Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 22 ottobre 2019 | aggiornato alle 00:29| 61573 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     MEDICINA

Colpo di frusta, il collare solo tre giorni
poi tanto movimento quotidiano

Colpo di frusta, il collare solo tre giorni 
poi tanto movimento quotidiano
Colpo di frusta, il collare solo tre giorni poi tanto movimento quotidiano
Pubblicato il 13 aprile 2019 | 13:01

Il colpo di frusta è causato da un trauma che spinge in avanti il corpo e trattiene il collo indietro. Il primo intervento è quello di immobilizzazione del collo, ma non prolungata per evitare irrigidimenti.

Uno dei più classici dolori che colpiscono la zona del collo è il cosiddetto colpo di frusta. La causa più comune è il tamponamento, ma se ne nascondono altre più insidiose e celate che richiedono una diagnosi attenta e tempestiva. In un articolo pubblicato su Humanitasalute che qui riportiamo integralmente, Lara Castagnetti, osteopata e specialista in Medicina fisica e riabilitativa dell’ospedale Humanitas, suggerisce alcuni metodi per curare il dolore.


Colpo di frusta, il collare solo tre giorni poi tanto movimento quotidiano



Il colpo di frusta è il classico disturbo che può sorgere dopo un lieve incidente automobilistico, ad esempio un tamponamento. La testa improvvisamente fa uno scatto indietro e in avanti e il collo subisce un trauma, una distorsione a carico del rachide cervicale. Ecco comparire il dolore che può durare anche diversi giorni. Come intervenire? Meglio tenere il collo immobilizzato a lungo o provare pian piano a muoverlo per recuperare la sua funzionalità il prima possibile?

A causare il colpo di fusta non è esclusivamente un incidente in macchina, ad esempio essere tamponati quando si è fermi a un semaforo. Il trauma può sorgere anche quando si praticano discipline sportive caratterizzate da scontri fisici come le arti marziali o nei parchi divertimenti nelle attrazioni che lasciano libero il collo e prevedono una importante accelerazione seguita da una decelerazione altrettanto rapida.

«In una prima fase, di accelerazione, il corpo va avanti mentre la testa va indietro - spiega la dottoressa - in questo modo le fasce muscolari anteriori si allungano. Nella seconda fase, di decelerazione, il capo viene richiamato in avanti e si allunga la muscolatura posteriore. Il danno è dunque da iperallungamento e il muscolo risponde “accorciandosi”, contraendosi».

L’onda del colpo di frusta può essere davvero lunga: «A partire da 24-48 ore e fino a 1-2 settimane dopo il trauma, il paziente potrebbe lamentare un fastidio anche mentre mangia. Questo perché, nella fase di accelerazione, anche la mandibola viene proiettata in avanti e i muscoli della masticazione vengono stirati. Il colpo di frusta, inoltre, può addirittura rendere manifesta una sindrome del tunnel carpale con una preesistente irritazione della radice nervosa nel braccio».

In caso di colpo di frusta con traumi non gravi, senza frattura, il collare dovrebbe essere portato i primi giorni, al massimo 2-3. Si tratta di una misura da associare all’assunzione di farmaci antidolorifici per il rilassamento muscolare e al riposo», ricorda Castagnetti. «Ma il collare andrà poi tolto per evitare di irrigidire troppo il collo e per evitare di passare attraverso una riabilitazione più faticosa. Se necessario, dopo i primi giorni, il collare potrà essere tenuto alcuni minuti la sera, ma non tutto il giorno».

Ecco tre esercizi rispettivamente per l’allungamento, la flessione e la rotazione dei muscoli del collo, tutti da fare in posizione supina su un materassino:
•    nel primo portiamo il mento in avanti, verso il torace. Teniamo questa posizione per 5 secondi e poi torniamo a quella di partenza.
•    nel secondo flettiamo la testa lateralmente verso le spalle, prima in un verso, poi nell’altro. Nella parte finale ci si può aiutare con l’arto opposto al lato di flessione. Il movimento deve durare 20 secondi.
•    nell’ultimo esercizio giriamo la testa fino a poggiare l’orecchio al materassino. Anche in questo caso ci si può aiutare con la mano e bisognerà impiegare in tutto 20 secondi.

Oltre agli esercizi è importante il movimento in sé. «Anche la semplice camminata è utile per il recupero dal colpo di frusta. L’esercizio aerobico di intensità lieve favorisce la vascolarizzazione che, a sua volta, aiuta la riparazione dei tessuti anche a livello del rachide cervicale riducendone la rigidità», risponde la dottoressa.

In definitiva bisogna essere tempestivi nel trattamento e non trascurare il colpo di frusta: «Si rischia la cronicizzazione del dolore. Questo anche perché il “semplice” colpo di frusta può scatenare una condizione presente ma ancora asintomatica come l’artrosi o una discopatia non conclamata e portare così a dolore cronico», conclude la dottoressa Castagnetti.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e puntuale e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


colpo di frusta collo tamponamento collare mobilita Humanitas Lara Castagnetti

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).