Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 02 agosto 2021 | aggiornato alle 23:00 | 76932 articoli in archivio

Tovagliette illustrate in bar e ristoranti per aiutare bambini e turisti a ordinare

“Al bar e ristorante scelgo io!” è un'iniziativa che vuole portare nei locali tovagliette con immagini e semplici diciture per rendere più facile l'ordinazione a bambini o persone che non conoscono la lingua. Il progetto è stato avviato da Confcommercio Bergamo e presentato dalla Federazione italiana pubblici esercizi

04 ottobre 2016 | 14:27
Tovagliette illustrate in bar e ristoranti 
per aiutare bambini e turisti a ordinare
Tovagliette illustrate in bar e ristoranti 
per aiutare bambini e turisti a ordinare

Tovagliette illustrate in bar e ristoranti per aiutare bambini e turisti a ordinare

“Al bar e ristorante scelgo io!” è un'iniziativa che vuole portare nei locali tovagliette con immagini e semplici diciture per rendere più facile l'ordinazione a bambini o persone che non conoscono la lingua. Il progetto è stato avviato da Confcommercio Bergamo e presentato dalla Federazione italiana pubblici esercizi

04 ottobre 2016 | 14:27

“Al bar e ristorante scelgo io!”: si tratta di un progetto firmato da Confcommercio Bergamo e presentata su scala nazionale da Fipe - Federazione italiana pubblici esercizi, che prevede tovagliette illustrate per aiutare bambini, turisti, o chiunque abbia delle difficoltà a farsi intendere, a ordinare nei locali.



«Un'iniziativa che valorizza il ruolo sociale del bar e dei ristoranti italiani, in grado di garantire accoglienza e qualità del servizio», ha spiegato la Fipe. Verranno distribuite ai locali aderenti, tovagliette con illustrazioni e semplici diciture, in versione italiana e inglese, che potranno semplificare le ordinazione da parte dei bambini in età prescolare, delle persone che non conoscono la lingua italiana, con difficoltà cognitive o di comunicazione.

«Ringraziamo in primo luogo Ascom Bergamo (in collaborazione con associazione Angelman e con il patrocinio di Armr - Fondazione aiuti per la ricerca sulle malattie rare Onlus) e gli esercenti affiliati che hanno ideato questa iniziativa dal grande valore sociale - ha detto il direttore generale Fipe Marcello Fiore - che Fipe ha apprezzato e recepito fin da subito, impegnandosi ad attivarla su tutto il territorio nazionale».

«“Al bar e ristorante scelgo io!” - ha continuato Fiore - incarna perfettamente lo spirito con cui ogni pubblico esercizio dovrebbe operare: un luogo in cui i clienti possano trascorrere momenti piacevoli e a proprio agio. Un gesto di attenzione semplice ma che conta moltissimo per chi lo riceve, in grado di rendere i nostri locali ancora più inclusivi e accoglienti. Come Fipe ci impegneremo, tra gli obiettivi futuri, a rendere questa iniziativa ancora più completa, ad esempio inserendo le diciture in braille per facilitare le persone non vedenti».

«Abbiamo ideato questo progetto mesi fa - ha dichiarato il direttore di Confcommercio Bergamo Oscar Fusini - in collaborazione con il nostro gruppo pubblici esercizi e una onlus locale, l'associazione Angelman. Ci è sembrata un'idea nuova e con un importante impatto sociale. Non solo perché aiuta i bambini in difficoltà ma anche perché fa sentire ben accolte le loro famiglie. Siamo felici che il progetto sia stato sviluppato e proposto su scala nazionale da Fipe. Ci auguriamo possa essere condiviso anche in molte altre province».

L'iniziativa di Fipe prevede la distribuzione da parte delle associazioni territoriali di Confcommercio nei pubblici esercizi aderenti di tovagliette colorate in due versioni, italiana e inglese. Le tovagliette presentano un menu dove i piatti e le bevande sono rappresentati da immagini semplici e colorate, così da risultare comprensibili ai bambini in età prescolare e a tutti coloro che hanno difficoltà a comunicare. La versione in inglese è specificatamente rivolta alle persone che non conoscono la lingua italiana e contiene, oltre alle immagini, la traduzione in inglese dei piatti e delle bevande.

I simboli utilizzati sono mutuati dalla Caa - Comunicazione aumentativa alternativa, un approccio che sostiene la comprensione linguistica e la comunicazione, nato per i bambini e i ragazzi affetti da autismo e disabilità complesse, ma che sta diventando uno strumento molto usato. In particolare i pittogrammi delle tovagliette sono stati ripresi da Arasaac, un programma gratuito che traduce le parole in immagini.

Foto: Ansa

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali