ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 25 ottobre 2020 | aggiornato alle 18:33| 68835 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia

Clima, Riccione entro 80 anni
rischia di perdere spiagge e bagni

Clima, Riccione entro 80 anni 
rischia di perdere spiagge e bagni
Clima, Riccione entro 80 anni rischia di perdere spiagge e bagni
Pubblicato il 29 agosto 2020 | 15:56

E non solo Riccione: tutta l'Italia, anzi, tutto il mondo, a causa dell'innalzamento delle temperature, assisterà all'erosione delle spiagge. Il comune in provincia di Rimini rischia di perdere 128 metri, Ostia 125.

Un recente sondaggio ha rivelato che il 72% degli italiani è più preoccupato, sul lungo termine, degli effetti del cambiamento climatico piuttosto che di quelli del coronavirus. Una preoccupazione lecita, visto lo studio recentemente pubblicato dal Joint Research Centre della Commissione europea: nel 2100 (quindi fra 80 anni) l'innalzamento della temperatura mondiale (che è già in corso da tempo) porterà all'erosione delle spiagge.

Riccione vedrebbe sparire anche una parte di Viale Ceccarini - Clima, Riccione entro 80 anni rischia di perdere spiagge e bagni
Riccione vedrebbe sparire anche una parte di Viale Ceccarini

Lentamente ed inesorabilmente si vedranno arretrare la linea di battigia, col mare che avanza. Un fenomeno che, se magari non è ancora così palese in ampie spiagge come quelle del Veneto, risulta essere più evidente in zone come la Liguria. Il rischio è di perdere in tutto mille chilometri di arenile, chiaramente suddivisi per tutta la Penisola. Qualche esempio? Riccione perderebbe 128 metri, dal mare all'entroterra! Quindi il "paese dei balocchi" per i giovani italiani vedrebbe l'acqua avanzare, facendo sparire bagni, la prima fascia degli alberghi e un bel pezzo dell'arcinoto viale Ceccarini. Ostia? -125 metri, quindi addio al lungomare e alla pista ciclabile, almeno.



Le località a rischio erosione
Le località della Penisola a rischio erosione elencate nello studio sono circa 600: il record dei metri perduti (con 737) spetta ad Ariano nel Polesine, subito sotto c’è San Teodoro (nei pressi di Olbia) con 642 e poi Codigoro, nel Ferrarese, con 473. Ma si prosegue con Chiavari (128), Civitavecchia (133), Pietrasanta (50) e decine di altri lidi.

La situazione in Italia
Nella zona di Rimini, le spiagge arretrerebbero mediamente di 40 metri, ma in alcuni punti potrebbero sparire del tutto. A livello regionale, le municipalità sul litorale adriatico dove le spiagge andranno quasi sicuramente perse - secondo lo studio - sono 3 su 7 (43%) in Friuli-Venezia Giulia, 5 su 12 (42%) in Veneto, 7 su 13 (54%) in Emilia Romagna, 4 su 25 (16%) nelle Marche, 5 su 16 (31%) in Abruzzo. E ancora, 2 su 4 (50%) in Molise, 6 su 67 (9%) in Puglia, le municipalità minacciate sul litorale ionico sono 3 su 8 (38%) in Basilicata insieme a una parte delle 12 su 114 (11%) della Calabria, mentre quelle sul litorale tirrenico sono, oltre a quelle calabre, 4 su 42 (10%) in Campania, 6 su 23 (26%) nel Lazio, 5 su 33 (15%) in Toscana e 3 su 47 (6%) in Liguria. In Sicilia e Sardegna, le municipalità con spiagge a rischio scomparsa sono rispettivamente 20 su 111 (18%) e 24 su 62 (19%).

Il mare, lentamente, conquisterà le spiagge - Spiagge a rischio sparizione entro il 2100: l’Italia potrebbe perdere 1.000 chilometri
Il mare, lentamente, conquisterà le spiagge

La situazione in Europa
Non che consoli, ma il problema investe tutti i Paesi con affaccio balneare. Per stare all’Europa, le tribolazioni maggiori sono per la Francia che nella "Top 100" delle località più a rischio è presente con circa 60 lidi con la forte probabilità di vedere l’arenile azzerato. Una lista che comprende Saint Tropez nella Costa Azzurra anche se il grosso delle aree che potrebbero essere cancellate è concentrato nella costa atlantica, a partire da Biarritz. In pericolo ci sono pure le isole greche di Lefkada e Lesbo, rispettivamente nell’Arcipelago Ionico e nel Mare Egeo nord-orientale, poi Marbella nella costa meridionale spagnola e Santa Cruz nell’Isola di Tenerife (Canarie) e le isole di San Jorge e San Miguel nell’Arcipelago portoghese delle Azzorre.

La situazione nel mondo
Nel mondo, lo scenario peggiore si verificherebbe in Australia (-14.849 km), Canada (-14.425 km), Cile (-6659 km), Messico (-5488 km), Cina (-5440 km), Stati Uniti (-5530 km), Russia (-4762 km) e Argentina (-3739 km).

Che fare per evitare questo disastro?
Tassare le emissioni di CO2 per contrastare il riscaldamento globale, è la proposta che dovrà essere discussa dalla Commissione europea se sarà raggiunto un milione di firme di cittadini europei. Lo si può fare "cliccando" su Stopglobalwarming.eu. Per Marco Cappato - animatore del sito - «nonostante gli appelli di Greta Thunberg, l’azione dei Fridays for future e i solenni impegni internazionali la politica europea latita nell’offrire risposte concrete in grado di contrastare l’emergenza». La Commissione europea «ha espresso la volontà di agire, ma le resistenze degli Stati nazionali rischiano di vanificare ogni buona intenzione. Proprio per questo - prosegue Cappato - apporre la firma su www.stopglobalwarming.eu, significa sostenere l’unica iniziativa formale sul tema già incardinata istituzionalmente, in quanto si tratta di una “Ice” (iniziativa dei cittadini euopei) che verrà obbligatoriamente discussa se raggiungerà il milione di forme necessarie come richiesto dalle leggi Ue».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism vacanza spiaggia mare cambiamento climatico clima temperatura innalzamento secolo 2100 rischio emissioni coronavirus Marco Cappato

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®