Molino Quaglia
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 29 maggio 2020 | aggiornato alle 15:18| 65853 articoli in archivio
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Asciugarsi le mani fuori casa
Il getto d’aria diffonde più germi

Asciugarsi le mani fuori casa 
Il getto d’aria diffonde più germi
Asciugarsi le mani fuori casa Il getto d’aria diffonde più germi
Pubblicato il 16 maggio 2020 | 11:57

Secondo i medici, il metodo più sicuro per evitare contagi, soprattutto in questo periodo, è quello di utilizzare gli asciugamani di carta usa e getta. Questo perché troppo spesso ci si lava le mani in maniera scorretta.

L’attenzione sulla pulizia delle mani è altissima in queste settimane, in relazione soprattutto all’emergenza coronavirus. Spesso si parla di come lavarle, ma non di come le si asciugano. Da qualche tempo nei bagni di un qualsiasi esercizio pubblico, si trova l’asciugatore con il getto d’aria: questo strumento permette di asciugare le mani con un potente getto d’aria, fredda o calda, in modo da non toccare altre superfici e scongiurare, quindi, il rischio di incappare in germi e batteri.

Il getto d'aria per asciugarsi le mani non è sicuro come si pensa - Asciugarsi le mani nei locali Il getto d’aria diffonde più germi
Il getto d'aria per asciugarsi le mani non è sicuro come si pensa

Ma questi strumenti sono davvero i più igienici? Ne ha parlato Michele Lagioia, Direttore Medico Sanitario di Humanitas in un articolo apparso su Humanitasalute, che riportiamo di seguito.


FALSO
Il Journal of Hospital Infection ha pubblicato una ricerca relativa alla diffusione batterica nei bagni di tre ospedali in Italia, in Francia e nel Regno Unito. I ricercatori hanno concluso che, in realtà, gli asciugamani a getto d’aria diffondono più batteri e virus rispetto agli asciugamani di carta usa e getta; lo stesso discorso riguarda anche gli apparecchi che si azionano attraverso cellule fotoelettriche, cosa che ha sfatato il mito secondo il quale la diffusione dei germi sarebbe imputabile al tocco dell’apparecchio per accenderlo.

La motivazione è un’altra: le persone, dopo essere andate in bagno, spesso non si lavano le mani nella maniera corretta. Quando quindi si asciugano sotto al getto d’aria, i germi presenti sulle mani si disperdono nell’aria e si depositano sulle superfici intorno, creando un effetto “aerosol” che contamina tutto: asciugatori, lavandini, pavimenti.

La temperatura dell’aria dell’asciugatore, poi, fa un’altra importante differenza. Il getto d’aria fredda pare avere una contaminazione di oltre 60 volte maggiore rispetto a quelli che utilizzano aria calda, e questa contaminazione rimane in circolo per molto più tempo. Questo succede perché gli asciugatori a getto freddo rimuovono l’acqua presente sulle mani disperdendola verso l’alto e lateralmente; quelli ad aria calda, invece, provocano un movimento verso il basso, spostando quindi i germi verso il pavimento.

Utilizzare gli asciugamani di carta monouso è, quindi, una soluzione molto più sicura a livello di contaminazione batterica: queste trasmettono virus circa 1.300 volte in meno rispetto agli essiccatori, anche perché provocano pochissimo movimento d’aria.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere mani asciugamani locali lavarsi le mani getto d aria germi virus batteri emergenza humanitasalute humanitas Michele Lagioia

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®