Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 15 dicembre 2019 | aggiornato alle 02:02| 62568 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI
di Alessandro D’Andrea
presidente Associazione direttori d’albergo
Alessandro D’Andrea
Alessandro D’Andrea
di Alessandro D’Andrea

Cibo, vino, design, moda
Milano tra le capitali d’Europa

Cibo, vino, design, moda 
Milano tra le capitali d’Europa
Cibo, vino, design, moda Milano tra le capitali d’Europa
Pubblicato il 03 maggio 2019 | 10:01

La Design Week ha offerto l'occasione di valutare il percorso fatto dalla città di Milano per accoglienza e turismo: la città si dimostra all'altezza delle capitali europee.

Anche quest’anno la settimana del Salone del Mobile, ormai Design Week, anche in accostamento alle altre settimane tematiche organizzate nella metropoli meneghina, ha fatto centro. Sia per le presenze in città che per le manifestazioni parallele organizzate in ogni quartiere (fuori salone) che per il giro d’affari generato e ancora per la risonanza a livello mondiale della sua unicità. Ma non possiamo non sottolineare come tutto questo successo sia stato determinato in primis dalla capacità con cui la destinazione, Milano appunto, abbia saputo efficacemente rispondere alle aspettative di ogni genere di ospite. Che si fosse in città per partecipare alla fiera o anche solo per visitarla, per incontrare clienti, fornitori o partner, per assistere alla moltitudine di eventi in corso, o solo per conoscerla nei suoi giorni di maggior traffico stradale e pedonale, Milano ha risposto alla grande.

(Cibo, vino, design, modaMilano tra le capitali d’Europa)

In Italia ci possiamo vantare di destinazioni eccellenti quali Portofino, Capri, Firenze, Taormina, Venezia, Roma, solo per citarne alcune (in ordine sparso, ma neanche troppo) che però non possono essere paragonate a mete quali Parigi, Londra, Barcellona, Amsterdam, Berlino. Ma Milano sì. Oggi si può permettere di competere con le più importanti capitali del turismo europeo e mondiale.

Se proviamo ad analizzarla sotto l’aspetto di “destinazione” scopriamo che è facilmente raggiungibile con ogni mezzo; offre storia, arte, architettura, cultura, oltre a tendenze, lifestyle, una sky-line moderna, un look invidiabile, servizi efficienti e funzionali; un’offerta alberghiera e ristorativa con nomi tra i più rinomati a livello mondiale (le prime aperture in Italia dei grandi gruppi alberghieri sono sempre a Milano). Non ne parlo da milanese per vanto della mia città ma descrivo ciò di cui si parla ultimamente e, avendo vissuto anche Parigi, Roma e altre destinazioni turistiche di pregio, posso comunque testimoniare che il cambiamento in corso è del tutto evidente.

Ma è più giusto correre da soli e isolati, quando si è convinti di poter arrivare a destinazione, lasciando indietro zavorre che ostacolano la propria corsa o bisogna fare sistema sempre e comunque, anche quando si sa di non poter contare sulle forze altrui? Credo che nessuno abbia la risposta, ma di certo chi ci crede e si sente simile può aiutarsi, mentre chi pensa solo di potersi attaccare al carrozzone per essere trainato è giusto che venga lasciato indietro. La città metropolitana di Milano e la Regione Lombardia stanno dimostrando di parlare la stessa lingua, quanto a impegno e sforzi da affrontare, convinti di poter raggiungere i risultati auspicati. Milano ha bisogno della Lombardia e la Lombardia ha bisogno di Milano, soprattutto perché credono in un obiettivo comune. Ahimè, non sempre si può dire lo stesso per altre istituzioni nazionali ed europee; quindi, uniti sì, ma solo con chi condivide le stesse convinzioni, altrimenti meglio da soli, anche con il rischio di essere in pochi.

Anche per le organizzazioni associative questo è un dilemma che spesso ci si trova a dover affrontare e non è facile capire quale sia la giusta direzione, soprattutto per chi ha la responsabilità di rappresentare tutti. Chi accetta di far parte di un gruppo deve condividerne lo spirito e gli intenti comuni e non può decidere in autonomia di andare per la sua strada; a meno che non lo faccia con un obiettivo personale, ponendosi quindi fuori dal gruppo, o per scelta o per conseguenza. Ma chi un gruppo lo guida e lo rappresenta, non può allontanarsi dalla strada maestra, anche a costo di perdere lungo il cammino chi non condivide gli stessi obiettivi. L’obiettivo va perseguito sempre e comunque; se si incontrano ostacoli bisogna avere la capacità, la forza e a volte il coraggio di superarli, anche a costo di fare scelte impopolari, se questo serve per il bene comune. Chi perde la bussola può sempre tornare sulla retta via, ma solo se lo vuole e ci crede. Non per forza sarà trascinato da altri.

È troppo facile volere “appartenere” solo per poter godere di immagine e vantaggi e allo stesso tempo decidere di muoversi in autonomia per conquistare credito personale, senza tenere conto delle responsabilità che si sono assunte quando si è deciso di far parte di un’organizzazione basata su principi etici e professionali che tutti dovrebbero condividere. Quando Milano ha deciso di lanciarsi in questo importante progetto di rinnovamento per poter competere e sopravvivere in Europa non ha guardato in faccia a nessuno, e oggi possiamo dire che sta riuscendo nel suo intento.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism milano salone del mobile design cibo moda turismo europa vino

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).