Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 14 novembre 2019 | aggiornato alle 17:51| 62019 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Andare in bicicletta al lavoro
riduce il rischio di malattie

Andare in bicicletta al lavoro 
riduce il rischio di malattie
Andare in bicicletta al lavoro riduce il rischio di malattie
Pubblicato il 30 giugno 2019 | 12:16

Scegliere di lasciare a casa l’auto potrebbe avere risvolti positivi in termini di salute. Uno studio della University of Glasgow (Scozia) ha associato alla pedalata pre e post lavorativa una riduzione della mortalità.

Riportiamo di seguito il commento della professoressa Daniela Lucini, responsabile della sezione di Medicina dell’esercizio di Humanitas, pubblicato in un articolo apparso su Humanitasalute.

Pedalare verso il lavoro riduce il rischio di malattie cardiovascolari (Andare in bicicletta al lavoro riduce il rischio di malattie)
Pedalare verso il lavoro riduce il rischio di malattie cardiovascolari


Nell’analisi sono stati presi in esame i dati relativi a oltre 264 mila partecipanti, per metà uomini e per metà donne, di età media pari a 50 anni. Sono state raccolte le risposte a domande relative alle abitudini di movimento dei pendolari seguiti per 5 anni. In questo periodo sono stati rilevati l’incidenza e i decessi per tumori e malattie cardiache e correlate al mezzo di trasporto impiegato per raggiungere il posto di lavoro.

È emerso come ai pendolari che avevano scelto di andare in bicicletta al lavoro fosse associata una riduzione del rischio di tumore e malattie cardiovascolari rispettivamente del 45% e 46% rispetto a un pendolare non fisicamente attivo. Inoltre i ciclisti avevano un rischio di mortalità prematura inferiore del 41%. I benefici, seppur in grado minore, sono stati associati anche ai pendolari che andavano a lavoro a piedi: per questi il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari si riduceva del 27% e la mortalità a queste correlata del 36%. Nessuna associazione con i tumori o la mortalità generale è stata correlata a questi individui.

«Lo studio, condotto su una popolazione molto ampia, conferma delle evidenze emerse da tempo, sui benefici della riduzione della sedentarietà. Per fare attività fisica non è sempre necessario ritagliarsi del tempo, è invece importante sfruttare qualsiasi occasione per muoversi», sottolinea la professoressa. «Prendere la bici, o camminare, per andare a lavoro permette di dedicare al movimento del tempo altrimenti speso da sedentari. Probabilmente perché chi usa la bici deve coprire distanze maggiori. Ma guardando all’intensità dell’attività fisica, una camminata a passo veloce e una pedalata in città sono equivalenti. Inoltre la camminata ha il vantaggio della continuità, senza quelle soste inevitabili quando si va sulle due ruote», conclude la specialista.


© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere Andare in bicicletta lavoro rischio di malattie humanitas humanitasalute Daniela Lucini Medicina dell Esercizio pedalare attivita fisica pedalare malattie cardiovascolari mortalita

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).