Sofidel Papernet
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 08 luglio 2020 | aggiornato alle 12:16| 66602 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Molino Quaglia
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

Bernabò Bocca sul turismo italiano:
«Dobbiamo imparare a fare sistema»

Bernabò Bocca sul turismo italiano: 
«Dobbiamo imparare a fare sistema»
Bernabò Bocca sul turismo italiano: «Dobbiamo imparare a fare sistema»
Pubblicato il 03 agosto 2016 | 10:46

L'Italia avrebbe le carte in regola per vincere la sfida del turismo, ma manca di un'unità promotrice nazionale. Federalberghi lamenta anche alti flussi di visitatori favoriti dalla paura del terrorismo in altri Paesi

Un turismo felice per numeri, ma che potrebbe andare molto meglio. Questo il concetto espresso da Bernabò Bocca (nella foto), presidente di Federalberghi. «Siamo o no il Paese più bello del mondo? Dovremmo o no con tutto il ben di Dio che abbiamo tra città d'arte, spiagge e natura essere ogni anno al primo posto per numeri di turisti? Purtroppo no». Bocca lamenta le potenzialità non sufficientemente sfruttate di un settore turistico che rappresenta una voce importantissima del Pil nazionale.



Se poi gli si vuol ricordare che i numeri parlano di un 2015 ottimo e di un 2016 finora buono, egli ribatte: «Vorrei vincere esclusivamente per i nostri meriti. E non per le disgrazie di Paesi come Tunisia, Egitto, Turchia e adesso Francia». Il quadro disegnato dei sette mesi passati non esclude infatti la situazione turbolenta a livello internazionale: «Siamo partiti forte nei primi tre mesi. Poi c'è stata una brusca frenata a maggio e a giugno. L'attentato terroristico di marzo a Bruxelles ha bloccato gli americani. Questo è solitamente il periodo in cui arrivano in massa da noi».

Con luglio, la ripresa: ma la causa non è da cercare nei nostri sforzi, quanto nelle disgrazie che hanno colpito gli altri Paesi. La crisi in Turchia e i migranti in Grecia sono stati causa di un sovraffollamento di visitatori in Puglia e Sicilia. L'attentato in Francia, da parte sua, ha sicuramentre portato diversi villeggianti lungo le coste liguri, in Versilia e in Sardegna. Gli italiani, per paura, non si muovono dal Belpaese. Dal Medio Oriente poi, aumentano i flussi (Arabia Saudita, Qatar, Emirati). Ci sono i cinesi nelle grandi città d'arte, che diversamente dagli americani risparmiano in hotel e ristoranti, ma compensano con lo shopping. Infine, anche Milano ha visto un aumento di visitatori, spinta secondo Bocca da Expo: «Se anni fa nel weekend solo il 20% delle strutture alberghiere era pieno, adesso la cifra è triplicata».

Bernabò Bocca
Bernabò Bocca

E nonostante queste entrate, un po' date dalla nostra fama nel mondo, un po' dovute ad altri Paesi svantaggiati da un presente burrascoso, esistono ancora Paesi come la Spagna che ci superano. E questo accade perché «non abbiamo un ministero del Turismo, non facciamo sistema, non c'è politica nazionale».

Il problema è ben radicato nel nostro sistema, un sistema nel quale un fine settimana in Liguria costa come una settimana sulla costa spagnola. «Chiariamo. L'Italia spende per promozione più di altri Paesi. Quindi spende male. Trecento milioni, sommando quanto esce da ogni Regione. Il triplo di Spagna e Francia. Non c'è una politica nazionale - lamenta il presidente di Federalberghi - perchè manca il ministero: le Regioni non vogliono delegare i poteri che hanno ricevuto dalla riforma costituzionale del Titolo V. In Cina ad una fiera ho visto lo stand di una nostra Regione di fianco a quello dell'Italia».

La conclusione è una Spagna che vola alto, con una stagione da marzo a ottobre, hotel da 200-300 camere e aeroporti sempre in moto contro gli alberghi italiani che chiudono a settembre, i voli che diminuiscono, uno Stato che non dispone di un tour operator nazionale. E anche a guardare i risultati di Puglia, Sicilia e città d'arte, Bocca non può che affermare: «Non mi lamento. Ma con la squadra che abbiamo dovremmo vincere sempre».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Bernabo Bocca Federalberghi turismo terrorismo spiaggia citta d arte

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®