Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 08 luglio 2020 | aggiornato alle 16:23| 66609 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI
di Emanuela T. Cavalca
Emanuela T. Cavalca
Emanuela T. Cavalca
di Emanuela T. Cavalca

Tra “merende reali” e pranzi al museo
si rilancia il turismo culturale in Italia

Tra “merende reali” e pranzi al museo 
si rilancia il turismo culturale in Italia
Tra “merende reali” e pranzi al museo si rilancia il turismo culturale in Italia
Pubblicato il 17 giugno 2015 | 14:22

Trasformare l’arte e la cultura (culinaria e storica) in un business redditizio sembra essere ormai la via obbligata per il rilancio dell’economia italiana, che dal turismo può trarre la sua leva maggiore per la risalita

L’arte va gustata lentamente, proprio come un buon piatto di spaghetti con la pummarola ‘ncoppa. Avere un patrimonio così vasto e non saperlo sfruttare è controproducente. Forse i puristi del bello storceranno il naso, ma oggi per trasformare un bilancio in attivo, deve rendere piacevole la cultura. Orari più elastici, oggettistica, personale sorridente, preparato, caffetterie e ristoranti di livello sono strumenti di marketing fondamentali per una struttura museale.

Se si tratta di musei nazionali è la Soprintendenza dei beni culturali a occuparsi di indire gare per la gestione di questi spazi, ma, come sta avvenendo a Milano in Galleria, bisognerebbe usarli come leva economica strategica. Qualcuno sostiene che con la cultura non si mangia, a dispetto di questa idea, troviamo brillanti esempi all’estero, ma per fortuna anche l’Italia si sta adeguando. Nei musei italiani si può alternare la visita a una mostra con una piacevole sosta, ideale per le gambe stanche. Un passo indietro nella storia, ma goloso lo troviamo a Torino, che propone la merenda reale.



Presso la corte sabauda c’era la consuetudine di intingere, anzi di bagnare dei biscotti nella cioccolata o nel caffè. Dunque tutti i fine settimana si può fare merenda senza prenotazione nella Caffetteria del settecentesco Castello di Rivoli o nella Caffetteria degli Argenti, all’interno della Reggia di Venaria e in alcuni locali storici torinesi (www.turismotorino.org - www.residenzereali.it): il costo varia dai 10 ai 12 euro a persona con la possibilità di gustare paste savoiarde, baci di dama, cioccolatini, il biscotto pazientino, il confortino, noto come lingua di gatto, eporediesi al cacao… vere delizie che solo la pasticceria piemontese riesce a sfoderare e a mandare in visibilio chi li assaggia.

Certo i nomi a volte profumano di passato, ma è un modo per godersi le dimore storiche, i giardini e anche il museo di arte contemporanea del Castello di Rivoli. C’è di più, si può organizzare anche un compleanno reale, che per qualche ora trasforma in una testa coronata. Davide Scabin con il suo ristorante di tendenza Combal.Zero non poteva trovare posto più adeguato, se non accanto al museo d’arte contemporanea di Rivoli. I visitatori del museo nazionale del Cinema e della Mole Antonelliana hanno a disposizione la caffetteria, un luogo elegante, ideale per colazioni, pranzi o cene, rinnovato a ottobre.

Grazie al sodalizio Eataly e Caffè Vergnano la clientela ha a disposizione una caffetteria con un'area dedicata a Vino Libero e l’altra alla ristorazione e ai prodotti di qualità. E a Milano? Il museo Novecento, inaugurato cinque anni fa, vanta una collezione raffinata con circa 400 opere, da Guttuso a Marino Marini. All’ultimo piano troviamo Giacomo Arengario, un bar-ristorante aperto fino a tardi e curato nei minimi dettagli in stile anni Trenta, dalle cui finestre puoi dominare la piazza del Duomo e la galleria.



L’ingente patrimonio artistico di Banca Intesa ha dato vita a Gallerie d’Italia, un progetto culturale con tre musei, suddivisi tra Milano, Vicenza e Napoli. Quello milanese si trova proprio nel cuore della città, di fronte al Teatro alla Scala: occupa la sede storica della Banca Commerciale, firmata nei primi anni del Novecento da Luca Beltrami. Indipendentemente dalla visita al museo si accede alla Caffetteria DeCanto, attraversando lo Spazio Cultura, parte integrante delle Gallerie di Piazza Scala. Progettato dall’architetto De Lucchi, questo spazio è aperto tutti i giorni dalla mattina alla sera e propone una gamma di piatti e pasticceria.

La mano sapiente dell’architetto ha liberato la struttura dai legami con il vecchio ambiente lavorativo, rendendolo fruibile indifferentemente da visitatori, uomini d’affari o stranieri. Un modo come un altro per godersi un luogo elegante, esclusivo e riservato, anche solo per sorseggiare un buon caffè. Con insegna diversa troviamo la caffetteria a Venezia presso il Palazzo Ducale, Museo Correr, Ca’ Rezzonico e Ca’ Pesaro. È piacevole ascoltare una presentazione di un libro o bere un drink al Design Café Giardino della Triennale. In omaggio all’Expo la pasticceria Cova, dal 2013 parte del gruppo francese Lvhm, ha ombreggiato la struttura esterna con il suo colore blu cobalto. Un progetto inaugurato ad aprile e che dovrebbe terminare a ottobre, ma che tutti si augurano prosegua nel tempo.



La fondazione Palazzo Blu è stata creata appositamente per gestire le attività culturali dello splendido palazzo sul Lungarno a Pisa. Riportato al colore originario che aveva nel Settecento, al primo piano della foresteria troviamo il Blu Café, gestito da Pietro Vattiata e orientato ad una cucina moderna. Non potevamo che terminare con il museo atelier del ristorante Canova Tadolini, proprio in centro a Roma. Si pranza in mezzo a modelli preparatori, busti, bassorilievi, statue, quasi ci si trovasse in una bottega di uno scultore. Antonio Canova aveva lo studio proprio in queste stanze, in seguito l’ha lasciato in eredità ad Adamo Tadolini, suo allievo. Da allora questo disordine artistico fa da sfondo a qualche piatto di bucatini all’amatriciana.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


merenda reale castello Rivoli Torino turismo ristorante CombalZero museo arte Milano gallerie Italia DeCanto Venezia Triennale Roma Canova Tadolini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®