Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 08 luglio 2020 | aggiornato alle 11:37| 66598 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Molino Quaglia
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Non conta l'età, ma la costanza
Miti da sfatare sull'attività fisica

Non conta l'età, ma la costanza 
Miti da sfatare sull'attività fisica
Non conta l'età, ma la costanza Miti da sfatare sull'attività fisica
Pubblicato il 23 marzo 2019 | 10:12

Sono tante le bufale che circolano sull'attività fisica, come Se sento dolore vuol dire che mi sto allenando bene. L'Istituto superiore di Sanità ha voluto quindi mettere in guardia i cittadini italiani.

Infatti, l'esempio fatto ed altri, come "Più sudo, più dimagrisco" o "Per mandare via la pancetta devo solo fare tanti addominali" o ancora "Ad una certa età è meglio astenersi dall’attività fisica" sono in realtà false credenze che devono essere smantellate. Gli avvertimenti dell'Istituto superiore di Sanità sono state trattate da Daniela Lucini, responsabile della sezione di Medicina dell’esercizio e patologie funzionali in Humanitas. Il suo intervento è tratto da Humanitasalute e di seguito riportato integralmente.

(Non conta l'età, ma la costanza Miti da sfatare sull'attività fisica)


L’età non conta
Muoversi fa bene anche e soprattutto alle persone anziane. L’attività fisica non è una questione di età e non si è quasi mai troppo vecchi per farla. Ovviamente è importante calibrane la quantità, la durata e il giusto livello di fatica. Il movimento infatti è il modo migliore per garantire qualità e quantità di vita a qualsiasi età: non solo allontana stress e depressione, ma aiuta la memoria e a mantenersi svegli e recettivi.

E se ci sono patologie in corso?
Dipende da patologia a patologia e da paziente a paziente, l’esercizio è come un farmaco: se usato bene e con la giusta prescrizione aiuta, altrimenti rischia di essere dannoso. Chi soffre di una patologia, deve capire la propria situazione insieme al medico e di conseguenza la giusta tipologia e la giusta dose di attività fisica: è dimostrato infatti da molti studi che l’attività fisica è terapeutica, purché sia quella giusta. In questo senso l’alleanza con il medico di famiglia è fondamentale, occorre valutare il paziente, stabilire gli obiettivi clinici corretti e definire il tipo e la quantità di esercizio fisico che serve.

L’importante è essere costanti
«L’esercizio fisico - ha detto Daniela Lucini - deve far stare bene: se in seguito all’attività fisica si avvertono dolori, qualcosa non va». È normale che la prima volta che si riprende l’attività fisica, dopo un periodo di sedentarietà, ci sia qualche dolore muscolare, ma nella regola l’esercizio fisico non deve essere associato al dolore. Questo smentisce l’errata convinzione che per avere dei benefici l’attività fisica deve far provare dolore o che sia importante stancarsi tanto ma che, allo stesso tempo, rimanere inattivi per lunghi periodi, non sia un problema.

Sudare non è garanzia di dimagrimento, così come fare tanti addominali non manda via la pancia. Gli addominali servono per irrobustire la parete muscolare e possono essere utili, ma se si vuole perdere la pancia, che è tessuto adiposo, occorre dedicarsi a un’attività aerobica (camminare, correre, nuotare e andare in bicicletta) che aiuta a smaltire il tessuto adiposo addominale e regolare l’alimentazione. Per perdere peso in generale invece è necessario dedicarsi a un’attività endurance aerobica (camminare, correre, nuotare e andare in bicicletta) inizialmente a un’intensità moderata, a cui aggiungere un’attività che rinforzi la muscolatura (piccoli pesi, addominali, flessioni, macchine in palestra).

«Sudare di per sé significa solo perdere liquidi - ha concluso Lucini - e se si conduce un’attività fisica di un certo tipo e una certa intensità si suda tanto. Bisogna però tenere presente che per dimagrire non è necessario effettuare un’attività troppo intensa, perché così facendo non è detto che il metabolismo vada a utilizzare i grassi. Occorre tenere presente che la corretta attività fisica fa sudare un po’, ma non in maniera esagerata. Il segreto risiede però nella costanza: occorre fare attività quasi tutti i giorni per un periodo sufficientemente lungo: un’ora circa, ci vuole continuità, non l’eccesso di fatica una volta ogni tanto».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere iat italiaatavola Daniela Lucini Humanitas attivita fisica esercizio eta anziano movimento peso pancia perdere peso sudare addominale mito falso mito mito da sfatare

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®