Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 15 novembre 2019 | aggiornato alle 06:27| 62023 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Mal di schiena, ne soffrono 8 su 10

Mal di schiena, ne soffrono 8 su 10
Mal di schiena, ne soffrono 8 su 10
Pubblicato il 20 agosto 2019 | 11:11

Tanti sono gli italiani che, nella vita, hanno avuto a che fare almeno una volta con questo disturbo. I sintomi sono diversi a seconda dei casi e non sempre è necessario ricorrere al medico. Ma è bene non sottovalutarli.

Proprio di mal di schiena e dei diversi tipi di dolore che possono colpire la colonna, ha parlato Stefano Respizzi, direttore del Dipartimento di Riabilitazione e Recupero funzionale in Humanitas, in un’intervista, di cui vi riproponiamo uno stralcio apparso su Humanitasalute.

Il mal di schiena è spesso considerato debilitante (Mal di schiena, ne soffrono 8 su 10)
Il mal di schiena è spesso considerato un fastidio debilitante


«Molti pazienti sono preoccupati dal mal di schiena, ma questo disturbo non va percepito come disabilitante, perché nella maggior parte dei casi è assolutamente gestibile. Pertanto è bene non sottovalutare i sintomi, ma senza allarmarsi», ha sottolineato Respizzi. Innanzitutto occorre che il paziente capisca che tipo di dolore avverte, distinguiamo infatti tre tipologie di dolori alla colonna:
  • Un dolore semplice, come se fosse una barra appoggiata alla schiena, localizzato dunque alla schiena, con rigidità. È un dolore muscolo-scheletrico.
  • Un dolore che il paziente descrive come bruciore, calore: è un dolore di tipo neuropatico, con interessamento delle radici nervose sensitive.
  • Un dolore irradiato, che dai lombi si irradia al gluteo e alla coscia, fino al piede; segnala una probabile radicolopatia, ovvero la sofferenza di una radice nervosa e potrebbe far sospettare un’ernia del disco.
«Se l’episodio di lombalgia si risolve spontaneamente in 3-4 giorni non necessita di accertamenti. Se invece gli episodi sono ripetuti e iniziano a essere 3 o 4 nell’arco di uno o due mesi, il disturbo sta diventando frequente e dunque è bene sottoporsi a visita medica. In prima istanza ci si può rivolgere anche al medico di medicina generale, che deciderà se indirizzare il paziente da uno specialista (fisiatra, ortopedico o neurochirurgo)».

Lo specialista deciderà poi, in caso di segnali sospetti, quali accertamenti effettuare. È bene sottolineare che nella maggior parte dei casi è sufficiente una radiografia della colonna lombare; la raccomandazione arriva anche dalla Società Italiana di Radiologia, che suggerisce di non esagerare con gli esami strumentali. «In presenza di determinati sintomi, che noi specialisti chiamiamo bandiere rosse, sono invece indicati gli esami di secondo livello, come Tac e risonanza magnetica», ha precisato Respizzi.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere malessere mal di schiena humanitasalute humanitas soffrono Riabilitazione Recupero funzionale Stefano Respizzi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).