Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 22 novembre 2019 | aggiornato alle 06:17| 62165 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     ALIMENTAZIONE

Disturbi a stomaco e intestino
Un occhio all'alimentazione

Disturbi a stomaco e intestino 
Un occhio all'alimentazione
Disturbi a stomaco e intestino Un occhio all'alimentazione
Pubblicato il 06 agosto 2019 | 15:23

Alcuni dei sintomi legati ai disturbi di stomaco e intestino sono ad esempio gonfiore, dolore e tensione, ma anche difficoltà a digerire, pesantezza e necessità di recarsi in bagno urgentemente.

Come affrontare questi malesseri è l'argomento trattato da Beatrice Salvioli, gastroenterologa di Humanitas, in un'intervista su Radio24 durante “La bufala in tavola”. Di seguito riportiamo il suo parere, tratto da Humanitasalute.

(Disturbi a stomaco e intestino Un occhio all'alimentazione per star bene)


Pancia vuota e pancia piena
La sensazione di avere la pancia vuota, soprattutto al mattino, potrebbe indicare che la colazione non sia stata adeguata; si è digerito quanto mangiato e alla sola vista del cibo si ha la cosiddetta “acquolina in bocca”: questa fase è detta cefalica, è il cervello che invia segnali alla vista del cibo e nasce quel languorino che invita a mangiare qualcosa.

Se invece la pancia è piena, abbiamo una sensazione di rifiuto del cibo. Può capitare per esempio dopo un eccesso, magari la sera prima, in cui si è bevuto e mangiato molto e magari lo si è fatto anche tardi. «È bene infatti ricordare che nel corso della notte il processo di digestione non funziona come accade di giorno e se andiamo a letto dopo una cena molto abbondante, è probabile che facciamo fatica a dormire e a digerire e che al risveglio ci sentiamo appesantiti, confusi e con il mal di testa. Come dice il detto popolare, bisognerebbe mangiare da re a colazione, da principi a pranzo e da poveri la sera», spiega la specialista.

Disturbi al femminile
Le sensazioni spiacevoli, a carico di stomaco e intestino, sono più comuni nelle donne. Questi disturbi sono prevalentemente femminili, anche per una maggiore emotività che si ripercuote spesso a livello gastro-intestinale.

«Questi disturbi possono sia essere legati a un’ipersensibilità dei visceri per cui basta un minimo sgarro dalle proprie abitudini a creare disagio, sia essere causati da un’intolleranza o da un’alimentazione scorretta, magari perché ricca di cibi che fermentano», sottolinea la Salvioli.

Fibre e gonfiore
Le fibre sono molto importanti nella nostra alimentazione, ci sono persone però che tendono a limitarne il consumo o addirittura a evitarle perché quando mangiano alimenti ricchi di fibre tendono ad avvertire gonfiore.

Questo accade soprattutto a chi ha un intestino irritabile e dunque più sensibile; le fibre però non vanno eliminate perché assicurano un apporto di vitamine e di antiossidanti fondamentale per la salute. È possibile però limitare il gonfiore, adottando alcuni accorgimenti:
  • Preferire estratti di frutta o di verdura o passati di verdura: in cui la buccia (che è la parte più ricca di fibre) viene eliminata o passata.
  • Non mangiare la frutta subito dopo i pasti: è più difficile da digerire; meglio negli spuntini.
  • Evitare l’insalata a foglia lunga e preferire quella a foglia corta, come il songino.
  • Evitare di consumare verdura cruda a cena, preferendo un passato di verdure.
  • Bere acqua naturale e non acqua frizzante.

Gastrite e reflusso
«Gastrite e reflusso - chiarisce Beatrice Salvioli - sono due dei disturbi più comuni. Chi soffre di gastrite spesso si sente pieno pur avendo mangiato poco: questo è dovuto a un’infiammazione a livello dello stomaco, che presenta pareti più sensibili; una condizione tipica di chi ha sofferto di ulcere in passato o di chi vive situazioni di stress che chiude letteralmente lo stomaco. Può essere di aiuto bere bevande tiepide, il caldo infatti rilassa le pareti dello stomaco, ed è altresì importante mangiare con calma, sedendosi a tavola, prendendosi il giusto tempo e masticando bene».

«Chi soffre di reflusso invece tende a ricorrere ai farmaci da banco, che tamponano la sensazione sgradevole di acido che sale in bocca. Bisognerebbe però limitare i danni con la dieta, bevendo meno caffè (massimo 1 o 2 a stomaco pieno), evitando vino bianco, sughi, fritti, intingoli e cibi elaborati: è bene poi mangiare presto a cena e andare a letto almeno due ore dopo aver mangiato», ha concluso la dottoressa Salvioli.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


stomaco intestino dolore pesantezza salute Beatrice Salvioli Humanitas gastrite reflusso fibra gonfiore pancia piena pancia vuota

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).