli elementi a cui prestare più attenzione ne ha parlato Elisabetta Macorsini, biologa nutrizionista di Humanitas, in un articolo pubblicato su Humanitasalute che qui pubblichiamo integralmente

(Mele, pesche e ciliegie Semi e noccioli potenzialmente dannosi)


Non sempre il “non buttare via niente” è una saggia regola da seguire a tavola. Quando si tratta di frutta, ad esempio, è bene sapere che i semi di molte varietà contengono al loro interno piccole quantità di cianuro. In particolare, sono tossici quelli delle mele. La dottoressa.

È molto improbabile riuscire ad avvelenarsi con una mela, ma è bene sapere che i semi del cosiddetto “frutto proibito” contengono un composto chiamato amigdalina, una molecola a base di cianuro e zucchero. Se il seme viene masticato e rotto, gli enzimi umani (o animali) entrano in contatto con l’amigdalina e con la parte zuccherina della molecola, esponendo lo stomaco al velenoso acido cianidrico.

La tossicità da cianuro è sperimentata dall’uomo a dosi di circa 0,5-3,5 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo. I sintomi dell’avvelenamento da cianuro includono crampi allo stomaco, mal di testa, nausea e vomito e, quando l’intossicazione è grave, possono culminare in arresto cardiaco, insufficienza respiratoria, coma e morte. Per gli esseri umani si considera fatale una dose che va dai 1,5 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo in su: un seme di mela pesa circa 0,7 g.

Poiché non tutta questa massa verrebbe convertita in cianuro di idrogeno (alcuni di essi costituiranno la parte zuccherina delle molecole che vengono scisse), è evidente che per avvelenarsi sarebbe necessario ingerire un numero enorme di semi di mela. Ciò nonostante è meglio separare il frutto dalla sua semenza, che non va masticata né ingerita.

I semi delle ciliegie, il così detto nocciolo, contiene acido cianidrico, un potente veleno largamente presente nel regno vegetale che ostacola il trasporto dell’ossigeno da parte del sangue. L’acido si libera solo se si danneggia il nocciolo con i denti o se lo si ingerisce.

Anche il nocciolo della pesca racchiude un glicoside: l’amigdalina. Questo glucoside è cianogenico, ovvero capace di liberare acido cianidrico nel nostro organismo. L’amigdalina è contenuta, oltre che nei noccioli delle pesche, delle albicocche, delle prugne e come detto delle ciliegie.

L’organismo umano ne può eliminare modeste quantità attraverso i processi metabolici. Ogni nocciolo contiene ca. 0.5 mg di cianuro. Solitamente il nocciolo della frutta non viene ingerito. Il problema sussiste nel momento in cui - quando il frutto è troppo maturo - il nocciolo si schiude consentendo quindi all’amigdalina di uscire. Occorre dunque prestare un po’ di attenzione alla frutta che si ingerisce.

Erroneamente alcuni pensano che i noccioli di frutta possano avere effetti addirittura miracolosi. Non esiste tuttavia supporto scientifico a questa teoria. I sintomi da intossicazione derivanti dall’assunzione di questi noccioli sono abbastanza comuni. Per questo difficili da individuare. Consistono in nausea, vomito, emicrania, palpitazioni. Occorre quindi fare attenzione per capire che sono legati a questo problema. Un tempo anche il pomodoro veniva ritenuto velenoso per l’elevata quantità di solanina, una sostanza a bassa tossicità che la pianta produce come naturale pesticida. Elevate quantità di solanina sono contenute tuttavia in fusto e foglie dei pomodori, che, pertanto, non sono commestibili e vanno scartati.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere Humanitasalute mela ciliegia pesca frutta cibo nocciolo semi amigdalina cianuro stomaco digestione

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).