Feudo Arancio
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 28 febbraio 2020 | aggiornato alle 12:11| 63709 articoli in archivio
Feudo Arancio
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

I primi 5 anni di vita
i più importanti per educare

I primi 5 anni di vita 
i più importanti per educare
I primi 5 anni di vita i più importanti per educare
Pubblicato il 25 aprile 2019 | 12:04

Tutto dipende dai primi cinque anni di vita. L’individuo in questo lasso di tempo sviluppa il suo carattere, i suoi atteggiamenti, buona parte della sua educazione. A dirlo uno studio statunitense.

Ne ha parlato Marco Nuara, pediatra e neonatologo di Humanitas San Pio X, in un articolo pubblicato su Humanitasalute che qui riportiamo integralmente.

(I primi 5 anni di vita i più importanti per educare)


Successo sul lavoro, solidità dei legami, rapporti con i genitori. Quello che ci capita da adulti, il nostro carattere e l’atteggiamento verso il mondo sono fortemente influenzati da quello che accade nei primi 5 anni della nostra esistenza. A confermarlo è uno studio statunitense coordinato dal Virginia Tech Carilion Research Institute, l’Abecedarian Project, che da 45 anni segue un gruppo di 100 individui studiando che rapporto c’è fra vita adulta e i primi 5 anni di vita.

Gli adulti che sono stati ben seguiti da piccoli, almeno fino al quinto anno di vita, hanno più successo sul lavoro, sono più equilibrati e hanno rapporti più stabili con i genitori. A confermarlo è uno studio statunitense coordinato dal Virginia Tech Carilion Research Institute, l’Abecedarian Project, che da 45 anni segue un gruppo di 100 individui studiando che rapporto c’è fra vita adulta e i primi 5 anni di vita.

La ricerca ha preso in considerazione due gruppi di bambini e ha esaminato il loro livello di apprendimento nel tempo, monitorando la qualità di vita rispetto alle esperienze positive e negative vissute nei primi cinque anni di vita. Quello che è emerso è che un’educazione di qualità permette ai bambini che vivono in situazioni di grande disagio sociale di raggiungere ottimi traguardi nella vita.

«Non solo l’educazione - spiega Marco Nuara - ma anche il contesto sociale e di relazioni in cui cresce il bambino influenzano positivamente o negativamente lo sviluppo emotivo e cognitivo dell’individuo. Le situazioni di disagio e stress possono ridurre la capacità di apprendimento e di gestire le emozioni e di conseguenza le relazioni».

Chi viene seguito in modo adeguato da un punto di vista didattico per i primi 5 anni di vita ne ha beneficio anche nell’età adulta. I bambini vanno stimolati con giochi, letture e dialogando con loro se si vuole influire plasticamente sul loro cervello. Attività, letture e conversazioni, anche da piccolissimi, sembrano quindi essenziali allo sviluppo. Dalla ricerca è emerso che gli adulti che erano stati seguiti e stimolati dalle 6 settimane ai 5 anni di vita avevano maggiori probabilità di trovare un impiego, di avere successo sul lavoro, di raggiungere un buon tenore di vita e di avere un rapporto equilibrato con i propri genitori. Questo dipende dal fatto che quando si nasce il cervello è pronto a costruire reti neuronali che però devono essere attivate dall’esperienza.

«Parlate sempre ai vostri bambini, già dai primi giorni di vita - raccomanda il pediatra - la voce del genitore, oltre a creare emozione e rassicurare stimolerà lo sviluppo del linguaggio».

«Fate ascoltare musica e canzoni che stimolino il bambino alla loro riproduzione. Lasciate che il bambino possa muoversi liberamente nello spazio imparando a conoscere se stesso, il suo corpo e ciò che lo circonda. Offrite la maggior varietà possibile di forme e materiali da manipolare, verificando sempre prima la sicurezza degli stessi».

Che l’infanzia sia un momento centrale nella vita e nella cura di un individuo è un risultato che non stupisce gli esperti del settore. La stretta correlazione fra i primi anni dell’infanzia e la formazione dell’individuo dal punto di vista emotivo, cognitivo e sociale era già stata già messa in evidenza da diversi studi. La parola d’ordine è quindi stimolare il più possibile i neonati e i bimbi piccoli. Visto che quello che può far la differenza è l’educazione emotiva, l’adulto deve diventare un allenatore emotivo. Sentendo quello che il bambino sente, l’adulto insegna al bambino a riconoscere le emozioni.

«Nominando e traducendo in parole gli stati emotivi del bambino, lo aiutiamo a interpretarli, a gestirli e di conseguenza ad adattarsi alle situazioni, soprattutto a quelle di stress, che vivrà nell’infanzia, ma anche nella sua vita adulta», conclude il pediatra.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere educazione bambino dottore pediatra humanitas

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®