Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 03 aprile 2020 | aggiornato alle 13:05| 64582 articoli in archivio
Rotari
Rational
HOME     TURISMO     TERRITORIO

Progetto Pompei, troppi ritardi
Blitz della Dia e sequestro degli atti

Progetto Pompei, troppi ritardi 
Blitz della Dia e sequestro degli atti
Progetto Pompei, troppi ritardi Blitz della Dia e sequestro degli atti
Primo Piano del 12 maggio 2016 | 10:44

Il progetto per il restauro del sito archeologico di Pompei procede, tra entusiasmo apparente e non pochi ritardi nello svolgimento dei lavori. Le numerose proroghe concesse hanno portato a un intervento della Dia. Durante il blitz sono stati sequestrati documenti e atti circa i lavori di restauro della Domus del Marinaio

Il progetto di restauro e tutela della città archeologica di Pompei procede in apparenza a gonfie vele. Lo assicura il sovrintendente ai lavori Massimo Osanna (nella foto). In realtà, però, i tempi di lavoro si sono fatti troppo lunghi, e i ritardi si sono accumulati. Come se non bastasse la Dia (Direzione investigativa antimafia) ha effettuato un'ispezione e il sequestro dei documenti nel cantiere della Domus del Marinaio per sospetti “condizionamenti esterni” nei lavori.



Ma facciamo un passo indietro, il "Grande Progetto Pompei" è un'iniziativa voluta dal Governo, atta a rafforzare azioni di tutela nell’area archeologica in provincia di Napoli. Si tratta, in sostanza, di un programma straordinario e urgente di interventi conservativi, di prevenzione, manutenzione e restauro. Della sua attuazione e del suo procedere, più soddisfatto non potrebbe dimostrarsi Massimo Osanna, sempre più ottimista ad ogni domus “riaperta”.

«Procediamo al ritmo - ha spiegato il sovrintendente - di un milione a settimana». Tuttavia qualche difficoltà sussiste: «Il ritardo accumulato è determinato essenzialmente dall'incompletezza dei progetti e dagli iter piuttosto lunghi delle gare di assegnazione dei lavori. Quando sono arrivato ho trovato un notevole ritardo nella redazione dei progetti che si collocano all'interno del cosiddetto "Grande Progetto". E allora abbiamo investito molto nelle risorse professionali. Il ministro Dario Franceschini ha creato una segreteria tecnica ad hoc composta da ingegneri, architetti e archeologi».

Massimo Osanna
Massimo Osanna

Investimenti, tanti. Non di meno, dunque, le aspettative. Tuttavia rimane qualche perplessità per i ritardi accumulati, specialmente se si considerano le zone d'ombra che circondano i restauri della Domus del Marinaio: le svariate proroghe richieste - i lavori sarebbero dovuti terminare il 6 febbraio 2015, ma ancora procedono - hanno infatti attirato i sospetti della Dia. Gli agenti della Direzione investigativa antimafia hanno infatti effettuato un blitz negli uffici della soprintendenza.

Sequestrati gli atti della gara e dello stato di avanzamento del cantiere. La ragione? Il sospetto di condizionamenti esterni nei lavori… in breve, una possibile infiltrazione malavitosa. I tecnici della soprintendenza e i supervisori si sono detti tranquilli, e addebitano i ritardi alla mancanza delle analisi strutturali del progetto di restauro, assicurando l'assenza di coinvolgimenti della Malavita nelle gare bandite con i fondi dell'Unione europea.



A sostenere la tesi degli “addetti ai lavori”, l'ultima relazione sul controllo degli appalti relativa al primo trimestre del 2016, consegnata il 3 maggio scorso al direttore generale del progetto, generale Luigi Curatoli, a firma del responsabile della vigilanza antimafia, il maggiore Raffaele Giovinazzo. Anche se, è importante ricordarlo, non sarebbe la prima volta che lavori di restauro della domus del Marinaio finiscono nel mirino della Dia: l'ultimo blitz risale infatti al non lontano 2013.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Pompei Massimo Osanna Dia mafia scavo archeologico Dario Franceschini Grande Progetto Pompei Domus del Marinaio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®