Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 11 dicembre 2019 | aggiornato alle 13:38| 62507 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     SALUTE     MEDICINA

Psoriasi, 2 milioni di casi in Italia
Ma esistono nuove terapie

Psoriasi, 2 milioni di casi in Italia 
Ma esistono nuove terapie
Psoriasi, 2 milioni di casi in Italia Ma esistono nuove terapie
Pubblicato il 26 giugno 2019 | 10:23

È una malattia cronica e ciclica che causa un disordine di crescita della pelle, colpisce indistintamente uomini e donne. Un paziente su 10 ha una forma non lieve per cui esistono diversi trattamenti.

Recentemente è stata approvata una nuova terapia che risulta essere efficace fin dalle prime assunzioni e il cui effetto persiste negli anni. Una buona notizia per i 2 milioni di italiani che soffrono di psoriasi. Ne ha parlato Antonio Costanzo, responsabile dell’Unità di Dermatologia di Humanitas, in un’intervista i cui contenuti sono stati riportati in un articolo di Humanitasalute, che vi riproponiamo di seguito.

I nuovi trattamenti per la psoriasi sono rimborsabili dal Servizio Sanitario Nazionale (Psoriasi, ne soffrono in 2 milioni Ma esistono nuove terapie)
I nuovi trattamenti per la psoriasi sono rimborsabili dal Servizio Sanitario Nazionale


 «Nella psoriasi a placche le lesioni compaiono per lo più a livello del cuoio capelluto, del tronco e su braccia e gambe, ma anche le unghie possono essere coinvolte. Poco più del 10% dei pazienti ha una psoriasi moderata-grave, che non può essere trattata solo con i trattamenti topici o con le terapie convenzionali sistemiche - ha  spiegato Costanzo - Circa la metà dei pazienti che ne soffre si cura nei modi più svariati, ricorrendo anche a terapie non convenzionali e solo una minoranza assume farmaci davvero efficaci, assunti in modo appropriato e continuativo. Perché? Le cause sono molteplici, ma è molto importante che i malati stessi sappiano che oggi è possibile raggiungere un obiettivo a lungo considerato inarrivabile: ottenere e mantenere nel tempo una cute completamente libera da lesioni».

Le nuove terapie, rimborsate dal Servizio Sanitario Nazionale a seguito della recente approvazione da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco, sono indicate proprio per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a grave. Il meccanismo di brodalumab «ha un’azione antinfiammatoria potente e selettiva e un’attività molto veloce - ha detto il professore - perché immediatamente le cellule interessate non hanno più segnale infiammazione e non riescono a mettere in moto tutti i meccanismi necessari a far diventare la pelle arrossata, a produrre squame».

«Gli effetti si vedono già dalla prima iniezione - ha assicurato l’esperto - già dopo meno di una settimana. E tutto questo avviene senza peraltro compromettere le funzioni del sistema immunitario. Il beneficio principale è il livello di “pulizia della pelle” su cui non si riscontrano più lesioni, un livello che è superiore a quanto abbiamo avuto finora: più della metà dei pazienti ad un anno dall’inizio della terapia ha la pelle completamente pulita. I risultati si vedono in poche settimane e perdurano nel tempo, con un miglioramento significativo della qualità di vita dei malati».


© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere Antonio Costanzo unita di Dermatologia psoriasi malattia humanitas humanitasalute dermatologo pelle irritazione nuove terapie soffrono due milioni cuoio capelluto Servizio Sanitario Nazionale Agenzia Italiana del Farmaco

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).