Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 05 luglio 2020 | aggiornato alle 00:06| 66553 articoli in archivio
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Come invecchia il corpo
È anche una questione di genere

Come invecchia il corpo 
È anche una questione di genere
Come invecchia il corpo È anche una questione di genere
Pubblicato il 22 settembre 2019 | 14:01

Uomini e donne procedono diversamente lungo il corso della vita; se infatti esistono fattori di invecchiamento individuali, come la genetica, ormoni aspettativa di vita e cambiamenti corporei sono aspetti di genere.

Corpo e psiche di uomini e donne, del resto, rispondono diversamente all’invecchiamento facendone un’esperienza completamente diversa. Ne ha parlato Maria Elena Abati, geriatra di Humanitas in un articolo apparso su Humanitasalute, che vi riportiamo di seguito.

L'invecchiamento delle cellule dipende anche dalla genetica (Come invecchia il corpo È anche una questione di genere)
L'invecchiamento delle cellule dipende anche dalla genetica

In tutto il mondo le donne sono più longeve degli uomini. Le ipotesi a tal proposito sono diverse; c’è chi chiama in causa la maggiore pericolosità delle occupazioni e delle attività svolte durante la vita dagli uomini, chi individua la spiegazione nella maggior attenzione alla salute da parte delle donne, che significa più consulti medici e maggiori probabilità di ricevere una diagnosi precoce di problemi di salute.

Di fatto l’invecchiamento è molto diverso per i due sessi. Il corpo di una donna risponde traumaticamente all’invecchiamento con la menopausa, mentre il corpo di un uomo risponde più gradualmente. Diversi sono gli ormoni interessati dal processo di invecchiamento; per le donne, specie durante e dopo la menopausa, gli estrogeni, per gli uomini il testosterone. Anche a livello cerebrale il passare del tempo ha effetti diversi su uomini e donne. Gli uomini in sovrappeso, con diagnosi di diabete o che hanno avuto un ictus hanno maggiori probabilità di soffrire di disturbi cognitivi. Le donne, dal canto loro, hanno maggiori probabilità di soffrire di deficit cognitivi se per la prima parte della loro vita dipendevano da altri per le attività quotidiane e non disponevano di una forte rete sociale.

Fra chi taglia il traguardo del secolo di vita sono le donne a essere in forte maggioranza. In ogni caso sono significative le differenze che si riscontrano fra i centenari dei due sessi. Il 24% dei centenari maschi e il 43% delle centenarie femmine rientrano nel profilo dei cosiddetti sopravvissuti. Si tratta di persone che hanno avuto una diagnosi di almeno una delle malattie legate all’età prima degli 80 anni.

Il 32% degli uomini e il 15% delle donne oltre i 100 anni rispondono al profilo degli “escapers”, o scampati, ossia di persone che non hanno avuto problemi di salute importanti. Il 44% degli uomini e il 42% delle donne oltre i 100 anni sono “ritardatari”, o persone che non hanno avuto una diagnosi importante fino a dopo gli 80 anni. In sintesi gli uomini che arrivano ai 100 hanno maggiori probabilità di essere “fortunati”, ossia quasi mai toccati da malattie di rilievo, rispetto alle donne, che sembrano essere in grado di sopportare meglio le malattie a lungo termine.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere Maria Elena Abati invecchiamento genere corpo questione di genere geriatra humanitasalute humanitas

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®