Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 10 agosto 2022 | aggiornato alle 22:28 | 86868 articoli in archivio

Bar e ristoranti storici: “Servono leggi ad hoc per tutelarli”

Nel primo convegno che si è svolto a Firenze Alessandro Cavo di Fipe ha chiesto una norma Uni dedicata come primo passo verso ulteriori leggi a tutela degli esercenti che gestiscono attività con oltre 70 anni di storia

 
21 giugno 2022 | 16:04

Bar e ristoranti storici: “Servono leggi ad hoc per tutelarli”

Nel primo convegno che si è svolto a Firenze Alessandro Cavo di Fipe ha chiesto una norma Uni dedicata come primo passo verso ulteriori leggi a tutela degli esercenti che gestiscono attività con oltre 70 anni di storia

21 giugno 2022 | 16:04
 

Valorizzare e tutelare i locali storici del Paese, salvaguardandone, ma soprattutto rilanciandone, il valore sociale, culturale ed economico. Questo il tema centrale del 1° ForumGli Storici” di Fipe – il futuro dei locali storici, organizzato presso il Caffè Paszkowsky (1903) di Firenze con istituzioni locali e nazionali dalla Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi (Fipe). L'occasione è servita per fare il punto e chiedere maggiori tutele statali per questo particolare tipo di esercizi commerciali.

Il convegno di Fipe a Firenze sui locali storici Bar e ristoranti storici: “Servono leggi ad hoc per tutelarli”

Il convegno di Fipe a Firenze sui locali storici
 

Bar e ristoranti storici chiedono leggi ad hoc per essere tutelati

“Gli Storici” nell’ambito di Fipe è l’associazione che rappresenta bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie in attività da oltre 70 anni che hanno conservato ed esposto al loro interno cimeli, documenti e testimonianze dell’epoca.

In tutta Italia: poco meno di 200 pubblici esercizi in tutto il Paese potrebbero in questo senso vantare il blasone Fipe di “Storico”. Si tratta d’altra parte di luoghi delle città dal valore culturale, economico e sociale preziosissimo che non solo hanno attraversato la storia dell’Italia, ma l’hanno anche letteralmente ospitata.  Infatti, in contesti architettonici paragonabili a museo diffusi per la loro qualità, architettonica e di design, questi locali hanno visto passare, tra il Settecento e l’inizio del secolo scorso, le personalità che hanno fatto l’Italia, e spesso anche gli italiani. Insomma, un racconto storico vivente, corale e diffuso, che oggi è stato interpretato da tanti ospiti presenti al Forum: da Gilberto Pichetto Fratin a Dario Nardella, da Davide Rampello a Stefano Bertocci, da Paolo Restuccia a Alex Revelli Sorini a Carlo Conti.

Algida Dolce Vita

Fipe: «“Gli storici” non sono come i normali esercizi pubblici»

«“Gli Storici”  non sono come gli altri Pubblici Esercizi - ha commentato Lino Enrico Stoppani, presidente di Fipe-Confcommercio -  Eppure, hanno un valore fondamentale proprio per gli altri pubblici esercizi, e non solo. Questi locali infatti hanno una funzione culturale evidente e, soprattutto dopo anni difficilissimi di forzatura della socialità, hanno assunto un vero e proprio ruolo-pivot nel rilancio di qualità delle città e dei borghi. Così, se sono sempre stati luoghi emblematici nella vita delle comunità, ora diventano asset strategici del turismo nazionale di locali intorno ai quali è possibile costruire delle vere e proprie politiche di attrattività del territorio».

Lino Stoppani Bar e ristoranti storici: “Servono leggi ad hoc per tutelarli”

Lino Stoppani

«L’appuntamento di oggi ci ha dato l’occasione per discutere, insieme alle istituzioni, del futuro di locali che sono un vero e proprio fiore all’occhiello della ristorazione italiana – continua Alessandro Cavo, Presidente de “Gli Storici” – Associazione Caffè e Ristoranti Storici d’Italia e titolare della Pasticceria Liquoreria Marescotti (1780) di Genova – Per tutelarli in maniera efficace bisogna però capire che quelli di cui stiamo parlando non sono pubblici esercizi come gli altri, ma hanno delle peculiarità ben precise che molto spesso complicano la loro gestione. Mi riferisco ad aspetti molto pratici. Per esempio, qualunque tipo di intervento di manutenzione implica tempi e costi estremamente superiori. Basti pensare che anche solo per imbiancare una parete bisogna chiedere il nulla osta alla Soprintendenza ed effettuare stratigrafie a nostre spese prima di poter procedere. C’è poi il grande tema degli affitti che nei centri storici, nostro habitat naturale, rappresentano una voce di costo insostenibile e in continua crescita. Insomma, i problemi sono tanti e complessi e c’è bisogno di affrontarli in maniera coordinata. Per questo motivo, insieme a Mise, unione consumatori, Confcommercio e Uni (l'Ente nazionale italiano di unificazione, organismo nazionale italiano di normazione, che svolge attività in tutti i settori industriali), abbiamo costituito un gruppo di lavoro volto alla redazione di una norma Uni che consenta di certificare e distinguere formalmente i locali storici dagli altri pubblici esercizi. Si tratta certamente di un primo passo necessario a definire in maniera più netta la categoria che, di conseguenza, potrà essere tutelata nei modi opportuni».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali