Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 05 agosto 2021 | aggiornato alle 16:19 | 76991 articoli in archivio

Il magico presepe della Zolfatara incanta i visitatori di Predappio Alta

Per le esclusive novità presenti il presepe della Zolfatara di Predappio (Fc) è definito “Presepio di inizio Giubileo”. Magici effetti scenografici animeranno fino al 31 gennaio 2016 i 300 metri quadrati di grotte

di Claudio Zeni
09 dicembre 2015 | 14:12

Il magico presepe della Zolfatara incanta i visitatori di Predappio Alta

Per le esclusive novità presenti il presepe della Zolfatara di Predappio (Fc) è definito “Presepio di inizio Giubileo”. Magici effetti scenografici animeranno fino al 31 gennaio 2016 i 300 metri quadrati di grotte

di Claudio Zeni
09 dicembre 2015 | 14:12

Il presepe della Zolfatara di Predappio Alta (Fc), organizzato dalla Proloco, ha riacceso le sue luci l’8 dicembre scorso e sarà visitabile fino al 31 gennaio 2016. Un gradito ritorno alla regia, dopo 15 anni di assenza, dell’artista ravennate Davide Santandrea, presepista di fama internazionale, che aveva già allestito in passato molte edizioni del presepe della Zolfatara di Predappio Alta.



Il tema guida di quest’anno è “La Storia di Dio”: diciassette scene bibliche ed evangeliche incastonate come “gemme” in altrettante grotte di quella che fu, fino agli anni 30, la più produttiva miniera di zolfo della Romagna. Un ambiente naturale di straordinaria bellezza, ideale per accogliere la rappresentazione del paesaggio e dei protagonisti che furono coevi la nascita del Messia.

Per le esclusive novità presenti in questa 33ª edizione, il presepe predappiese è definito come il “Presepe di inizio Giubileo”: statue meccaniche alte un metro e magici effetti scenografici animeranno per due mesi i 300 metri quadrati di grotte e le sponde dei laghetti sulfurei lungo un sentiero sotterraneo di circa 200 metri all’interno dell’ex miniera, suscitando incanto nel visitatore che lo ammirerà. Il presepe della Zolfatara di Predappio Alta da tre decenni affascina e riempie di tenerezza il cuore e lo spirito dei visitatori che ogni anno giungono da ogni parte d’Italia e anche quest’anno saprà sorprenderli con la sua spettacolare unicità.

Dal canto loro gli azdori e le ardore della Pro Loco di Predappio Alta sapranno accoglierli con la loro innata ospitalità e il consueto calore. Vin brulè da bere intorno al fuoco del grande braciere e specialità gastronomiche tradizionali da degustare nel punto di ristoro a margine dell’ampio parcheggio illuminato, appena fuori del borgo. Non manca nulla e la destinazione è quella giusta per una gita fuori porta che conduca dritta alla magia e all’incanto del Natale. E se nevicherà sarà ancora più bello.

Per informazioni: www.predappioalta.org

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali