Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 13 novembre 2019 | aggiornato alle 16:38| 61989 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI
di Renato Andreolassi
Renato Andreolassi
Renato Andreolassi
di Renato Andreolassi

Lo sport ha vinto
sulle divisioni della politica

Lo sport ha vinto 
sulle divisioni della politica
Lo sport ha vinto sulle divisioni della politica
Pubblicato il 25 giugno 2019 | 11:05

La vittoria su Stoccolma rappresenta un’occasione da non perdere per incentivare il turismo, rilanciare la nostra economia e valorizzare i territori alpini e i loro prodotti tipici.

«Il 10 luglio partirà la macchina organizzativa per le Olimpiadi invernali del 2026». Da buon lombardo, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana non ha perso tempo. A Losanna, dopo la vittoria sulla Svezia, ha annunciato che il tandem Milano-Cortina, Lombardia-Veneto, è già pronto ad iniziare la corsa verso l’importante appuntamento sportivo che coinvolgerà praticamente tutto il Nord, ad eccezione del Piemonte, dal 6 al 22 febbraio del 2026. Dal 6 al 15 marzo si terranno invece le Paralimpiadi.

Le Olimpiadi invernali 2026 sono un'occasione di rilancio per il nostro Paese (Lo sport ha vinto sulle divisioni della politica)
Le Olimpiadi invernali 2026 sono un'occasione di rilancio per il nostro Paese

Quel che si è detto sottovoce in terra svizzera, ma che gli addetti ai lavori sanno bene, è che lo sport ha vinto alla grande sulle divisioni della politica. Una lezione da non dimenticare. La paura di perdere la partita come con Ema, l’Agenzia europea del farmaco, stavolta ha convinto davvero tutti a fare squadra.

Dopo la gioia e la soddisfazione per la netta vittoria su Stoccolma (47 voti contro 34), adesso ci sono alcune cose da fare e non fare in vista dei Giochi, che costeranno 1,3 miliardi di euro, di cui 925 milioni a carico del Cio. Anzitutto non dividersi politicamente perché a Losanna ha vinto tutta una nazione; non giocare sulle rivalità campanilistiche; non creare squadre di serie A e serie B; fare invece le opere e i progetti mancanti - disponiamo già del 90% delle strutture sportive necessarie - all’insegna della massima legalità e trasparenza; continuare a fare il gioco di squadra tra Livigno, Bormio, Predazzo, Tesero, Cortina e Anterselva, come ci fosse un unico filo rosso che unisce e corre lungo tutta la catena alpina, dalla Valtellina alla Val di Fiemme.

E poi bisogna approfittare di questa vetrina mondiale per tutelare e rilanciare con maggior convinzione i territori montani valorizzando le potenzialità turistiche ed enogastronomiche. Là, sulle Alpi, ci sono prodotti tipici che valgono come gioielli. Ed è pure utile ricordare che i cinque cerchi olimpionici daranno lavoro a oltre 5mila persone e ci sarà una ricaduta sul Pil, stimata con il segno più, fra i 2.300 e 3mila milioni di euro. Scusate se è poco.

Ecco perché a Losanna era importante partecipare e, nonostante le nobili intenzioni del barone Pierre De Coubertin, vincere!

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism sport olimpiadi invernali cio svizzera losanna stoccolma territorio olimpiadi sci

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).