Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 16 novembre 2019 | aggiornato alle 23:19| 62052 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Tatuaggi, test allergici
per prevenire fastidi alla pelle

Tatuaggi, test allergici 
per prevenire fastidi alla pelle
Tatuaggi, test allergici per prevenire fastidi alla pelle
Pubblicato il 01 ottobre 2019 | 12:23

Disegni floreali, pensieri, testi di canzoni, ricordi di viaggio e persino ritratti di figli e persone a cui si vuole bene: avere impresso sulla pelle momenti o persone care sul corpo è usanza di un italiano su dieci.

C’è chi è più o meno abituato al dolore dell’ago, chi guarisce più o meno in fretta dalle piccole croste che si formano inevitabilmente sulla pelle dopo l’operazione. Ma cosa ne pensa davvero la nostra pelle dei tatuaggi e come reagisce? Ne ha parlato in un’intervista Antonio Costanzo, responsabile di Dermatologia in Humanitas e docente in Humanitas University.

In Italia è tatuata una persona su 10 (Tatuaggi, test allergici per prevenire fastidi alla pelle)
In Italia è tatuata una persona su dieci


Secondo il professor Costanzo, le conseguenze più diffuse e lamentate dai pazienti che dopo un tatuaggio si rivolgono al dermatologo riguardano le allergie: «Sono gli eventi avversi più frequenti - spiega il professor Costanzo - e sono causati dalla reazione contro uno dei componenti del pigmento”. Prurito, bruciore e dolore che si estende oltre la zona ‘colorata’ del tatuaggio. In molti casi, però, queste allergie “possono essere prevenute”, avverte Costanzo: “la prevenzione passa attraverso i test allergici, da effettuare ovviamente prima del tatuaggio per verificare la presenza di eventuali intolleranze o allergie ai coloranti».

I colori più pericolosi sono quelli aranciati, rosso, giallo, arancione appunto: «Dal punto di vista dermatologico sono tonalità che causano più facilmente allergie e contengono più di altri policarburi, una sostanza che se assorbita in grandi quantità potrebbe avere un potenziale effetto cancerogeno», avverte Costanzo.

Ma esiste un legame, secondo la letteratura scientifica, tra tatuaggi e cancro? Ad oggi questa conseguenza non è stata del tutto dimostrata, ma ci sono alcuni campanelli di allarme: secondo uno dei recenti studi condotti in merito e pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” alcune particelle tossiche e potenzialmente cancerogene come il biossido di titanio contenuto nell’inchiostro tende a liberarsi nel corpo e da accumularsi nei linfonodi. «Un effetto evidente – conferma il professore – ogni volta che i medici eseguono un test del linfonodo sentinella su pazienti tatuati: i linfonodi vicini all’area tatuata risultano scuri e addirittura neri».

Quando si decide di tatuarsi, bisogna scegliere con cura il centro a cui affidarsi ed essere certi che i prodotti utilizzati siano a norma di legge e testati: «C’è una mancanza di regole a livello europeo – spiega ancora il medico – ed una evidente difficoltà a mettere ordine in un mercato come quelli degli inchiostri per tatuaggi. Molti prodotti vengono dall’estero e non sappiamo cosa contengano e quanto siano sicuri».


© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere pelle tatuaggi test allergici pelle irritazione humanitas Dermatologia dermatologo Antonio Costanzo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).