Sofidel Papernet
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 11 luglio 2020 | aggiornato alle 10:17| 66665 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Molino Quaglia
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Quella fastidiosa sensazione di gonfiore
Attenzione a stress e bevande gassate

Quella fastidiosa sensazione di gonfiore 
Attenzione a stress e bevande gassate
Quella fastidiosa sensazione di gonfiore Attenzione a stress e bevande gassate
Pubblicato il 01 dicembre 2016 | 18:09

Il gonfiore può subentrare anche dopo un pasto non abbondante perché la differenza la fa la qualità dei cibi. Attenzione poi a bibite gassate, dolci e legumi: uno stile di vita sano è la migliore delle armi

La sensazione di gonfiore soprattutto dopo i pasti è nota a molti. Il problema, per quasi tutti, è capire la causa di questa sensazione e se si può parlare di sensazione appunto oppure di un reale “gonfiore”. Il quesito diventa complicato soprattutto nel momento in cui questo stato subentra dopo un pasto normale e non abbondante. Di seguito un'analisi di questo disturbo e alcuni metodi per prevenirlo, in un articolo tratto da Humanitasalute.

Quella fastidiosa sensazione di gonfiore


Il primo mito da sfatare è che gonfiore e chili di troppo non vanno di pari passo visto che l’accumulo di aria nello stomaco e nell’intestino può dipendere da vari fattori, che spesso non c’entrano nulla con grassi e calorie. La classica (e temutissima) pancetta del dopo pranzo o del dopo cena, infatti, può essere dovuta all’eccessiva deglutizione d’aria durante i pasti o all’eccessiva produzione di gas da parte della flora batterica intestinale.

A volte l’eccessivo gonfiore dipende da un disturbo dell’apparato gastrointestinale, per esempio l’ernia iatale, i calcoli alla cistifellea, il colon irritabile o il malassorbimento che vanno curati in modo specifico. In questo caso, però, oltre al gonfiore, si presentano quasi sempre altri sintomi, come sensazione di un sapore acido in bocca nel caso di ernia iatale, coliche addominali nel caso di calcoli, stipsi o, al contrario, diarrea nel colon irritabile e nel malassorbimento.

Se si ha a che fare con un vero e proprio disturbo, poi, il gonfiore c’è più o meno sempre. Se invece si tratta di un fastidio passeggero o che si presenta una volta ogni tanto e non è accompagnato da altri disturbi, molto probabilmente è legato ad “errori” nello stile di vita, e in particolare per quanto riguarda il cibo.

La cosa più importante è mangiare lentamente, masticando bene ogni boccone. Se si ingoia il cibo troppo velocemente, infatti, si ingerisce una quantità d’aria eccessiva, e lo stesso accade se si parla troppo durante i pasti. Oltre al come mangiare, attenzione anche alla qualità dei cibi. Le bevande gassate (compresa l’acqua frizzante) e quindi con aggiunta di anidride carbonica, che è un gas, sono in cima alla lista delle cattive compagnie di chi tende a gonfiarsi, seguite da tutti i cibi che per la loro preparazione inglobano aria, come frullati, frappè, gelato etc.

I dolcificanti artificiali, per esempio sorbitolo, mannitolo e tutti i prodotti che li contengono (caramelle, gomme da masticare) possono favorire la crescita di batteri intestinali che producono gas, peggiorando il disturbo. Lo stesso vale per i cereali integrali e per i cibi molto grassi, come fritture, carni grasse, salse con il burro, certi tipi di frutta e verdura. Fagioli e piselli secchi, lenticchie, cipolle, cavoli, soia, broccoli, cetrioli, ravanelli, cavolfiori, mele, prugne, banane e uva secca, per esempio, sono tra i vegetali che favoriscono maggiormente la produzione di gas intestinali.

Ciò non significa che è necessario rinunciare a questi alimenti, ma semplicemente che è bene consumarli con moderazione. Per quanto riguarda le fibre, importantissime per la salute, si può ridurre al minimo la formazione di gas aumentandone gradualmente il consumo nell’arco di diverse settimane, in modo da “abituare” l’intestino alla presenza di queste sostanze
Infine, anche lo stress può favorire la produzione di gas. Per tenerlo sotto controllo si consiglia di praticare regolare attività fisica, in grado, indirettamente, di diminuire la distensione addominale che in alcuni casi può ridurre la produzione di gas.

Se anche seguendo questi semplici accorgimenti a tavola e praticando una regolare attività fisica non si ottiene un risultato soddisfacente, è possibile che i cibi incriminati siano solo alcuni, e che per questo seppure molto “attivi” in termini di gonfiore, diventino difficili da “scoprire”. Per individuarli si consiglia di rivolgersi a un esperto, in grado di prescrivere una dieta di base molto semplice, a cui aggiungere gradualmente singoli alimenti per identificare quali sono tollerati e quali causano gonfiore.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


gonfiore stomaco pancia bibita stress tavola Humanitas salute

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®